14 ottobre 2001: Juventus-Torino 3-3, la rimonta e la buca di Maspero

9
Juventus-Torino 3-3

Juventus-Torino 3-3: la rimonta firmata Lucarelli, Ferrante, Maspero e il rigore sbagliato da Salas sono ancora ben impressi nella memoria dei tifosi

Il 14 ottobre del 2001 era una domenica, ma non come le altre: era la domenica del derby della Mole. Il derby che sarebbe poi passato alla storia come il celebre “Juventus-Torino 3-3”, quello di una delle più belle e incredibili rimonte della storia granata, arrivata dopo un secondo che neanche il più ottimista avrebbe potuto immagine così. Quel giorno il cuore (il cuore Toro!) fu più forte della ragione, se ne fregò di quel che il buon senso diceva: “È impossibile rimontare tre gol in un tempo alla Juve di Buffon, Thuram, Zambrotta, Nedved, Del Piero e Trezeguet. È impossibile!”. È impossibile? No.

Juventus-Torino 3-3: il primo tempo

Ma andiamo con ordine. Camolese per quella partita disegna un 3-4-1-2 con Bucci in porta, Garzya, Galante e Delli Carri in difesa, Asta, Cauet, De Ascentis e Castellini a centrocampo, Semioli (all’esordio in serie A) alle spalle delle due punte: Lucarelli e Osmanovski. In panchina Ferrante, per volere del presidente Cimminelli che, come lo stesso attaccante ha poi raccontato, intimò il tecnico Camolese di non farlo giocare, pena l’esonero. Nel primo tempo la Juventus ha vita fin troppo facile e riesce a segnare tre gol in un quarto d’ora: al 9′ Del Piero, all’11’ Tudor e al 24′ di nuovo Del Piero.

Juventus-Torino 3-3: il secondo tempo

Sembra finita, ma non lo è. Camolese crede nella rimonta e all’intervallo decide di richiamare in panchina Semioli e Osmanovski per mandare in campo Vergassola e Ferrante. Passano dodici minuti, Ferrante con un lancio perfetto mette Lucarelli davanti alla porta avversaria, l’attaccante livornese controlla con il destro e calcia con il sinistro: gol. Juventus-Torino 3-1 al 57′. Passano altri dodici minuti, Asta supera Pessotto sulla destra e converge verso il centro, uno-due con Vergassola, dribbling secco ai danni di Iuliano e poi il contatto con Thuram sulla linea dell’area di rigore. Dagli undici metri va Ferrante: gol. Al 70′ Juventus-Torino 3-2. Entra Maspero, esce Lucarelli ma il Toro continua ad attaccare. Cross perfetto di Asta dalla destra, colpo di testa di Ferrante, miracolo di Buffon che respinge un pallone che sembrava già in rete, arriva Maspero in scivolata: gol. All’83’ Juventus-Torino 3-3. 

Juventus-Torino 3-3: il rigore di Salas

Ma non è ancora finita perché poco dopo il signor Borriello di Mantova fischia un calcio di rigore per la Juventus per una trattenuta di Delli Carri su Tudor. Tante proteste da parte dei granata, ma non da parte di Maspero che va sul dischetto e scava una piccola buca. Dagli undici metri si presenta Salas, che posizione il pallone proprio sulla buca. Tiro: alto. Juventus-Torino 3-3.

più nuovi più vecchi
Notificami
Valentino
Utente
Valentino

E la regina delle ciampornie ha sminuito questa partita come una impresa di poco conto perché in campo c’erano Semioli e asta, due mediocri. Invece quello che fece il gol del 3 a 2 nel derby è diventato pallone d’oro vero? Queste sono le partite Dove dimostriamo di essere una… Leggi il resto »

Casao92
Utente
Casao92

Bei tempi.Bei ricordi.anche con squadre molto meno forti della juve si poteva vincere o pareggiare il derby.

Fabio75
Utente
Fabio75

Quel pomeriggio esco con degli amici in centro a Spoleto (dove svolgevo addestramento per il servizio militare), con noi uno giuventino, passiamo davanti un bar e vedo sullo schermo il 3 a 0 per loro…. penso “altro pomeriggio di mèŕđä” mentre lo giuventino gongola dall’alto della sua arroganza strisciata di… Leggi il resto »

Fabio75
Utente
Fabio75

Buona domenica ai fratelli Granata