27 marzo 1969: nasce Gianluigi Lentini, la classe al servizio del Torino

1
Lentini
CAMPO, 26.4.17, Torino, Teatro Nuovo, Gran Galà Granata, nella foto: Gianluigi Lentini

Genio e sregolatezza: nasce oggi Gianluigi Lentini, campione di un Torino di altri tempi. In granata divenne un calciatore fuori dal comune, l’incidente d’auto gli fermò una grande carriera

Uno dei talenti più puri, nato e cresciuto in quella fucina di autentici campioni che era il Filadelfia. Dopo l’intera trafila nel settore giovanile, Gigi Lentini fa il proprio esordio in serie A che non ha ancora diciotto anni: sulla panchina granata siede Gigi Radice, il Toro è sotto di due reti a Brescia ed il ragazzo di Carmagnola subentra per una manciata di minuti al posto di Corradini. È il 23 novembre del 1986. Da allora, sette stagioni con la maglia granata; le più esaltanti, certamente quelle che vanno dal 1990 al 1992, con la cavalcata europea in coppa Uefa culminata con maledetta notte di Amsterdam. In panchina c’è, manco a dirlo, l’uomo che Gigi ha considerato più di ogni altro il proprio padre calcistico, Emiliano Mondonico. Un paio di stagioni ad altissima velocità, Lentini ha la stoffa del campione vero, e si vede. Dotato di una fisicità dirompente e di classe cristallina, per un paio di stagioni imperversa sulla fascia granata, facendo il bello ed il cattivo tempo in area avversaria, a tratti pare immarcabile. Il dissesto finanziario del Torino targato Borsano tuttavia, è dietro l’angolo. Lascia il granata nell’estate del 1992, passando al Milan per la cifra record di venti miliardi di lire, scatenando una vera e propria rivolta nelle vie cittadine al momento della sua cessione.

Gianluigi Lentini: dal Torino al Milan, ma l’incidente cambiò tutto

Diventa subito titolare nel Milan di Fabio Capello, ma il destino è dietro l’angolo. Un gravissimo incidente automobilistico, nell’agosto del 1993, ne mina per sempre la carriera; Gigi riprende lentamente un percorso di riabilitazione, tornerà in campo quasi un anno dopo ma il talento espresso fino a qualche mese prima, sembra essersi smarrito. Una stagione all’Atalanta ed il ritorno in granata per altre tre stagioni, culminate con la promozione in serie A al termine del campionato 1998/99 ; in entrambi i casi, sulle rispettive panchine siede sempre lui, il “Mondo”.
I numeri recitano 250 gettoni tra campionato e coppe (il tutto condito da 31 reti) per quello che è senz’altro stato uno dei campioni che maggiormente hanno colpito la fantasia dei tifosi, entrando per sempre nei grandissimi della leggenda granata.

Leggi anche: Lentini e l’episodio… della discarica!

più nuovi più vecchi
Notificami
fringomax
Utente
fringomax

Auguri Gigi, facendo gli auguri a te li faccio anche a me che condividiamo la stessa data di nascita. 49 anni di Toro!!!! Qualche piccola soddisfazione, tantissimi bocconi amari….ma tanta fede Granata.