Giorgio Ferrini: la morte del capitano del Torino l'8 novembre 1976

8 novembre 1976: l’addio a Giorgio Ferrini, capitano dei capitani

di Fabio Milano - 8 Novembre 2019

Autentica leggenda granata e recordman di presenze, Giorgio Ferrini giocò 566 volte per 17 stagioni nel Torino

Aveva solo 37 anni, ma era un combattente. Lo era sempre stato. Ma quel maledetto 8 novembre del 1976, il suo cuore smise di battere, per sempre. Il Toro piange la scomparsa di Giorgio Ferrini, capitano tra i capitani. Giocatore unico e  figura indimenticabile, Ferrini resterà per sempre nel firmamento delle stelle granata più luminose. Inizia a calcare i terreni di gioco nella Ponziana, piccola squadra della sua città, Trieste; poi via verso Torino, dove giocherà per diciassette stagioni, molte delle quali con la fascia di capitano al braccio. Le 566 presenze totali tra campionato e coppe, non gli permettono però di conquistare uno scudetto che tanto aveva sognato e che forse più di ogni altro avrebbe meritato.

Giorgio Ferrini: nel Torino dello scudetto era il vice di Radice

Non lo vinse però, da calciatore; perché Ferrini inizia una nuova vita calcistica, appendendo gli scarpini al chiodo al termine della stagione 1974/75 e diventando il fedelissimo vice di Gigi Radice, proprio nell’anno del primo tricolore del dopo Superga. Pochi mesi però, ed il destino è dietro l’angolo e tende al Capitano l’agguato più atroce. Il 27 agosto del 1976, Giorgio viene colpito da emorragia cerebrale: è grave, ma ha la consueta tempra, la stessa che aveva sul rettangolo verde. Poche settimane di convalescenza e ritorna al proprio ruolo, al fianco di Radice.

Ma il destino si accanisce: il 17 ottobre ecco una nuova emorragia, questa volta più grave di quella che lo aveva colpito appena qualche settimana prima, anche perchè recidiva. Giorgio entra in coma, non si risveglierà più: i medici le provano tutte (il 22 ottobre verrà sottoposto a un delicato intervento chirurgico, senza esito). Alle 11,45 di martedì 8 novembre, il Capitano di tante battaglie si arrende. Al funerale, officiato dal cappellano granata Don Francesco Ferraudo, l’antistadio del Fila trabocca di emozione.

Giorgio Ferrini, la morte l’8 novembre del ’76

Amici e conoscenti, semplici tifosi e calciatori che in disparte, vogliono salutare per l’ultima volta il loro Campione, prima dell’ultimo viaggio verso il piccolo cimitero di Pino Torinese, dove da quel giorno Giorgio riposa.

Ma Ferrini vive ogni giorno nel cuore e nei ricordi di chi lo ha conosciuto e visto giocare, tramandando alle nuove generazioni quello spirito granata che ha incarnato come nessuno, prima e dopo di lui.

più nuovi più vecchi
Notificami
Lovi
Utente
Lovi

il primo malore fu il 26 agosto (non il 27). Io quella sera andai a a vedere l’esordio al Comunale del Toro scudettato contro la Romania B e tutti ci stupimmo di non vedere Giorgio in panchina al fianco di Radice. La seconda fatale emorragia fu il 18 ottobre (non… Leggi il resto »

fila_e_fondi
Utente
fila_e_fondi

Capitano per sempre.

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Nei tunnel degli stadi di serie A vedo ritratti tanti campioni del passato, mi chiedo come sia possibile che Il Capitano dei capitani non abbia lo spazio che merita nemmeno nelle teste di questi zoticoni.
Ciao grande Giorgio.

gabbo
Utente
gabbo

perché questo è il toro di cairo, tutto in questa società è posticcio e farlocco a partire dalle coreografie, dai cori e dalla curva di figuranti malavitosi. i veri simboli di questa società un tempo gloriosa sono ingombranti anche nel ricordo

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Tutto vero.

gabbo
Utente
gabbo

ciò che cairo e quelli come lui non possono capire (perché non provano sentimenti tranne quello per i danè) è che il toro non è una squadra qualsiasi, chi un tempo ha vestito questa maglia l’ha fatto in maniera spesso disperata, lottando contro tutto e tutti, anche contro il destino.… Leggi il resto »