Filadelfia, Beccaria: “Fondazione ostacolata, difficile fare passi avanti”

147

Esclusiva / Beccaria sull Filadelfia: “I soldi del Torino sono in ritardo. Il cortile chiuso? La società ha un dovere morale con i tifosi”

Il resoconto del CdA della Fondazione Filadelfia della scorsa settimana aveva portato nuovamente all’attenzione la questione seggiolini e relativa area aggregativa che ancora, nella risorta casa del Torino, manca per scarsa reperibilità di fondi. Buona parte di quelli è stata promessa dal presidente del Toro Urbano Cairo, che nel giorno dell’inaugurazione del Fila aveva dato vita a una vera e propria asta, coinvolgendo anche una buona parte dei giocatori granata..

Domenico Beccaria, a che punto siamo: i soldi sono in arrivo?
Non lo sappiamo. Alla nostra sollecitazione ci era stato detto da Ferrauto che il Toro avrebbe pagato una volta emessa la fattura. Ma il problema è di natura squisitamente pratica: la Fondazione ha l’obbligo di emettere regolare fattura con pagamento mensile dell’Iva. Ora, una fattura da 500mila euro netti, prevede 110mila euro di tasse da pagare, che la fondazione non ha: la mia paura è che l’emissione della fattura, senza la garanzia che questa venga saldata a strettissimo giro di posta, possa crearci non pochi problemi di natura economica.

È un argomento che avete affrontato in sede di Consiglio?
In parte, perché noi abbiamo, a mio avviso, un altro grosso problema, di natura decisionale. La Città di Torino infatti continua a considerarsi azionista di maggioranza della Fondazione: secondo loro infatti il capitale è composto da 3.5 milioni della Città versati in contanti, più 1.5 di valore dell’area su cui insiste lo Stadio. La Regione, che avrebbe messo altrettanti 3.5 milioni, secondo la Città non ha invece contribuito, perché formalmente il mutuo è stato acceso dalla Fondazione, per quanto, ho fatto notare io, ci siano proprio le garanzie regionali alle spalle. Ma siccome alla Regione sembra interessare poco la questione, e siccome non è stato il Torino ma la Fondazione Mamma Cairo a pagare per conto del Toro il milione di euro, di fatto la Città di Torino ha un capitale di 5 milioni, mentre tutti gli altri soci fondatori si ritrovano con molto meno: in totale il Comune rivendica quasi il 90% delle quote, che in Consiglio di Fondazione vuol dire potere decisionale totale, visto che non si vota pro capite, ma pro capitale investito.

E questo cosa comporta?
Che nessuno sollecita nessuno. La Città di Torino, d’altra parte, ha quattro tavoli di trattativa con Cairo: tre riguardano il Toro (Filadelfia, stadio “Grande Torino” e Robaldo) e uno il salone del libro, dal momento che RCS ha dichiarato di non voler prendere parte alla manifestazione. E di conseguenza ci si è un po’ troppo adagiati, compreso, a mio avviso, l’altro consigliere che rappresenterebbe i tifosi, al quale scherzando io dico che per trenta cappuccini si è venduto il bar. Ma anche l’affitto, ed è tragico.

Ma non c’è una figura che possa sbloccare la situazione?
C’era, ed era il presidente Salvadori. Ora, in quanto dimissionario, è stato sostituito pro tempore da Serino Rampanti, vicepresidente che era stato eletto in un CdA straordinario alla mattina dell’inaugurazione del Filadelfia, così da consentirgli di fare le foto di gruppo in quanto membro effettivo. Ma lo dico con tutto il sincero rispetto che nutro per Rampanti: vive un ruolo più grosso di lu, se ne è reso conto e non ha l’esperienza che ha maturato Salvadori in questi anni. Ha infatti già chiesto al Comune di sbrigarsi a trovare un nuovo presidente, ma anche in questo caso la situazione è stagnante, e giustamente lui si muove con i piedi di piombo, cosa che danneggia però l’attività della Fondazione.

Come per esempio quella che dovrebbe portare all’area aggregativa?
Esattamente. E penso che, come si dice a Torino, arriverà nella settimana dei tre giovedì. Sembra che si stia facendo tutto il possibile per ostacolare il progetto: sono l’unico che ha interesse affinché le cose vadano avanti. Ma per ora rimbalza tutto nel vuoto.

