Il borsino granata dopo Torino-Bologna 1-1: ecco chi sale e chi scende dopo il pareggio rimediato contro i rossoblu

Nemmeno una vittoria brutta e sporca. A questo Torino non riesce nessuna impresa positiva, sa dilapidare tutto da situazioni di vantaggio, sa perdere meritatamente e immeritatamente, subire gol in qualsiasi modo e con qualunque modulo ma non sa vincere. Una sola vittoria in tredici giornate contro un Genoa malmesso e nelle medesime condizioni dei granata ma che da ieri ha staccato la spina Maran per riattaccare quella dell’usato sicuro Ballardini (che probabilmente sarebbe stato uno dei pochi nomi a far comodo al Torino in tale situazione se si decidesse di esonerare Giampaolo) e tanta, tantissima depressione.

Toro, l’impegno messo in campo contro il Bologna non cancella le scorie

A differenza della partita contro l’Udinese si è notato un maggior impegno ma mancando la qualità evidentemente questo non basta. Così come non basta un gol di vantaggio considerato il fatto che la porta – quale che sia il custode – ormai non resta mai inviolata (31 gol subiti è record!). Resta difficile da capire cosa possa fare ancora il volenteroso Giampaolo che nel post partita fa sempre delle analisi tecniche condivisibili e che si è superato cambiando moduli e uomini ma soprattutto affermando che la Società finora è stata perfetta (sebbene non gli abbia fornito il materiale tecnico per consentirgli di svolgere al meglio il suo lavoro). Ma le scorie nella testa dei giocatori restano e i piedi pure: raramente si contano più di due passaggi di fila in fase offensiva da parte dei vari centrocampisti e trequartisti e latitano pure i cross dalle fasce.

Dinanzi a tale stato di fatto è chiaro che rischiamo di ripetere cose già dette e ridette: le scelte societarie al termine della passata già “rischiosa” stagione non si sono rivelate giuste, sia per quanto riguarda gli acquisti che per quanto riguarda le (mancate) cessioni. Per di più memori della genesi di tale situazione (casi Petrachi e N’Koulou nell’estate 2019) si poteva e si doveva impedire di perdere la situazione di mano in questo modo. Ora o si conferma Giampaolo avendo cura di affiancargli una figura dirigenziale forte o lo si sostituisce con un altro tecnico più pragmatico e dal carattere risoluto. In entrambi i casi, se si vuol uscire dall’impasse tecnica e mentale, a gennaio occorre una mini rivoluzione nella rosa.

Torino-Bologna 1-1-: chi sale

VERDI      discreta risposta dopo esser stato fuori un paio di settimane per infortunio. Batte la punizione che porta in vantaggio i granata con il contributo decisivo di Da Costa. Per l’ennesima volta si confida in un morale più alto in vista del match contro l’altra sua ex squadra.

Torino-Bologna 1-1: gli stabili

BELOTTI        nel giorno del suo ventisettesimo compleanno non timbra il cartellino che lo porterebbe già in doppia cifra. Come al solito si dà da fare e prende botte lottando caparbiamente, talvolta anche con un pizzico di egoismo.

IZZO      parte per la prima volta titolare in questa stagione e viene riproposto nella posizione di terzino destro nella difesa a quattro. Buone diagonali dietro, in avanti sale ma non crossa.

MILINKOVIC SAVIC       bene in uscita per disinnescare un tiro ravvicinato di Palacio, smanaccia bene anche un gran tiro di Barrow ma non è impeccabile sul gol di Soriano.

RINCON      nel reparto mediano è il meno peggio e cerca di farsi vede anche in area avversaria. Positivo qualche anticipo con cui crea superiorità ma poi vanifica tutto sbagliando il passaggio.

Torino-Bologna 1-1-: chi scende

LYANCO       qualche errore in disimpegno ma anche buone chiusure e un gol salvato. Sempre ruvido negli interventi, prende il giallo che gli costerà Napoli.

