Torna l’appuntamento con il borsino di Carlo Quaranta: ecco chi sale e chi scende dopo Lazio-Torino

Il Torino resta fedele a se stesso e nemmeno per Pasqua regala una sorpresa a se stesso ed ai propri tifosi: come da copione ormai consolidato, i granata disputano una prova convincente contro una delle prime otto in classifica ma non riescono a condurla in porto per un nonnulla. Come già ripetuto in queste ultime settimane, con una classifica ormai senza preoccupazioni né ambizioni particolari, il risultato conta relativamente ed è più importante in questa fase valutare l’approccio, la prestazione, i progressi (sia dei singoli che collettivi), i dettagli. Sennonché, se fino al 92’ ci si poteva ritenere soddisfatti, proprio il dettaglio nella mancanza di attenzione, di motivazione extra, di braccino corto negli ultimi minuti sta diventando (anzi lo è già da tempo!) un aspetto importante sul quale concentrarsi ancora più approfonditamente poiché non è ammissibile gettare via tanti punti alla fine, sia per la classifica che per una piena autostima: da inizio campionato sono già 17 i punti persi da situazione di vantaggio, dei quali 14 negli ultimi 15’, 11 dall’85’ in poi.

Così come contro il Milan una settimana prima, anche contro i capitolini Belotti e compagni hanno dimostrato maturità nella gestione del match, non concedendo il tiro agli avversari – che pure hanno pressato alto e tentato di giocare in velocità per opporsi alle marcature a uomo – e azzannando al momento giusto. Anche le statistiche hanno dimostrato che si è giocato alla pari, pure per quanto riguarda i tiri in porta (ma i granata hanno anche colpito un palo). Insomma una maturità ed una consapevolezza quasi completa ed in quel “quasi” una buona fetta è proprio relativa a “quel” dettaglio sul quale nemmeno il rude Juric è ancora riuscito ad incidere. E poi c’è sempre quella lacuna – anche in questo caso cronica – di prestazioni e risultati contro le ultime otto, un altro aspetto a cui si dovrà porre presto rimedio ed a tal proposito la prossima partita contro lo Spezia capita a fagiolo. Confidando magari nell’ennesimo recupero fisico del Gallo o quantomeno che la nuova speranza Pellegri, una volta sbloccato, confermi quanto di buono fatto vedere fino al 91’.

Lazio-Torino, chi sale

VOJVODA    duella sin dall’inizio con Lazzari sul quale talvolta usa le maniere forti, sbroglia tantissime situazioni in difesa ed è provvidenziale in scivolata su Felipe Anderson. Peccato per quella conclusione un po’ “masticata” nel p.t.

PELLEGRI     con uno stacco perentorio su calcio d’angolo di Rodriguez realizza il primo gol in maglia granata con tanto di esultanza liberatoria. Si fa anche ammonire e – come già accaduto a Sanabria contro l’Inter – perde un pallone esiziale al 91’. Ma sono senz’altro maggiori i meriti.

RODRIGUEZ    senza dubbio tra i migliori in campo, sia nel controllo di Felipe Anderson sul quale è spesso in vantaggio in area che nelle gittate precise sia in movimento che da fermo sui corner (tra cui quello che frutta il gol).

RICCI    gioca una partita con grinta e carattere adeguandosi a quanto gli viene chiesto. Segue Luis Alberto sul quale è sempre piuttosto attento così come su Basic nella parte finale. Ci prova di testa sotto porta e conferma costanti e significativi progressi.

AINA    dopo due mesi di bocciature esplicite, Juric lo manda in campo dall’inizio per la prima volta nel 2022 e lui approfitta del momento no di Singo facendosi trovare pronto con una prestazione finalmente convincente.

Lazio-Torino, stabili

POBEGA    controlla da vicino Milinkovic-Savic e lo contiene a fatica (per due volte il serbo impegna Berisha) ma quando esce nel finale ai granata va ancora peggio… per il resto solita intensità, strappi ed inserimenti ma anche qualche errore nei passaggi.

LUKIC    stavolta tocca a lui giocare qualche metro più avanti del solito, sempre molto dinamico, va incontro al possessore di palla per ricevere e proporsi all’impostazione e si allarga sulla destra. Con costrutto Disturba Leiva e va anche al tiro.

BREKALO     non attraversa un periodo particolarmente ispirato, le sue iniziative non producono assist o gol anche se si districa bene nel traffico e dà l’avvio a diverse azioni. E un erroraccio nel controllo al limite della propria area sarebbe potuto costare carissimo nel finale.

IZZO    altra buona prestazione del difensore campano che non concede nulla a Zaccagni e che per poco non segna con un colpo di testa salvato sulla linea da Felipe Anderson. Peccato si faccia male e debba uscire poco dopo.

BREMER    all’ennesima prova del 9 (nel senso di centravanti avversario da annientare) appare fin troppo sicuro di sé e se per larghi tratti sembra cavarsela anche sullo sgusciante Immobile dal quale è beffato proprio sul gong. Sfortunato nel colpire il palo su colpo di testa.

ZIMA     subentra ad Izzo e tiene bene il campo nel finale. A parte un’incomprensione aerea con Berisha gestisce bene chiudendo efficacemente anche su Basic e dimostrandosi affidabile.

BELOTTI    stretto nella morsa Acerbi – Patric, non riesce a essere protagonista. Cerca di rendersi utile anche nei panni di suggeritore e nelle occasioni avute è bravo a smarcarsi ma non altrettanto nell’impatto col pallone. Resta ancora una volta vittima di un infortunio muscolare, stagione non fortunata.

BERISHA    una parata nel primo tempo e soprattutto un bel colpo di reni sul colpo di testa di M. Savic al 76’. Ma non è totalmente esente da colpe sul cross che propizia il pari e nelle uscite alte in generale.

Lazio-Torino, chi scende

SINGO     subentra nell’ultima quarto d’ora ma si rivela una scelta infelice poiché è troppo compassato, si fa soffiare palla da Zaccagni e nel finale non chiude la diagonale su Immobile che firma il pari.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 20-04-2022


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
poggiardo granata69
poggiardo granata69
7 mesi fa

Veder giocare il Toro è un piacere…peccato x il difetto che abbiamo nei finali di partita,altrimenti la classifica sarebbe molto diversa…

Cup
Cup
7 mesi fa

Se non prendessimo gol nei finali di partita avremmo la difesa più forte della serie A… non mi convince, per me il problema vero resta l’attacco dove segnamo troppo poco per essere da medio-alta seria A

poggiardo granata69
poggiardo granata69
7 mesi fa
Reply to  Cup

D’accordo con te,altro problema segniamo poco in base a quello che produciamo.

Il borsino granata / Alla pari

Tra finali da censura e giovani speranze