Un’ultima questione: il piazzale del Filadelfia. Vi siete chiesti come mai sia ancora chiuso?
Sì, e abbiamo avuto anche una risposta. Il consigliere Ferrauto ci ha detto che ci sono dei costi da mantenere per tenerlo aperto e che, nel caso, se ne dovrebbe fare carico la Fondazione. Ma se dal punto di vista contrattuale l’affermazione non fa una grinza, da quello morale ne fa invece a tonnellate. Ma qui torna il problema: mi ero opposto alla firma di quel contratto scellerato che prevede il pagamento solo di un certo tipo di spese, proprio per evitare questioni come questa. Noi abbiamo chiesto e parlato per tre anni in fase di stesura dello Statuto, prima dell’apertura della Fondazione, della funzione sociale e di agorà che aveva il cortile. Abbiamo scritto e sottoscritto tutti insieme il documento che, a quanto sembra, è andato bene per sei anni. Il cortile deve rimanere aperto. Abbiamo chiesto agli architetti di progettare l’impianto in funzione di avere l’impossibilità da qualsiasi punto del cortile di vedere anche solo uno spicchio minimo del campo, proprio per consentire una chiusura ermetica di cortile e terreno di gioco e consentire comunque l’allenamento a porte chiuse. Non saremmo andati a sprecare forza lavoro ed energie intellettuali, per vedere il cortile chiuso. Al Toro dico di assumersi le proprie responsabilità. Per il Fila, per la società stessa e per i tifosi.

147 Commenti

  1. A me scappa da ridere….non per la diatriba fra rampanti e beccaria ma per la difesa ad oltranza del nano di masio.alla fine della fiera la fattura non serve…ma poi serve per poterla detrarre…ma cmq se vuole il nano il bonifico puó farlo!!!!il problema è che non lo fa….perchè è un cazzaro..tante parole per nulla.il fatto è che la casa e l emblema del toro costata 9 milioni di euro ,al toro(al nano)non interessa.la cosa era semplice…il toro doveva ricostruire lui il fila.non aspettare enti associazioni e quant altro.stiamo parlando di 8 milioni di euro…non 300.quel pippone di niang ne costerà piu di 35 in 4 anni.cairo fai pena…e mi fanno ancora piu pena sti 4 mongoli che paghi 4 sopra per spalleggiarti…

  2. cairo non ha fatto un discusso rilancio,ha concordato un conveniente ribasso,un minimo del minimo.a lui del fila non fotte nulla.son contento della risposta di Serino,lo conosco da quand’ero bambino,da circa 45 anni.E’uomo serio,molto diplomatico,tendente a stemperare,ma poco propenso alle pestate di piedi.Beccaria ha grandi meriti,e nessuno glieli toglie,solo che non ha senso della misura.per usar metafora,e’ un buon mediano,duro,per dire un Nobby Stiles,non sara’ mai un Bobby Charlton(Sir..).nel museo ha troppo potere,secondo me.comunque lui ciancia a vanvera,il bracciamozze promette a vanvera,sottile differenza.#CURVA PRIMAVERA RESISTI

    • A proposito di ignoranza……Cairo ha chiesto giustamente un ribasso perché si sobbarca in più, il rispetto alla perizia fatta per determinare il canone di locazione, le spese di gestione ordinarie e soprattutto straordinarie, vedi esempio rifacimento del manto erboso. Così facendo ha sgravato la Fondazione di spese non certe che potevano diventare anche esose, appunto straordinarie e quindi non prevedibili, senza dimenticare i limiti di operatività di una Fondazione senza fini di lucro e per statuto dedita al pareggio di bilanciott. Minimo del minimo? Tu non sai neanche di cosa parli, parli a vanvera come tanti qua dentro

  3. Ennesima sputtanata per Beccaria il cui unico interesse e’ il Museo, che lui considera di sua proprietà e di cui ne vuole trarre tutti i vantaggi economici, tenendosi per se e per la sua creatura tutti gli eventuali guadagni derivanti dalla commercializzazione presente e futura del brand Museo……questa torta non la dividerà con nessuno. Mecu farebbe bene a star zitto perché crea solo danni. Sperava di raccogliere i fondi privati necessari per il suo Museo ma così non e’ andata, il popolo Granata e gli imprenditori granata non hanno risposto come avrebbero dovuto ed ora ha bisogno di Cairo e dei suoi soldi, ma difficile ottenerli se gli ha sempre tirato merda addosso……chi semina pioggia raccoglie tempesta. L’unica cosa corretta detta da Beccaria in questa intervista e’ che il Conune di Torino ha le maggiori quote nella Fondazione, perché ha portato in dote anche il terreno del Fila di sua proprietà. Il Comune nella Fondazione decide e deciderà, ha deciso progetto e suoi proseguimenti. Cairo ed il Torino FC hanno detto la loro in quanti unici affittuari, dal nostro affitto arriveranno gli unici introiti ricorrenti per la Fondazione, sgravata inoltre dalle spese di gestione a carico del Torino FC, per fortuna, grazie al discusso rilancio di Cairo sul contratto d’affitto. Mi ha fatto ridire leggere i commenti dei soliti spalamerda, che hanno dimostrato solo tanta ignoranza e malafede. Bravo Rampanti…..non ti preoccupare, mando io affanculo Beccaria per te! #mecuhairottoilcazzo

