Il borsino granata: chi sale e chi scende dopo Venezia-Torino, match terminato in pareggio a causa di un rigore

Al di là degli errori individuali, delle assenze, dei passi indietro e delle difficoltà varie, va detto che il pareggio scaturito al Penzo è il risultato più giusto. Ed alla fine lo ha ammesso con onestà intellettuale lo stesso Juric pochi minuti dopo la gigantesca occasione di Mandragora che gli aveva fatto tornare l’acquolina in bocca dopo aver già pregustato la vittoria pure dopo il gol di Brekalo e fino al rigore causato da Djidji con annessa espulsione. L’allenatore croato ha giustamente sottolineato le prestazioni contro Atalanta e Lazio, avversarie ben più quotate, contro le quali nei minuti di recupero si sono gettati via tre punti anche in quel caso, purtroppo, a causa di errori individuali in difesa.

Sarebbe ingiusto eleggere a capro espiatorio il povero Djidji, autore in quelle partite (ed anche contro i lagunari) di errori costati cari e, da buon allenatore, Juric giustamente lo protegge. Tuttavia il calcio è fatto anche e soprattutto di episodi ed in tutti questi casi un po’ per sfortuna ed un po’ per imperizia il francese di origini ivoriane c’entra sempre (e c’è da dire che non è nuovo nel compiere interventi maldestri). L’assenza di Izzo e la scarsa conoscenza del campionato italiano da parte di Zima lo hanno lanciato titolare ma nel derby Djidji mancherà per squalifica così come mancheranno ancora Izzo, Praet, Pjaca, Zaza, Belotti e forse Ansaldi. Un bel vantaggio per gli avversari che lamentano le assenze di Dybala e Morata alle quali tuttavia faranno fronte con gli sguscianti Chiesa e Kean in grado di mettere in maggior apprensione una difesa lenta come quella granata.

Insolitamente il Torino si giocherà il derby partendo dalla stessa posizione di classifica dei cugini. Dopo sei giornate la squadra di Juric ha difatti racimolato 8 punti frutto di tre terzine: prima due sconfitte, poi due vittorie ed infine due pareggi. La speranza è che ora non ricominci daccapo.

Venezia-Torino: chi sale

BREKALO     al primo sigillo in maglia granata nella sua partita meno brillante. Soprattutto nel primo tempo sbaglia alcuni controlli e fatica a liberarsi ma la gioia del gol lo ripaga e lo proietta al suo primo derby.

SINGO    ha sfruttato le proprie qualità: secondo assist decisivo consecutivo, stavolta ancora più cercato. Fa valere la sua esuberanza su Schnegg anche dietro.

POBEGA    tra i migliori in campo, bravo nello smarcarsi e a dettare il passaggio, preciso nei suggerimenti, fin troppo deciso nei recuperi ed infatti rischia l’espulsione.

RODRIGUEZ    patisce qualcosa se preso in velocità ma per il resto se la cava bene sbrogliando situazioni dietro e proteggendo con esperienza.

BASELLI    esordio stagionale per il centrocampista giunto ormai alla settima stagione in granata. Si propone in area ed è sempre pulito e ordinato anche se un po’ troppo sulle punte.

LUKIC    gioca arretrato e si rende protagonista di diversi recuperi e di un buon duello con Busio. Pulisce palloni e nel finale innesca magistralmente Mandragora.

ZIMA    entra a freddo dopo l’espulsione di Djidji, qualche intervento positivo e qualcun altro inutile. Ma probabilmente toccherà a lui sabato.

Venezia-Torino: gli stabili

SANABRIA    ancora una prova di sacrificio ed appena un tentativo alto di poco. Costretto a fare gli straordinari da quattro giornate per assenza di alternative, sembra a corto di energie.

BREMER    guida autorevolmente la difesa azzeccando i tempi giusti per uscire ed avviare le ripartenze. Non legge in tempo il tacco di Johnsen sul rigore.

MILINKOVIC-SAVIC    si nota solo nel finale: dapprima l’ammonizione, poi il rigore sfiorato ed infine la respinta a mano aperta sulla punizione di Kiyine.

MANDRAGORA     subentra nel finale e si rende protagonista di un buon lancio e della palla gol finale che spreca dopo una lunga corsa calciando col piede sbagliato.

ANSALDI    non in una delle sue giornate migliori quanto ad affondi e cross, si fa male ma stringe i denti e recupera palla con esperienza in area granata. In dubbio anche lui per il derby.

LINETTY    titolare per forza, piuttosto in ombra come spesso accade. Innesca Brekalo in area, prova qualche dialogo con Sanabria ed un tiro “telefonato”.  

VOJVODA     a freddo commette un brutto errore in disimpegno, poi sparisce ed infine innesca con un buon appoggio di testa l’azione finale.

Venezia-Torino: chi scende

DJIDJI    Juric lo difende, gli episodi lo condannano: rischia il giallo già all’8’, concede il colpo di testa a Okereke a due passi dalla porta, causa il rigore e viene espulso al 76’.

Sasa Lukic of Torino FC greets the fans at the end of the Serie A football match between Torino FC v SS Lazio.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 29-09-2021


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
16 giorni fa

5 punti persi sono tanti.non mi va di dare addosso a Djidji che pur ha fatto delle buone prestazioni,ma le disattenzioni purtroppo pesano.speriamo che il turno di stop gli faccia bene,e che x il derby riusciamo a recuperare qualcuno.

Tutti all’altezza, ma che spreco…

Il borsino granata / Perde anche Juric, derby ormai svuotato