Condannare la violenza è giusto, permettere a uomini, donne e bambini di sentirsi al sicuro allo stadio anche. Giustificare questo esperimento no

Forse chi porta i propri figli allo stadio, chi semplicemente sceglie di andare a vedere una partita con gli amici, sia esso un uomo o una donna in questo caso poco importa, meriterebbe che quello stesso Stato incaricato di garantire la sicurezza di ogni cittadino lo mettesse al corrente di qualsivoglia esperimento. Specialmente se tale esperimento, come purtroppo è accaduto di recente e più di una volta, definito “sociale” mette a rischio l’incolumità di chi, più che ritrovarsi a fare da cavia, vuole che resti sacrosanto il diritto di assistere a una partita di pallone senza essere aggredito da nessuno.

La violenza va condannata ma ad inquietare non è quell’aspetto, su cui lavorerà chi ne ha le competenze, quanto il fatto che un palese errore, quello di permettere a centinaia di tifosi di entrare in un settore occupato da pubblico di fede opposta, sia oggi giustificato in nome di un esperimento che non aveva ragione di essere nemmeno preso in considerazione. Specialmente se non si mette al corrente chi vi partecipa, dando così l’opportunità di scegliere se aderire o no a fantasiosi progetti come questo.
Sarebbe stato meglio tacere: perché anche questa è una forma di violenza nei confronti dell’essere umano, violenza che non permette alcuna giustificazione.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 13-12-2019


79 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
vecchiamaniera
4 anni fa

La meraviglia di questo “esperimento sociale” è l’assoluto silenzio su qualunque media dalla Rai,televideo(dove si evidenzia il cambio di panchina di una squadra dell’Oceania ma nulla in merito all’esperimento di rastrellamento),radiosportiva,TG in genere,giornali..Tutto tace,quando un buuu di 10 idioti rivolto a un giocatore di colore riempie spazi su giornali e… Leggi il resto »

tony polster
4 anni fa

Da due giorni Tuttosport sta dando ampia voce a questa assurda vicenda.oggi parla Marengo.bene.non bisogna abbassare la guardia,basta porgere l’altra guancia.le responsabilita’ devono uscire. Il Torino ha gravi responsabilita’ ma la conferenza stampa dell’altro giorno e’ un qualcosa di abominevole.questi dovrebbero garantire l’ordine pubblico e fomentano queste cose,ergendosi poi ad… Leggi il resto »

michele-miva "mi sembrava il toro pauroso di ventura"
michele-miva "mi sembrava il toro pauroso di ventura"
4 anni fa

Quello che dice odix è proprio vero. Chi ha sbagliato deve pagare. Questura? Torino calcio? Non lo so ma i furbetti che giocano con la pelle delle persone devono essere denunciati e se mai puniti severamente. Per i violenti lotta senza quartiere.

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)

Ciao Miva…concordo su tutto..in questa storia assurda i colpevoli devono pagare,a tutto c’e un limite.

E se contestare porta bene…

Altri errori, tanti rimpianti: sta diventando un’abitudine