  4. beccaria è il classico piemontese mai contento e sempre polemico con tutto e tutti…. quelli che parlano male delle cose per convinzione ma che alla fine non possono dimostrarlo o che etichettano gli altri come incapaci nel fare il loro lavoro o ricoprire questo o quel ruolo….. ne ho conosciuti tanti come lui ma ne avessi mai sentito uno chiedersi se lui stesso è adeguato a ricoprire il ruolo che gli è stato assegnato

  5. Ho letto la replica di Rampanti. Come ho detto, mai piaciuto Beccaria. Seconda cosa: questo forum è utile non solo per scambiare pareri, ma anche per le notizie che vengono date prima da utenti e poi,dopo, dalla redazione. Le dichiarazioni di Rampanti le ho lette grazie a Carbonaro, su toronews e poi praticamente ovunque. Qui ancora non c’è nulla..

  6. qui la replica di serino rampanti:

    ““Mi fa piacere essere interpellato perché voglio fare qualche puntualizzazione”. E’ un fiume in piena Serino Rampanti, presidente ad interim della Fondazione Filadelfia, oggi al timone dell’ente che ha guidato la ricostruzione dell’impianto che oggi ospita gli allenamenti finché il Comune non inizierà l’iter per la nomina del nuovo presidente. “È bene che tutti i tifosi siano informati sui fatti e non sulle supposizioni”. La scorsa settimana si è tenuto un importante CdA della Fondazione: tanti i punti discussi, dal pagamento dei seggiolini della tribuna promessi da Cairo il giorno dell’inaugurazione all’apertura del Piazzale della Memoria, passando per l’ok definitivo all’agibilità degli spalti laterali del campo principale (qui il punto della situazione). Oggi, l’ex calciatore e allenatore del Torino (nonché opinionista sulle nostre colonne), prestatosi negli anni con successo anche alla pubblica amministrazione, precisa quanto segue.

    Continuiamo pure, Serino.

    “A seguito di dichiarazioni errate e fuorvianti rilasciate ieri da Domenico Beccaria (componente del CdA della Fondazione e Presidente del Museo del Grande Torino, ndr) è necessario ristabilire la verità al fine di tutelare il corretto operato della Fondazione e difendere la mia reputazione. Innanzitutto è spiacevole sapere che chi fa parte del Cda della Fondazione da sette anni ancora non sappia come funziona il nostro regime fiscale (o faccia finta di non saperlo). La Fondazione, in quanto tale, non può emettere fattura. I seggiolini che il Torino FC andrebbe a pagare sono senza versamento Iva e la Fondazione non è tenuta ad emettere nessuna fattura. Siccome però dubito che per il regime fiscale del Torino a loro non serva la fattura, c’è la possibilità che la richiedano. Proprio per questo tipo di esigenze è stata costituita la Filadelfia Servizi srl, lo scorso mese di gennaio. La Fondazione – ente le cui entrate sono a titolo di donazione – si avvale di tale società per richiedere o effettuare servizi e prestazioni; è lei che contabilizza e regola i rapporti finanziari. È questa società che può emettere fatture, a favore di privati, enti o società, che ne facciano espressa richiesta, oltre a detrarre l’Iva dai suoi acquisti. Gli importi sono detraibili fiscalmente per chi riceve la fattura, con conseguenti benefici fiscali. In ogni caso la contabilità della Srl neo-costituita non prevede il versamento Iva mensile bensì quello trimestrale; quindi, emettendo oggi nei confronti del Torino la fattura dei seggiolini, sicuramente l’importo Iva sarebbe elevato, ma andrebbe versato allo Stato solo entro il 15/3/2018. E’ bene precisare, però, che questo non deve diventare una scusa per il Torino al fine di tardare il pagamento. Beccaria poi parla del mutuo che ha acceso la Fondazione: tutti i semestri la Regione versa, sotto forma di contributo, il rateo del mutuo al Credito Valtellinese (l’unico ente bancario che ha partecipato al relativo bando, ndr)”.

