Toro, il Chievo finisce al tappeto: Belotti, Zaza e Rincon per l’Europa

di Francesco Vittonetto - 3 Marzo 2019

Dopo 75 minuti di grande equilibrio, Belotti sblocca Torino-Chievo: i granata poi dilagano nel finale con Rincon e Zaza e tengono il passo per la zona Europa

Finisce con tanti sorrisi, dopo un po’ di paura. Torino-Chievo finisce 3-0 dopo 75′ di equilibrio. A togliere le castagne dal fuoco pensa Andrea Belotti che con un tiro terrificante per potenza e precisione indirizza la partita sui binari dell’Europa. Il Gallo torna al gol dopo due mesi e dà il via alla festa, coronata dalle reti di Rincon e Zaza ad un soffio dal novantesimo. Con questa vittoria, il Toro tiene il passo della Lazio, che ieri aveva vinto nel derby, e aspetta con maggiore tranquillità i risultati del pomeriggio.

Torino-Chievo 3-0: il racconto del primo tempo

Primo tempo di poche emozioni, tanto sole e molti contrasti al “Grande Torino”. I granata partono con Meité a supporto di Falque e Belotti ma non riescono a sfondare per vie centrali. Le armi arrivano dalle fasce: De Silvestri e Ansaldi mettono stabilmente piede sul lato corto dell’area clivense, mettendo in numerose occasioni il pallone in area. Nulli, però, i pericoli portati ai pali di Sorrentino.

Per contro il Chievo non sta a guardare e con l’asse Giaccherini-Meggiorini riesce, in avvio di gara e nella parte finale della prima frazione, ad accendersi in contropiede. Proprio il 17 ex Napoli sfiora il gol al 9′, ma spreca tutto solo davanti a Sirigu. E’ l’unico sussulto: Mazzarri torna negli spogliatoi scuro in volto.

Torino-Chievo 3-0: il secondo tempo

Nella ripresa i granata rischiano in avvio: Sirigu è miracoloso due volte su Djordjevic e agguanta nel modo migliore il record di imbattibilità di Castellini. Poi il Torino esce fuori, sfiora il vantaggio con Izzo e aumenta il peso offensivo con l’ingresso di Zaza. I minuti, però, passano. Prima ci prova il numero 11 su punizione, trovando un grande Sorrentino. Poi, la svolta la dà il Gallo.

Uno due con Zaza e conclusione potentissima di Belotti: un missile terra aria che spacca porta e partita. L’1-0 dà sicurezza a Mazzarri e a tutto l’undici granata che nel finale dilaga, prima con Rincon e poi con Zaza. Applausi e festa grande, alla fine. Il Toro vince 3-0 e continua a sognare all’Europa.