Masiello rivela: “Consigliai io a Verdi di lasciare il Torino”

57
Simone Verdi al Torino
Simone Verdi con la maglia del Torino. Foto: Nicolò Campo

Dal 2011 al gennaio 2013 Salvatore Masiello e Simone Verdi sono stati compagni di squadra al Torino: “Con Ventura faceva panchina”

Prima di affermarsi come uno dei migliori esterni offensivi italiani, Simone Verdi per una stagione e mezza ha vestito la maglia del Torino. Nell’estate del 2011 la società granata lo acquistò dal Milan cedendo in cambio l’ex centravanti della Primavera Gianmario Comi: in serie B, con la maglia granata, l’ala all’epoca ventenne collezionò in totale dodici presenze, non andò meglio l’anno successivo quando Gian Piero Ventura lo fece giocare in campionato per appena quattro brevi spezzoni di partita. Nel gennaio del 2013 Verdi è stato ceduto in prestito alla Juve Stabia e, l’anno successivo, all’Empoli dove si è affermato anche in serie A sotto la guida di Maurizio Sarri. La definitiva consacrazione è arrivata però nel biennio al Bologna e ora sarà uno degli avversati del Torino domenica in Torino-Napoli. 

Masiello parla dell’addio di Verdi al Torino

Salvatore Masiello, l’ex terzino sinistro che è stato compagno di squadra di Simone Verdi proprio al Torino, in un’intervista rilasciata a Radio Kiss Kiss ha svelato un particolare retroscena riguardante l’addio dell’esterno d’attacco alla società granata. “Verdi è un grande talento che a Torino, con Ventura, faceva panchina. Gli consigliai di andar via perché il suo talento meritava spazio – ha raccontato Masiello – ha bisogno di giocare non dico sempre, ma spesso perché un giovane come lui, se resta a lungo in panchina, può perdere autostima”.

più nuovi più vecchi
Notificami
mcmurphy
Utente
mcmurphy

Ma porco giuda,gli scarsoni come Masiello li avevo già cancellatl e voi me li rifilate ancora?? E parlare di Osmanovsky e Karic no??

TRAPANO
Utente
TRAPANO

Scarso e infame..

Marco
Utente
Marco

Masiello nel suo piccolo fu’ un grande giocatore..

TRAPANO
Utente
TRAPANO

Molto piccolo .. ciao fre’