    “Serino ricopre un ruolo più grande di lui ed è stato eletto in fretta e furia la mattina dell’inaugurazione per permettergli di fare le foto di gruppo“, afferma Beccaria. Prego con il diritto di replica.

    “La smetta di fare facile e comodo populismo sollevando polveroni inutili e dannosi per la Fondazione. In verità spero (ma con poche aspettative) che Beccaria inizi a fare la persona seria. Ha fatto anche una battuta su Voltolini (altro membro del CdA) che ha dato fastidio al sottoscritto, figuriamoci a Voltolini stesso. La Fondazione è una cosa maledettamente seria e spero che cominci a capirlo. Il sottoscritto, anche se invitato da Salvadori nei giorni dell’inaugurazione, non appare in pressochè alcuna foto ufficiale dei giorni dell’inaugurazione. In quei giorni sono stato visto poco. Non amo apparire per mia natura. E sono parte della Fondazione dalla sua nascita, nel Collegio dei Fondatori. Non sono nemmeno andato al taglio del nastro. E non appaio in nessuna foto di eventi precedenti legati al Filadelfia. Mentre lui c’è sempre… Per quanto riguarda le mie capacità, vorrei ricordare che a differenza di altri membri del CdA, il sottoscritto ha partecipato a un bando regionale. Il mio curriculum è stato analizzato e tra gli altri candidati è stato scelto il sottoscritto”.

    Il contratto di affitto siglato con il Torino è stato definito scellerato. Pentito di avere votato a favore?

    “Io ho votato a favore per l’affitto del Fila al Torino, in quanto membro del CdA. E l’ho fatto pensando all’impianto di salto con gli sci a Pragelato, costruito per le Olimpiadi del 2006 al costo di circa 34 milioni di Euro e poi prima sottoutilizzato e poi chiuso. Sapete che è una struttura che costa al cittadino contribuente di Torino 500mila euro all’anno per rimanere abbandonata? Ci sono sempre le spese di gestione da affrontare. Ecco, mi ha spaventato pensare al Filadelfia vuoto e a cosa sarebbe costato mantenerlo. Oggi, mi piacerebbe che il Torino pubblicasse quanto gli costano le spese di manutenzione del Filadelfia…”

    Il Filadelfia è pur sempre un’opera pubblica: questo va ricordato, non è così?

    “Apparire umile è un principio che mi hanno sempre insegnato sia i miei genitori che i maestri del Settore Giovanile del Torino. Ed io ho affrontato l’incarico nel CdA con molta umiltà. Ha ragione Beccaria quando dice che in questo periodo io ho usato i piedi di piombo. Ha ragione, sto agendo con molta calma. E il motivo è il fatto che mi sono dedicato con l’aiuto della nostra contabile Patrizia Zampoli al controllo di contratti e fatture, pagate e non pagate, e ancora non ho finito di approfondire la conoscenza di alcuni documenti del passato. I tifosi saranno informati anche dei particolari di questo aspetto. Non dobbiamo mai dimenticare che i soldi per fare il Fila sono in gran parte pubblici oltre che della Fondazione Mamma Cairo. Se già serve attenzione quando si maneggiano soldi propri, quando si tratta di quelli dei cittadini ne serve molta di più”.

  7. Su altro sito Rampanti risponde a Beccaria e chiarisce molte cose. Ora si ha un quadro più completo della situazione.
    La prima cosa che emerge è che Beccaria non sa niente di niente. Mi chiedo se c’è o ci fa. Non metto in dubbio la grande fede granata del personaggio. Ma ormai è chiaro che il personaggio spara cazzate a raffica.

  8. 3 2 1, risposta non pervenuta, buonanotte. ah dimenticavo di a chi ti ha detto di farmi questa domanda di chiedermelo lui la prossima volta e forse gli rispondo e questo vale anche per chi mi ha chiesto di quell’infame di socrates.

  9. Notizia ufficiale :su richiesta del sito, mercoledì prossimo chi l’ha visto dedicherà l’intera puntata ai sedicenti tifosi forumisti scomparsi dallo stesso sito, la cui lista è talmente lunga da essere pubblicata sui giornali insieme a quella dei biglietti vincenti della lotteria Italia 😂😂😂😂

  10. fai un bel comunicato dove spieghi tutto ai tifosi, chiarisci, argomenta, non vedo l’ora di leggere che cazzo ti investi stavolta 71, spiega ai tuoi fedelissimi che da 5 anni non vieni contestato perche sono tutti tuoi amici al soldo, spiega che porcate hai fatto fare e fai tutt’ora a quei ragazzi, spiega che lo hai fatto solo per amore verso i colori granata schifoso pezzo di merda.