LINETTY       troppo intermittente e anche lui inghiottito dal nulla che ha attorno. Aiuta nel raddoppio e si propone per ricevere il pallone a centrocampo ma sbaglia troppo. In calo.

BONAZZOLI        prova a fare pressing sul portatore avversario ed a farsi vedere dalle parti di Da Costa ma deve uscire dopo appena 28’ per guai muscolari. Fortunatamente gli esami escludono lesioni.

LUKIC      in chiaro calo rispetto alle prime gare nella posizione di trequartista nella quale aveva fatto tanto bene. Non ha idee per Verdi e Belotti e non entra mai veramente in partita.

RODRIGUEZ      torna esterno nella difesa a quattro ma delude per disimpegni difensivi errati e pericolosi e perché davanti non si vede mai. Vignato lo sovrasta.

GOJAK       evanescente, anonimo. Ha l’opportunità di mettersi in luce dal 1’ ma fa fatica a farsi vedere, non contribuisce con alcuna idea ed anzi perde palloni pericolosi.

BREMER     conferma di non attraversare un buon momento di forma. In qualche modo se la cava con Palacio ma legge male il taglio Vignato – Soriano nell’azione del gol.

MEITE’      entra a partita in corso e riesce a non far rimpiangere Gojak. È talmente lento ed indolente da apparire demotivato, certamente è demotivante.

Verdi
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 22-12-2020


13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Mondo
Mondo
9 mesi fa

La scossa ci vorrebbe al nano su una bella sedia elettrica.

Maratona 76 (urge derattizzare il TORO)
Maratona 76 (urge derattizzare il TORO)
9 mesi fa
Reply to  Mondo

l’unica “scossa” realmente utile

rat-killer-poison-307.jpg
ale_maroon79
ale_maroon79
9 mesi fa

Per me Giampaolo è già esonerato, attendono la pausa natalizia per ufficializzarlo.
Anche perchè da stasera siamo ultimi insieme ai nostri mirabili cugini genoani.

Trapano
Trapano
9 mesi fa
Reply to  ale_maroon79

Che vanno a spezia.. noi invece andiamo a Napoli, credo che passeremo il natale in fondo alla classifica soli soletti…

tarzan_annoni
tarzan_annoni
9 mesi fa
Reply to  ale_maroon79

Se lo caccia, aspetta fine gennaio. Chiunque si presenti chiederà garanzie su acquisto giocatori……

ale_maroon79
ale_maroon79
9 mesi fa
Reply to  tarzan_annoni

Possibile anche questo…di sicuro chi viene in questo momento accetta una missione suicida.

Mondo
Mondo
9 mesi fa
Reply to  tarzan_annoni

👍 Vero

Trapano
Trapano
9 mesi fa
Reply to  tarzan_annoni

Per me non lo caccia, a gennaio rinforzera’ la squadra con Schone e Ceppitelli e via andare, “ora mister tocca a lei, io i rinforzi glie li ho presi..”

rotor
rotor
9 mesi fa

Ma che scossa ,il Crotone dopo il primo tempo sta vincendo 2-0 sul Parma con 2 goal di un grande Messias che giocava nei dilettanti a Torino e fu scoperto da Ezio Rossi,trascorreremo il Natale da ultimi in classifica,complimenti presidente: un altro prestigioso record per lei.

Francesco 71 (rondinella)
Francesco 71 (rondinella)
9 mesi fa
Reply to  rotor

Il nano, prima di distruggerci o lasciarci, batterà ogni record negativo di una Storia non molto vincente (Grande Torino a parte) ma sempre gloriosa. No, nessuno lo dimenticherà

ale_maroon79
ale_maroon79
9 mesi fa
Reply to  rotor

La storia di Messias è incredibile, un ragazzo che ormai aveva rinunciato a fare il calciatore ma poi viene scoperto per caso da Rossi, uno che di calcio ne capisce eccome. E dopo aver fatto le categorie minori in pochissimi anni è arrivato in Serie A passando dalla porta principale,… Leggi il resto »

Il borsino granata / Quelle scosse necessarie

Il borsino granata / Un 2020 da cancellare in fretta