Dai nuovi risposte positive

di Carlo Quaranta - 21 Agosto 2018

Prima appuntamento nel nuovo campionato con Il Borsino di Carlo Quaranta: ecco chi sale e chi scende dopo Torino-Roma

“Niente di nuovo, a parte i nuovi” verrebbe da dire al termine della prima partita di campionato che ha visto i granata soccombere all’ultimo minuto con la consueta dose di scalogna. Per 90 minuti il Torino ha tenuto il ritmo della Roma, in alcuni momenti ha sofferto ed in altri ha creato dimostrando di potersela giocare ad armi pari e di poter uscire dal campo con un risultato positivo che avrebbe senz’altro meritato. Ma purtroppo sono gli episodi a determinare il risultato e ancora una volta ai granata è girato tutto storto: se alla traversa di Rincon i giallorossi possono contrapporre il palo di Dzeko, il gol annullato a Falque per una questione di millimetri, il possibile rigore nemmeno scandagliato dal VAR sullo stesso spagnolo e gli infortuni di De Silvestri e Izzo che hanno compromesso gli equilibri difensivi rappresentano dei fattori oggettivi con i quali si è dovuto fare i conti.
Il nervosismo di Mazzarri, Petrachi e Falque sono figli anche di frustrazioni e recriminazioni per ciò che sarebbe potuto essere e non è stato in virtù di una prestazione tonica, positiva sia dal punto di vista della compattezza di squadra che dalle risposte arrivate dai singoli giocatori, a partire dai veterani Moretti e dal rigenerato Belotti fino ad arrivare ai nuovi (tutti promossi, ma aspettiamo a dare giudizi definitivi) che hanno dimostrato di poterci stare in un gruppo che deve necessariamente essere più ambizioso rispetto agli anni passati. Ad imporlo sono un mercato all’altezza delle aspettative, una preparazione atletica che sin dal precampionato ha lasciato intravedere un Toro già a buon punto e soprattutto la risposta più attendibile, quella del campo. Non resta che caricare a testa bassa, da Toro, la malasorte.

Il Borsino dopo Torino-Roma: chi sale

RINCON prova dinamica e a grandi linee convincente da parte del centrocampista venezuelano che finalmente fa vedere le sue doti di interdizione con buone scelte di tempo e sfiora il gol anche con un tiro secco che centra la traversa. Buona la prima.

Il Borsino dopo Torino-Roma: chi è stabile

MORETTI inizia da titolare la sesta stagione in granata con 37 primavere sulle spalle e la consueta professionalità, efficacia e voglia di stupire. Eccellente con tackle salvifici su Under e ottimo senso della posizione. Anche lui soffre però il giovane Kluivert nel finale.
NKOULOU quest’anno parte nella posizione di centrale nel pacchetto difensivo: in attesa di verificarne il rendimento a lungo termine, si può dire che ha certamente superato il primo esame con interventi decisivi a salvare la porta di Sirigu.
BASELLI baricentro basso, tatticamente disciplinato seppur poco appariscente. In fase offensiva si fa notare per un tiro dal limite che sfugge dai guanti di Olsen regalando l’illusione del gol ma vale molto di più il salvataggio disperato su Pastore in area granata.
SIRIGU anche l’estremo difensore granata riprende da dove aveva lasciato la scorsa stagione: buona un’uscita coi pugni in area (poi è salvato da Meité), efficace in un intervento tra i pali per respingere un fendente di Under. Sul gol non ha colpe.
BELOTTI il Gallo è ancora il capitano del Torino: basterebbe questo per trovarlo in salita nelle azioni granata. Per di più viene da un precampionato molto positivo e contro i giallorossi ha esibito il temperamento dei giorni migliori pressando, recuperando e impensierendo l’intera retroguardia avversaria.

Belotti
Andrea Belotti of Torino FC looks on during the Serie A football match between Torino FC and AS Roma. AS Roma won 1-0 over Torino FC.

Il Borsino dopo Torino-Roma: chi scende

DE SILVESTRI la sua generosità gli causa un paio di botte nei primi minuti: nella prima occasione si scontra col compagno Izzo, resiste fino al contrasto con Kolarov nel quale riporta la peggio rimediando una contusione costale al emitorace destro. In dubbio per l’Inter.
BERENGUER nonostante qualche buona indicazione estiva, non convince nella prima di campionato soprattutto in fase difensiva: un buon recupero su Dzeko ma soffre Under e soprattutto Kluivert che diventa letale. E non brilla nemmeno davanti.
FALQUE protagonista della partita e del post partita: in campo diverse buone iniziative tra cui l’assist per Rincon (miglior occasione del p.t.), un gol annullato e l’episodio del rigore forse un po’ cercato. Poi frasi al veleno che lasciano presagire poco di buono.

Il Borsino dopo Torino-Roma: i nuovi

MEITE’ buon esordio per il francese che potrebbe rappresentare la “scommessa” vinta di questa stagione: salva un gol a fine p.t., fa sentire la propria presenza in campo contrastando efficacemente sia Pastore che Strootman e ben impressionando nel contesto di una gara difficile.
IZZO fa subito vedere di che pasta è fatto murando provvidenzialmente una conclusione verso la porta di Sirigu. Se la cava sia con Dzeko che con El Shaarawy ed è efficace nel pressing alto. Ottimo impatto e personalità nella retroguardia granata ma nel finale esce per guaio alla caviglia la cui entità è da valutare.
AINA subentra a De Silvestri sulla corsia destra e non sfigura dimostrando anche lui che in questa squadra può starci: lanci, affondi incisivi (tra cui quello del gol annullato), anticipi e qualche buona lettura difensiva (a parte l’ultima, inguardabile, su Dzeko).
BREMER pochi minuti al posto di Izzo per il brasiliano che se la deve vedere subito con uno dei clienti più ostici della serie A (Dzeko) tanto per prendere le misure. Una buona lettura al limite dell’area e poco altro per poter giudicare.
SORIANO scampoli di partita per il neo arrivato alla corte di Mazzarri, giusto il tempo per assistere dal campo al gol partita avversario. Un’operazione di mercato effettuata sottotraccia da parte della società che ha portato in granata un centrocampista che (se si dovesse confermare il giocatore dei tempi della Samp) risponde ai criteri del profilo che potrebbe consentire il famoso salto di qualità. Un benvenuto a lui ed a tutti gli altri!

più nuovi più vecchi
Notificami
Gigi
Utente
Gigi

Certo che se si gioca per mantenere il pareggio non si può parlare di “scalogna” all’ultimo minuto (indirizzato al sig Carlo Quaranta).

poggiardo granata69
Utente
poggiardo granata69

peccato davvero.peccato perché il Toro visto domenica mi è piaciuto davvero.peccato aver perso ed Silvestri prima e izz poi.cmq i nuovi sono stati positivi,mentre gli altri non hanno fatto che confermare il loro valore.una nota positiva arriva da Rincon,se è quello visto domenica siamo vicini al giocatore che bene ha… Leggi il resto »

Viaggiatore
Utente
Viaggiatore

A centrocampo: sonnolenti nel primo tempo a parte qualche incursione di Rincon.
Un po’ più propositivi nel secondo tempo, ma ci vuole più iniziativa.
Urge la presenza di Ljajic.

X