    • ciao mik, se ti riferisci a me e tore, non so lui, ma il mio e pour parle, diciamo che e un parere, sebbene non metta piede da un anno allo stadio quello che faro quella domenica non lo scrivo qui, magari faro anche io come lui o magari staro fuori, o forse non andro neanche allo stadio chi lo sa, pero chi si e infilato in una cosa piu grande di lui e cairo e sai bene a cosa mi riferisco.

  11. giovanni tore, questo a differenza degli altri, sta facendo di peggio, in passato altri avevano trovato le porte chiuse a possibili intromissioni in curva, questo e riuscito dove altri hanno fallito, risultato? sicuramente il toro ne uscira come sempre, ma le corna questo ce le spunta, qualche porcata piu grossa delle altre la deve fare prima di mollare.

    • c’e chi teme il fallimento, no, no, questo non ci fara mai fallire, ha tropo da perdere, faccia, credibilita per altre cose estranee al toro, e sopratutto milioni spesi (seppur pochi) ma secondo me ci lascia in mano a qualche scemo coglione come lui.

    • Guarda , la porcata più grossa la farà prima di andarsene come dici tu … ed è anche vero che è riuscito a smantellare la tifoseria avvalendosi del sempre verde dividi et impera . Ma la cosa che mi lascia esterrefatto è che ancora ha dei proseliti , vero è che i proseliti sono tutto tranne che veri tifosi , perlopiù commercialisti esperti di bilanci e plussupercazzole . Non è competere per il sesto ottavo posto il dramma , il dramma vero è che questo figuro si sta mangiando l’essenza vera , l’anima di ciò che è stato il Toro nei nostri ideali e chi si accorge di tutto questo ? Chi ama davvero questi colori e cioè chi si oppone fermamente a questo male che si chiama Urbano Cairo .

  12. io faro’ il biglietto in primavera , spero che il mio appello e quello di altri che mi hanno seguito o magari anche anticipato sia ascoltato dal tifo organizzato in curva e che la curva si possa riempire , tutti uniti nella protesta che avrebbe senso solo in quel modo. Lasciarla vuota oltre che dare un senso di scoramento e desolazione non farebbe altro che dare ancora più spazio e forza a chi ha messo in moto una macchina subdola che vuole disintegrare quel piccolo cuore pulsante ti vero tifo che ancora esiste a Torino , cioè SOLO in curva Primavera . In ogni caso io sarò con voi , spero dentro ma anche fuori .

  13. a mio modesto parere, disertare non serve ad un cazzo, ha scritto bene qualcuno, bisognava riempire quella curva e contestare, la digos e la societa vogliono i ragazzi fuori dalla primavera, e stando fuori gli si fa solo un favore. poi oramai e fatta

  14. Che il nano fosse colluso con gli ovini, lo sapevano anche i sassi da anni, vedi gazzabet, gestione pubblicità dello stadium, e altre porcate simili, questa è la goccia che fa traboccare un vaso pieno di merda ….CAIRO LIBERACI

  15. Mimmo,in bocca al lupo por la revolucion 😉. Ora parliamo di toro e di questa ignobile situazione. Anche se raramente collimano i punti di vista,abbiamo un rapporto corretto e leale. Forse hai ragione tu,ragionare con la testa, è meglio che con la panza. Vivessi a Torino, avresti più panza e meno testa,avresti il puzzo degli strisciati e dei loro accoliti, istituzionali e non.terribile,hanno gangli in ogni dove. Questa è una vergogna che risale alla contestazione nell’ultima del campionato scorso, qdo venne insultato dai veri tifosi e portato via da longo di peso.è vendicativo e cattivo d’animo. Anni fa;due,per esattezza,dei ragazzi di Aosta volevano mettere in maratona uno striscione :nuova generazione granata..ne han prese tante..tante.alcuni vecchi ultras minacciati con metodi da film con de Niro e al Pacino. Credimi e credici, sta succedendo una cosa ignobile e vile.come ti scrissi in un post,io cittadino, come faccio a fidarmi di un ente che chiude gli occhi sull’illegalità, essendo preposto a garantire la legalità. Un Pm ha impugnato la sentenza contro quel gobbo di merda infame che tirò il petardo.una società normale, si costituisce parte civile, questi usurpatori,solo silenzio,sempre sempre..un caro,sincero abbraccio. Riccardo

  16. Sto vivendo il periodo più incasinato della mia vita e non riesco a seguire più il Toro (forum compreso) con assiduità. Ma vedo che tra Fondazione, Primavera e “server” (😂😂😂) anche qui il casino non manca. Che dire? Niente! Aspetto sviluppi perché ho “letto” solo una campana in entrambe le situazioni e non conosco le cose per poter giudicare. Una cosa mi pare chiara: non può finire così e la società deve esprimersi.

