Interviste / L’ex giocatore del Torino Migjen Basha ci racconta Etrit Berisha, suo compagno di Nazionale per diversi anni

Quattro anni in granata indelebili nella memoria di Migjen Basha, che non perde l’occasione di ricordarli. Una cavalcata sotto la guida di Ventura dalla Serie B, fino all’anno d’oro coronato dall’Europa League e dalla vittoria del derby, per poi salutarsi all’apice. L’ex centrocampista granata vanta però una lunga esperienza nella Nazionale albanese, durat dal 2013 al 2019, durante la quale ha condiviso momenti importanti con colui che a breve diventerà il primo acquisto del Toro di Juric: Etrit Berisha. In esclusiva ha raccontato qualcosa in più del portiere.

Il Toro arriva da diversi anni con un portiere del calibro di Sirigu. Ora sembra aver scelto Berisha per difendere la porta. Puntare su di lui è stata la scelta giusta? Può essere un valore aggiunto?
Credo che Berisha possa essere la scelta giusta per il Torino. Anche se ha giocato gli ultimi anni alla Spal e l’ultimo anno è stato in Serie B, bisogna ricordarsi che rimane un portiere di livello internazionale. Gioca da tantissimi anni con la Nazionale albanese. Ha già avuto esperienze in Serie con squadre come l’Atalanta e la Lazio. Ha l’esperienza giusta. Sirigu è un grandissimo portiere, però anche Berisha sicuramente sarà pronto

In Nazionale avete condiviso tanti anni e tanti momenti. Che tipo di giocatore è? C’è qualcuno a cui può essere paragonato come stile di gioco?
Ha un po’ lo stile di Petr Cech. È molto alto, ma agile, va a terra molto velocemente. È un portiere molto vivace anche a livello di carattere. È davvero un ragazzo d’oro e di sicuro non ci saranno problemi per ambientarsi a Torino. Lo conosco molto bene perchè siamo stati compagni di Nazionale per tanti anni. Ci sentiamo spesso. Sono davvero molto felice per lui. Avendo giocato per quattro anni nel Toro, sono contento che i granata abbiano puntato su di lui

C’è un anneddoto, un episodio particolare che avete condiviso o che lo riguarda?
Ci sarebbero tanti aneddoti da raccontare. Siamo stati compagni di stanza per tanti anni. Ci sono state tantissime risate, abbiamo un bellissimo rapporto. Lui è un ragazzo intelligente e non si monta la testa, ma resta umile. Abbiamo condiviso tanti ricordi e bei momenti. Si merita una bella piazza come il Toro

Lei ha giocato quattro anni nel Toro. Se dovesse parlargli del club, che cosa gli direbbe?
“A Torino è il calore della gente a fare la differenza. Nei quattro anni che ho trascorso lì, sono stato veramente bene, mi hanno accolto veramente bene. La gente mi ha sempre trattato al meglio. Lui sa che al Torino bisogna dare sempre il 200% e di sicuro su quell’aspetto lì non ci saranno problemi e la gente gli vorrà bene

Infine, un commento sull’ultimo periodo del Torino. Cosa si aspetta dalla stagione che verrà?
Sono stati due anni un po’ difficili per questo Toro, soprattutto l’ultimo. Alla fine è andata bene con la salvezza. Io da tifoso, mi aspetto che il Toro possa fare di più, in alta classifica, ma non bisogna scordarsi che è sempre difficile. Noi arrivavamo dalla B, e dopo la promozione per un paio di anni abbiamo fatto il massimo e siamo stati protagonisti, arrivando fino in Europa League. Certe volte però si cala e non si può fare altro che risalire. Credo che il Toro il prossimo anno con Juric farà meglio dell’ultima stagione. Me lo auguro, perchè è stato difficile soprattutto per i tifosi“.

Etrit Berisha
Etrit Berisha
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 29-06-2021


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mas63simo
mas63simo
2 mesi fa

Mamma mia come ti sei ridotto Toro mio !😭😭😭

ardi06
ardi06
2 mesi fa

Dal donnarumma serbo al cech albanese, direi bene

maurygranata
maurygranata
2 mesi fa

Io vado controcorrente e dico che non mi dispiace, ha esperienza anche in A e la maturità giusta per un portiere, spero di non sbagliarmi. Opinione comunque del tutto personale la mia.
Forza Toro Sempre

Ezio Rossi a Toro.it LIVE: “Messias è l’ideale per Juric, ma sarà difficile prenderlo”

Vives: “Belotti è fondamentale. Un ruolo in società? Se mi fosse stato chiesto…”