Esclusiva / “Tarzan” Annoni presenta il derby: “Anche con noi la Juve era più forte sulla carta, ma la grinta è tutto. Mai più gare come l’anno scorso”

Annoni, buongiorno. Lo sa, c’è ancora chi rimpiange quella difesa: oltre a lei, anche Bruno, Policano, Cravero… Cosa avevate in più degli altri?
Cosa avevamo in più? In quegli anni noi eravamo una buona difesa. Ma c’erano anche altre squadre con grandi retroguardie: era la vecchia scuola, dei vecchi difensori. Quella che oggi manca: con l’arrivo della zona, del fatto che a tutti piaccia giocare in attacco, si è perso un po’ questo spirito. E infatti in Italia si fa più fatica. Mi spiace dirlo, ma la squadra che ha i difensori della vecchia scuola sono proprio quelli juventini: loro giocano, difendono come quando lo facevamo noi.

Le spiace dirlo, anche perché siamo già in clima derby. Alcuni suoi compagni dicevano che la Juve, di fronte agli impegni in Uefa, quasi passava in secondo piano. Ma il derby è sempre il derby, no?
Proprio così, è inutile negarlo: era sempre una partita speciale. Anche quando giocavi con il Real Madrid. Pur di non perdere contro la Juve, ci saremmo fatti in quattro o in mille: non c’erano conoscenti o amici che tenessero, non esisteva nessuno. Esistevano undici persone vestite in bianconero che erano i nostri avversari. Punto. Il resto non importava.

A proposito di Real, che ricordi ha di quella cavalcata in Coppa Uefa, celebrata al Gran Gala Granata?
Il ricordo più bello è aver disputato la finale; quello brutto è di essere in mezzo al campo a piangere, perché non hai vinto. Con il rimbombo di We are the champions dei Queen, che ora non riesco più a sentire. Con il Real Madrid ho solo ricordi felici, a dire il vero: all’andata abbiamo perso, i tifosi avversari in Spagna pensavano di intimorirci non avevano capito che in realtà avevano acceso la miccia, tant’è che noi a loro rispondemmo di non venire a Torino, perché tanto non ce ne sarebbe stato per nessuno.

In molti rimpiangono la vostra grinta, c’è chi vorrebbe vedere quel granatismo nel prossimo Juventus-Torino. Che partita prevede?
Sulla carta loro sono molto più forti. Ma lo erano anche con noi in realtà. Solo che non avevamo paura di nessuno: rispetto sempre, mai sottovalutare l’avversario, sapevamo che però dal punto di vista del sacrificio potevamo avere qualcosa in più di loro. A oggi è difficile pensarlo, ma mi auguro che possa comunque riaccadere, con un derby giocato come si deve, non come quelli dell’anno scorso, per esempio. Il Toro ha un allenatore che porterà i giocatori al giusto livello di attenzione, secondo me. La giusta attenzione, cioè, che merita una partita del genere: potrebbe salvare la stagione, questo derby. La classifica è ormai quella che è, purtroppo.

Ma per Enrico Annoni, cosa rappresenta il Toro?
È una squadra che amo, a partire dal colore granata. È una cosa mia personale, quasi non saprei nemmeno spiegarlo: al Filadelfia sono entrato per la prima volta a otto anni, da lì mi è rimasto dentro tutto. E non è più andato via.


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Francesco 71 (rondinella)
Francesco 71 (rondinella) (@rondinella-new)
4 anni fa

“Pur di non perdere contro la Juve, ci saremmo fatti in quattro o in mille: non c’erano conoscenti o amici che tenessero, non esisteva nessuno. Esistevano undici persone vestite in bianconero che erano i nostri avversari. Punto. Il resto non importava.” Da scrivere a caratteri cubitali sull’armadietto di ogni tesserato… Leggi il resto »

Thule
Thule (@thule)
4 anni fa

Forza Toro!

carlo (faccia da bar)
carlo (faccia da bar) (@carlo)
4 anni fa

“da salvare la stagione”, dice. da salvare la stagione se si parla di classifica e di risultati. per non parlare dei proclami di lottare veramente per l’europa. noi invece l’europa l’abbiamo vista col binocolo. stagione mondiale, invece, se si guarda il gioco offensivo (offensivo non è il termine giusto, ma… Leggi il resto »

VincenT
VincenT (@vincenzo-ferrieri)
4 anni fa

Anche secondo me Cairo deve stare molto attento a cosa fa con Belotti, perché non può dire che vuole tenerlo e poi gli offre le briciole, perché si saprà, il ragazzo vuole restare e lo ha dichiarato come forse voleva restare Ciro che non l’ha dichiarato conoscendolo… ma questa sarà… Leggi il resto »

sololamaglia
sololamaglia (@sololamaglia)
4 anni fa

Carlo sei un inguaribile ottimista Cairo non muore mai se muore come nei film alieni si rigenera……

Esclusiva/ Zamparini: “Nel derby tifo Dybala, Belotti bravo ma non vale Higuain”

VIDEO / Annoni: “I miei derby? Facevamo paura anche in 9 contro 11…”