    • Cosa non ti pare “chiaro” a proposito della Primavera? Multe perpetrate SOLO ed ESCLUSIVAMENTE ad un certo gruppo di un certo settore. Più chiaro di così. Se poi bisogna continuare a fingere di essere ingenui …

      • Non fingo di essere ingenuo. È che sarebbe talmente tanto grave sta cosa da risultarmi incredibile. Per questo chiedo spiegazioni alla società. Sono abituato a giudicare quel che.conosco e comunque non lo faccio mai avendo solo una visione parziale delle cose. Ripeto, sarebbe persino illegale sta roba e consentimi di non credere “ciecamente” che un organo dello Stato operi al difuori della legge per compiacere un privato, per quanto influente come Cairo. Fosse vero porgo già da ora il mio più sprezzante vaffanculo al presidente.

    • Mimmo, per una volta fidati dei tuoi fratelli di fede e non dell’arido patrigno. Non c’è nulla che non sia chiaro e che richieda una attenta valutazione per poterti esprimere. C’è una precisa volontà di soffocare il tifo non allineato. Questa situazione va avanti da anni. Ho amici in curva Primavera che sono stati minacciati da finti tifosi granata che occupano l’altra curva; il Torino FC ci mette il carico da 90 con la compiacenza di personaggi di dubbia moralità con compiti di sicurezza istituzionali. Fidati per una volta di chi fa del Toro una ragione di vita, non di chi ne fa una ragione di opportunità.

    • Ciao Mimmo, non ti pare sufficientemente chiaro?
      Si scaccia dalla Maratona il tifo non allineato; questo si ricompone in Primavera dove viene bersagliato dalla pula.
      Qua dentro si cancellano per disservizi, manutenzioni e motivi tecnici i soli commenti “non allineati” proprio nell’articolo sulla protesta dei tifo in Primavera.
      Il tutto nel pieno della delusione per quella stagione dipinta di “ennesima svolta da EL” e relative rimostranze da parte di molti verso le scelte della proprietà….
      E’ passato e finito il tempo in cui si poteva interpretare; i fatti attuali sono di una evidenza solare.

  17. beccaria ha completamente ragione cosa serve il filadelfia se poi i tifosi non lo possono vivere? gli allenamenti dei fenomeni sono sempre a porte chiuse non come una volta dove andavi al filadelfia per gioire con e della squadra .
    Poi l’allenatore non va bene non c’è più un gioco per spendere un sacco di soldi per niang tanto valeva tenersi maxi che era sicuramente meglio Cairo deve cambiare allenatore prima cghe sia troppo tardi

  18. Mai.piaciuto Beccaria. Quel che è certo è che frega più a lui del fila (e del toro)di quanto gliene freghi a Cairo. Il primo è spinto dal cuore granata; non solo, ma di sicuro anche. Il secondo è un uomo d’affari, ed è al toro, anzi HA il toro, solo per affari. E il fila e derivati non sono certo un affare, per lui. Per noi vuol dire tanto, per lui poco. Avrebbe avuto i mezzi per accelerare le pratiche? Certo che si. Ho scoperto l’acqua calda? Ovviamente.

  19. Mea culpa mea culpa mea maxima culpa….
    L’articolo di cui avevo scritto circa nuove cancellazioni, in realtà, è lo stesso di ieri, cioè quello solito, purtroppo ero passato dalla lettura di quello sulla primavera a quello dell’attaccante che non sarebbe arrivato e ho invertito i titoli….
    Mi scuso con tutti e con la Reda….
    Perchè è giusto scusarsi quando si sbaglia!!!
    MA CURVA PRIMAVERA RESISTI!!!!

