Esclusiva / Walter Novellino: “Mihajlovic è un maestro nel dare stimoli alla squadra. Cairo lo vedo molto entusiasta, i meriti vanno dati anche a lui”

Walter Novellino, lei che è rimasto sempre legatissimo all’ambiente e ai colori granata: può dirci se, a suo parere, il Toro può puntare all’Europa?
Quest’anno sì, senza dubbio. Quella granata è una squadra decisamente migliorata rispetto al passato, non solo negli uomini, ma soprattutto nello spirito e nella convinzione. L’Europa può essere un traguardo alla portata del Toro, ma solo a condizione che i granata continuino a mantenere questo grado di concentrazione, partita dopo partita. Le pretendenti ad un posto in Europa sono tante, ma il Toro è sicuramente tra queste.

Quanto ha inciso l’arrivo di Mihajlovic sui risultati positivi che il Toro sta ottenendo?
Un allenatore, se sa toccare i tasti corretti e dare i giusti stimoli alla sua squadra, può diventare determinante e io credo che Mihajlovic in questo tipo di pratica sia un maestro. Il tecnico serbo ha portato grinta e convinzione e questo ha saputo colmare anche assenze dovute a partenze importanti, soprattutto nel reparto arretrato. Se il Toro e Mihajlovic continuano su questa strada, sicuramente possono arrivare delle soddisfazioni.

Questo, secondo lei, può essere l’anno della definitiva consacrazione di Belotti?
In verità è già da un po’ che Belotti sta facendo bene. A Palermo non aveva espresso a pieno tutte le sue potenzialità, ma già si capiva che era un giocatore molto valido. Lo scorso anno al Toro ha mostrato sia di saper fare gol sia di essere in grado di aiutare la squadra nelle due fasi e questo è fondamentale nel calcio. In questa stagione si sta dimostrando ancora di più un giocatore determinante, sia al Toro, ma anche in Nazionale.

A parer suo, in questi anni c’è stato qualche cambiamento in Cairo rispetto a quando era lei l’allenatore del Toro?
Io credo di no, poi ci sono annate che possono andare bene, altre meno bene, ma il presidente Cairo ha dimostrato di mettere sempre la stessa passione nel Toro. L’ho visto molto entusiasta ultimamente del progetto e della squadra e, devo dire, che molto dipende da lui. Se il Toro adesso si trova in questa situazione il merito va anche a Cairo.

Quanto può essere importante la rinascita del Filadelfia per il Toro e per i suoi tifosi?
Mi auguro che avvenga quanto prima perché è molto importante, non solo per il Toro, ma per tutto il calcio. E tra l’altro il ritorno al Filadelfia sarebbe il completamento di ciò che sta facendo anche Cairo. Il Filadelfia è un patrimonio storico del nostro calcio ed è giusto che ritorni ad ricoprire il suo ruolo. Per la squadra, il ritorno al Filadelfia, può significare rendere ancora più forte un legame con il passato e, i tifosi, quelli storici, sicuramente saranno felicissimi di riappropriarsi di un pezzo della loro storia.


19 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
spinegranata
spinegranata
5 anni fa

Thò, è uscito dal borsone della biancheria sporca?

fratelliperungiorno
fratelliperungiorno
5 anni fa

Ma ancoraggio parla sto fallito?

kurtz
kurtz
5 anni fa

Buona serata a te deanketonbing.

Graziani è sicuro: “Con Mihajlovic il Toro ha ritrovato la sua anima”

Ghione: “Al derby si canta con Belotti! Questa squadra può tornare grande”