La “spina attaccata” serve a vincere (a volte): ma così non può bastare

di Valentino Della Casa - 29 Gennaio 2018

La differenza tra Torino e Benevento si è vista solo a tratti. Mazzarri invoca più concentrazione: la stessa che chiedeva Mihajlovic. C’è ancora molto da lavorare

Poco è cambiato, rispetto all’andata, a livello di punti. Dopo tre partite, infatti, il Torino ne aveva conquistati sette, come adesso: un pareggio (con polemiche per il Var, le prime di tutta la Serie A che non potevano non riguardare il Toro, e come vittima) in casa del Bologna, una vittoria convincente sul Sassuolo, una fortunosa con il Benevento. Ora, a distanza di un girone, si può dire che convincenti sono stati i tre punti con il Bologna; faticoso il pareggio con il Sassuolo; meritato, ma meno facile da conquistare rispetto al previsto, il 3-0 sul Benevento. D’altra parte Mazzarri ha ragione: a questo Torino serve concentrazione, e calma. Quella che evita di portare avanti con foga agonistica una partita che si era già incanalata sui binari giusti dopo 3′, grazie alla rete del solito Falque. Rispetto al passato, è forse questa la maggiore (e non da poco) differenza, il Torino è riuscito a non staccare troppo la spina, andando a complicarsi le cose da solo, come capitato, citando a caso, con Verona, Spal, o molte altre squadre.

Ma, ancora, non ci siamo. O meglio, la convalescenza continua. Perché dal primo al secondo gol sono intercorsi alcuni rischi di troppo che contro un avversario oggettivamente di molto inferiore sulla carta non ci si sarebbe aspettati. Ed è servita un’espulsione, per affossare le speranze di un Benevento caparbio, ma forse davvero troppo inadeguato per la categoria. La strada da percorrere è ancora tanta, e questo l’allenatore lo sa bene. Lo ha anche dichiarato, senza mezzi termini. Il lavoro di Mazzarri, da oggi, riparte da qui. Vale a dire dalle stesse pecche che evidenziava proprio Mihajlovic, con la differenza che, a oggi, la rete subita è una sola. Ma l’Europa è ancora troppo lontana, anche solo per i valori messi in campo: ci vorrà un altro Toro, soprattutto contro le avversarie di livello. Che non si possono affrontare, cedendo i giocatori più tecnici che si hanno in rosa, per quanto poco funzionali. Ogni riferimento a Ljajic, confermato da Cairo, leggermente meno dal suo allenatore, non è puramente casuale.

più nuovi più vecchi
Notificami
LEM
Utente
LEM

Basta vedere come sbadigliava Niang prima del fischio d’inizio.

Pedric
Utente
Pedric

In effetti tra le prime tre giornate dell’andata e le tre del ritorno ho visto una grande differenza:
La dose di culo.

Troposfera Granata
Utente
Troposfera Granata

anche quello fa… l’allenatore vincente è quello che oltre alla saggia disposizione tattica e alla lettura del match sa abbinare i giusti cambi e una sanissima dose di…

Roberto (RDS 63)
Utente
Roberto (RDS 63)

Ancora c’è qualcuno che crede che Mihajlović sia stato allontanato per gli scarsi risultati e non che sia stato esonerato per le minusvalenze che stava procurando. I risultati ottenuti dal serbo erano in linea con il trend cairota, lo stesso Cairo sul finire del precedente anno ammise che per lui… Leggi il resto »

Troposfera Granata
Utente
Troposfera Granata

E’ vero ciò che dici, anche se è innegabile che risultati calcistici e plusvalenze vanno abbastanza a braccetto. Con Sinisa ormai eravamo in una spirale di svalutazione dei giocatori e di deludenti risultati sul campo (soprattutto per via di quella caterva di pareggi, gran parte dei quali legati a vittorie… Leggi il resto »

odix77
Utente
odix77

e il fatto che la rosa si stesse deprezzando oltre ad eesere un problema per Cairo è o non è un problema per il TORO? e quindi tuo, mio ecc ecc?? o se si deprezzano i giocatori a te non interessa ed è solo un problema per quel cattivone del… Leggi il resto »

Roberto (RDS 63)
Utente
Roberto (RDS 63)

Allora, ricapitolando Belotti preso ha 8 con Miha ha raggiunto minimo i 60-80 Iago preso a 6 avrà raggiunto 15 come minimo. Passiamo a Baselli e Zappacosta presi per circa 6 milioni ciascuno, il secondo è passato al Chelsea per 25 milioni, il primo si dice che sia stata respinta… Leggi il resto »

Troposfera Granata
Utente
Troposfera Granata

che i risultati di quest’anno siano in linea con quelli di quest’anno mi sembra tautologico credo invece che i risultati di quest’anno non fossero in linea con quello che si era preventivato e che ora mazzarri abbia il compito di rivitalizzare la squadra e allinearla a quello che era il… Leggi il resto »