  20. CURVA PRIMAVERA RESISTI!NON MOLLATE RAGAZZI!!!!
    Di là, sull’articolo proprio della lettera dei ragazzi della primavera sono nuovamente spariti decine e decine di commenti….
    a qualcuno stanno fischiando parecchio le orecchie….
    Purtroppo il Fila, ad eccezione di Salvadori finchè è rimasto e Beccaria finchè rimarrà, sta replicando nella sua ricostruzione ciò che abbiamo visto nella sua demolizione: l’interesse di tutte le parti a che non ci sia per il Toro lo stesso trattamento che con le merde, ossia farci morire lentamente.
    Ovviamente la proprietà del Toro è attivissima in questo, basti pensare alla vicenda Curva Primavera.
    Ridicolo pensare che un soggetto fiscale emetta fattura prima di ricevere un pagamento; prima si paga, poi si emette fattura.
    Il guaio è che quando deve pagare Cairo i soldi non ci sono mai…..

  21. Dispiace tanto non vedere tutte le parti unite per una cosa che riguarda la nostra casa. Ho avuto la fortuna di coronare un mio sogno, di vedere il Fila, non lo avevo mai visto e ciò è accaduto domenica scorsa, in occasione della partita con il Verona. Sono stato ben felice di farmi 1000 km per vedere la casa dei miei eroi e di visitare il museo Granata, grazie all’aiuto del fratello Alberto Lovi, persona d’altri tempi, e di aver potuto assistere ad una partita in casa del nostro Toro, e tutto questo a 53 anni, quando non ci speravo più., e per di più in un momento delicato della mia vita. Spero che tutto si risolva e tutti siano pronti a remare dalla stessa parte, per il bene della nostra leggenda. F.V.C.G.

  22. Andavo al Fila da ragazzino e so cosa voleva dire quel cortile.
    Però io vorrei chiedere a molti forumisti che parlano (anzi scrivono) per puro hobby cosa ci sarebbe adesso in Via Giordano Bruno angolo Via Filadelfia se non ci fosse stata la Fondazione e persone come Mecu.
    Vorrei chiedere ai molti tifosi da tappeto se hanno mai tirato fuori un euro (intendiamoci: compatibilmente con le possibilità economiche di ciascuno) per il Fila. Vorrei chiedere a queste teste gloriose se invece di berciare come anatre isteriche alla campagna acquisti hanno mai fatto l’abbonamento (di nuovo: potendolo fare per risorse e vicinanza a Torino) a prescindere, così, per fare quella cosa che ognuno qui in questo forum dice di voler fare: Tifare Toro.
    Se avete delle risposte a queste domande, vorrei sentirle, altrimenti abbiate il coraggio di astenervi da argomenti che nulla hanno a che fare con il tifo per il Toro.
    La colpa, unica, sempiterna, di questa situazione, è di un presidente e di una società che NON hanno mai dato per un minuto solo della loro vita una qualsiasi prova di aver capito cosa significa il Toro per questa città, per il calcio, per il paese. Ogni altra congettura è aria fritta. Forza Toro Sempre e #PRIMAVERARESISTI

  23. Sarebbe normale che una società seria il centro sportivo se lo fa da sola non aspetta che comune,Regione e comuni cittadini glielo facciamo. Sarebbe normale che una società seria la foresteria e il proprio museo se lo facciano. Sede idem. Sarebbe normale che il Torino Fc si interessasse dello stadio di proprietà. Sarebbe normale. Poi c’è un mago della finanza che ha preso una società fallita e la sta facendo fruttare per diventare uno dei più importanti imprenditori italiani. Tutto lecito. Ma il Toro per lui è un business ricordatevelo sempre. Le cose le fa solo per business per cui il Fila si completerà solo se vedrà un tornaconto. Il Toro per ora rimane da 8 posto perché per ora vuole una squadra che stia li. Lo stadio non lo vuole per cui non se ne parla. È un grande imprenditore che se fare i soldi. Non il presidente che 12 anni fa abbiamo acclamato sotto il Palazzo del municipio. Ma compreso.

  24. Mi sembra che Beccaria abbia parlato di problemi operativi da risolvere (amministrazione spiccia perché se emettere o no una fattura è un problema andiamo tutti a casa), di ruoli da ridefinire (un presidente manager sostituito da un presidente manager e qui c’è un bel problema), di sue idee sul dove deve andare a parare la Fondazione.
    Su quest’ultimo punto è sempre stato integralista nella sua idea e anche se non la condivido perché un po’ di compromesso si ha sempre da trovare, è comunque un’idea “pulita”.
    Mi sembra uno degli interventi più equilibrati da quando è in sella, lui che ha sempre picchiato duro su UC e meno su altri/altro.
    Poi se l’obiettivo è quello di pensar male … son sicuro che non mancherà un commento acido contro ognuno dei soggetti coinvolti, anzi li ho già letti tutti.

