Il futuro di M’Bayé Niang è tutto da conoscere: Raiola si attiva per il calciomercato estivo, il Torino sospende il giudizio. Mazzarri: “Non si è afflosciato”

Non partirà titolare contro la Lazio M’Bayé Niang, ma Mazzarri garantisce che la scelta non è tecnica: “Non ha i 90′ nelle gambe“. E effettivamente è così, ma è parimenti chiaro che da un giocatore come lui ci si sarebbe aspettati di più. Molto di più. Ora, l’attaccante del Torino ha un futuro particolarmente nebuloso davanti a sé: da un lato, c’è Cairo che si ritrova giustamente seccato per un investimento particolarmente oneroso non andato a buon fine; dall’altro c’è il calciomercato estivo alle porte, che vedrà molto attivo il vulcanico agente di Niang, Raiola, alla ricerca di possibili soluzioni che possano accontentare tutti. Perché a Niang, l’idea di fare panchina piace poco; e al Toro, l’idea di avere un giocatore poco determinante, pure.

Calciomercato Torino: Niang in uscita? È il flop maggiore in attacco

D’altra parte, Niang è sicuramente tra i quattro big il maggiore flop dell’attacco del Torino. Le possibilità che possa restare in granata sembrano oggettivamente poche, non fosse per quel cartellino pagato così tanto, il cui valore è però decisamente calato nel corso di quest’anno. Le prospettive del giocatore sono principalmente sull’estero: magari verso quei campionati particolarmente ricchi (come quello russo), disposti a investire comunque sul senegalese. Raiola sta lavorando proprio in quella direzione, con la speranza che il Mondiale possa permettergli di mettersi in risalto. Intanto, Niang è tornato ad allenarsi con il resto del gruppo, ma contro la Lazio non partirà comunque titolare, perché non è ancora pronto dal punto di vista atletico. Ma le motivazioni, dice Mazzarri, proprio non gli mancano.

Torino, Mazzarri: “Niang afflosciato? Da papà è più motivato”

E ieri, in conferenza stampa, Mazzarri è stato chiaro: “M’Bayé non si è afflosciato. Anzi,d a quando è diventato papà è ancora più motivato“. Ha bisogno però di capire che senza continuità e intensità non potrà andare da nessuna parte. Così Niang, rispetto a Ljajic, Belotti e Falque (intorno a tutti e tre comunque restano più di un dubbio in ottica calciomercato), sembra la prima pedina sacrificabile. Raiola ci sta lavorando, se lui vorrà rimanere a Torino dovrà convincere per primo Mazzarri. Gli restano quattro gare per riuscirci.


41 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
3 anni fa

Questo era buono nei giovani perché era più grosso della media. Quando si è trovato con quelli come lui è venuto fuori il suo reale valore. Non è solo con noi che ha fatto il pippone, fa stupire che giochi ancora in prima serie. Il fatto che lo abbiamo preso… Leggi il resto »

Hic Sunt Leones 61
Hic Sunt Leones 61
3 anni fa

@Tullio, vendimi i diritti del tuo logo, quanto vuoi? 🙂

Hic Sunt Leones 61
Hic Sunt Leones 61
3 anni fa

ah bene, e il logo probabilmente lo hai fatto con la grafica…
comunque trovata geniale. ciao

GlennGould
GlennGould
3 anni fa

@nonno, che io sia allibito non vi è dubbio. Quanto al professionista, sui portali si scrive per diletto manifestando le proprie opinioni, senza tirare in ballo la vita privata, il che include il lavoro svolto. E “allibito” non comporta nessuna accezione negativa, semplicemente non mi aspettavo da te questo tipo… Leggi il resto »

Hic Sunt Leones 61
Hic Sunt Leones 61
3 anni fa
Reply to  GlennGould

Ho avuto simili situazioni con nonno, ti capisco. Condivido cio’ che dici sul non prendere in considerazione certi commenti, aggiungendo, “quando vanno in direzione opposta da cio’ che si pensa”. Se dovessimo lavare il capo a tutti quelli che la pensano diversamente da noi … allora…ce ne vorrebbe di tempo… Leggi il resto »

GlennGould
GlennGould
3 anni fa

@Hic ti ringrazio e condivido ogni parola del tuo post.

Lukic salva il Levante. L’agente: “Il Torino lo sta aspettando”

Dopo Nkoulou, un’altra conferma di Cairo: si riparte da Sirigu per l’Europa League