Andrea Ardito, l'intervista da Bormio sul Torino, Cairo e l'Europa

Ardito a Bormio: “Toro-Mantova? Ho ancora i brividi. Qui vedo un grande clima”

di Redazione - 17 Luglio 2019

Intervista / Da Bormio, l’ex giocatore del Torino Andrea Ardito parla del suo passato granata. E su Cairo: “E’ cresciuto in questi anni”

nostri inviati a Bormio, Ivana Crocifisso – Andrea Piva / Era a Bormio per studiare gli allenamenti di Walter Mazzarri, Andrea Ardito. Lui, che con il Torino ha collezionato 60 presenze tra il 2005 e il 2007, ora di mestiere siede in panchina. Ha protetto quella del Seregno, fino alla passata stagione, e adesso studia per perfezionare tecniche e idee di calcio. In un’intervista, ci ha parlato così, partendo dai ricordi più belli degli anni granata: “Toro-Mantova? Da infortunato ero comunque lì a bordocampo. Poi sono entrato a fine partita… ho i brividi ancora adesso. Ogni tanto con mia moglie ricordiamo quella giornata lì. L’abbiamo vinta noi, ma tutti insieme: senza quel pubblico non avremmo ottenuto il successo. Un altro è un secondo Torino-Mantova, sempre di quell’anno lì. Noi venivamo da due mesi e mezzo senza vincere una partita. Incontrammo il Mantova e poi andammo a Cesena: e nella prima delle due ottenemmo una vittoria che aprì un cammino insperato. Poi facemmo nove vittorie nelle ultime dieci”.

Ardito e il passato nel Torino: i suoi ricordi

Ancora sulla finale playoff contro il Mantova: “Mi ricordo tutte le ore che hanno separato il fischio finale dell’andata alla partita di ritorno. La sera siamo rimasti svegli, ci siamo messi su un piano dell’albergo a parlare e a berci delle birre: eravamo un gruppo eccezionale. Lì è cominciata la rimonta. Poi la sera prima del ritorno, a Borgaro, fu un’altra svolta: 2.500 tifosi vennero a parlarci e a chiederci solo di dare tutto. E noi l’abbiamo fatto”.

Con gli ex compagni, il rapporto di Ardito è tuttora molto buono: “Ci sentiamo spesso e ci rivediamo ogni tanto: quando ci ritroviamo anche con membri della società attuale, presidente compreso, non sembra siano passati tredici anni, ma molti meno. C’era un’empatia particolare, che si riscontra anche a distanza di anni”.

Andrea Ardito sul presidente del Torino, Cairo

Su Cairo, poi, Ardito dà le sue impressioni: “L’ho rivisto carico. Secondo me la scorsa annata si è ricreato un po’ di rapporto con la tifoseria: è stata la squadra pi forte che abbia costruito in questi anni. Il presidente è una persona intelligente, lui è riuscito a crescere. Non è stato aiutato dall’essere arrivato e aver vinto subito, perché così si rischia di pensare che sia tutto semplice. Ha tastato lui con mano quanto è difficile con la retrocessione in Serie B”.

L’Europa e la preparazione atletica del Toro

Sull’Europa: “Sto vedendo un grandissimo clima tra i ragazzi. Poi durante l’allenamento c’è la giusto concentrazione, però è un prosieguo dello scorso anno. Alla fine la squadra è rimasta, per ora, la stessa. La cosa che mi ha colpito di Mazzarri è la fiducia nello staff: questo clima positivo sta dando fiducia a tutti e permette a tutti di dare qualcosa in più”.

Sulla preparazione atletica anticipata in vista dell’Europa: “Non sarà semplice tenere i ritmi elevati per tutto l’anno. Quando ero a Bologna avevamo iniziato molto prima per l’Interrotto. L’Atalanta, però, ha dimostrato che si può fare. Il Torino quindi ha la possibilità di fare bene“.

più nuovi più vecchi
Notificami
Ultrà
Utente
Ultrà

io ricordo l’ammutinamento a Chievo…a fine stagione quel gruppo fu smontato…

Gianluca
Utente
Gianluca

L’Atalanta però in Europa League non ci è andata, altrimenti con il cavolo che riusciva a qualificarsi per la Champions. Da questo punto di vista sono timoroso. Proprio l’Atalanta per colpa del contraccolpo subito con i preliminari (sei giovedì di fila, se tutto va bene) ha iniziato il campionato in… Leggi il resto »