  25. La verità è che del toro, tra regione provincia e comune, se ne fregano tutti ,non è certo una loro priorità. Sta succedendo l’inevitabile. E siamo al punto che ricevere 500000 euro diventa un problema per le relative imposte. Mamma mia..

  26. Caro Angelo tu penserai poi mica che se il comune o chi per esso regalasse al toro quindi al nano un campo o un area..lui ci costruisce qualcosa..vedi il robaldo..ma per favore il nano nn spenderà mai nulla…e questo il problema…siamo una società che nn abbiamo di proprietà neanche un box auto o una carina ..Cairo vergogna vattene

  27. E,siccome son intellettualmente onesto,non nascondo che beccaria nella fondazione ha molto potere,forse troppo,e che alcuni comportamenti,mi han fatto storcere il naso.lontano anni luice comunque,dalla meschinita del proprietario della societa’.#CURVA PRIMAVERA RESISTI

  28. madoi io multerei Beccaria con tanto di daspo perché sicuramente non si è seduto al suo posto allo stadio…poi con tutto quel che dice ci sarebbero gli estremi per il fermo.
    Evviva il Cavaliere!!! evviva la società tutta!!!

    • “… il presidente Salvadori… (omissis) in quanto dimissionario, è stato sostituito pro tempore da Serino Rampanti, vicepresidente che era stato eletto in un CdA straordinario alla mattina dell’inaugurazione del Filadelfia, così da consentirgli di fare le foto di gruppo in quanto membro effettivo. Ma lo dico con tutto il sincero rispetto che nutro per Rampanti: vive un ruolo più grosso di lu, se ne è reso conto e non ha l’esperienza che ha maturato Salvadori in questi anni.” (… (omissis) lui si muove con i piedi di piombo, cosa che danneggia però l’attività della Fondazione”

      rampanti eletto per fare le foto vive un ruolo più grosso di lui e si muove con i piedi di piombo danneggiando la fondazione, forse sono parole di sincero apprezzamento che non ho capito, chissà

  29. riassumendo,
    è colpa di cairo, del comune, di mamma cairo, di rampanti, del consigliere “che rappresenterebbe i tifosi”, e pure di salvadori che si è dimesso

    prendiamo atto della posizione di beccaria

  30. È molto più semplice di quanto uno possa immaginare…la società cioè Cairo …dovrebbe prendere che nebso 10 milioni o la cifra che vale il Filadelfia e acquistarlo..punto e basta sarebbe tutto finito..l’altra squadra di Venaria le cose se le costruisce e se le paga..noi il nano fa casinò e vuole le cose gratis..assurdo…Tira fora i sold Barbun..cairo vattene

  31. Mi pare evidente che il 90% delle responsabilità siano di UC,
    Poi se qualcuno vuol far passare da malfattori Salvatori e Beccaria…. si commentano da soli.
    La storia della vicenda è stata scritta, uno schifo assoluto che merita solo disprezzo.
    C’è gente del Toro in giro? Bene allora non abbiate dubbi e sosteniamola.
    Ragazzi della Primavera, da lì si può ricominciare.

  32. Mi pare che il caos affondi le origini nel periodo “Salvadori”, che non essendo uno sprovveduto poteva prevederlo. Non sarebbe meglio ragionarne con Cairo (che come imprenditore sembra piuttosto abile) in modo amichevole invece di sollevare sempre e solo i polveroni? Sembra quasi che qualcuno sia in cerca di notorietà.

  33. Veramente una parentesi triste che si aggiunge a quella della CURVA PRIMAVERA e che dimostra come questa dirigenza sia solamente amministratrice pro tempore della nostra passione. Nessuno si illude che il mondo sia rimasto quello di 40 anni fa ma nemmeno che il TORO sia diventata una mucca da mungere…E intanto a Milano si tiene il premio cairo….

  34. Certo che se non emettono la fattura, i soldi dei seggiolini non arrivano.
    Basta emetterla il primo del mese per avere un mese e mezzo di tempo prima del versamento iva.
    In ogni caso se Ferrauto ha detto che la pagano, dov’è il problema?

  35. La questione stucchevole dello stadio Filadelfia ( ragazzi , la NOSTRA CASA , che con la prima plusvalenza utile si sarebbe dovuta acquistare !!!! ) , le multe sanzionate ai possessori dei regolari ticket e/o abbonamenti in curva Primavera , questo clima di sospetto di interferenze societarie nei dibattiti di questo forum ….. Vi confesso che mi intristisce veramente questa situazione , e sono convinto che basterebbe che alcune volte il nostro glorioso club fosse guidato mettendosi le mani sul cuore e non sul portafoglio …..