15 gennaio 1935: 82 anni di Gigi Radice

di Redazione - 15 Gennaio 2017

Compie oggi 82 anni Gigi Radice, l’allenatore che nel 1976 portò il Toro a vincere il primo (e finora ultimo) scudetto del dopo Superga

Quando si pensa a Gigi Radice c’è un’immagine che viene subito alla mente: è il 16 maggio 1976, al Comunale è appena finita Torino-Cesena e, grazie anche alla contemporanea vittoria del Perugia sulla Juventus, la squadra granata si è appena laureata campione d’Italia per la prima volta dopo Superga. Festeggiano tutti allo stadio, i tifosi sugli spalti, i giocatori in campo, c’è solo una persona che non riesce a lasciarsi andare alla gioia per la vittoria dello scudetto: per l’appunto, Gigi Radice. Mentre passeggia per il campo continua a ripetere ai microfoni dei giornalisti: “Peccato per quell’episodio”, riferendosi all’autogol di Mozzini che ha costretto il Toro all’1-1 finale, i tentativi di fargli dimenticare il risultato finale della partita sono inutili. “Eravamo riusciti a sbloccarla, poi è capitato questo episodio, non è che non siamo mai contenti – prova anche a giustificarsi Radice – però insomma, forse è che vogliamo sempre vincere”.

Oggi Gigi Radice (nato a Cesano Maderno il 15 gennaio 1935) compie oggi 82 anni, al Torino arrivò nell’estate del 1975, vinse subito lo scudetto e restò sulla panchina granata fino alla 19ª giornata del campionato 1979/1980. Tornò a guidare il Toro nel 1984 e lo fece per altre quattro stagioni complete, più la prima parte del campionato 1988/1989. Per i tifosi granata, grazie anche a quel trionfo del 1976 è un simbolo, uno degli allenatori più amati di tutti i tempi.

più nuovi più vecchi
Notificami
tarzan_annoni
Utente
tarzan_annoni

Grandissimo, Maximo1. Verità sacrosanta. Aveva un preparatore atletico e uno dei portieri (Cazzaniga). Ora un mister ha un esercito di persone….altro mondo, altro calcio. Quello di allora era il calcio di uomini veri, ora sono personaggi dello spettacolo.

maximo1
Utente
maximo1

Era il tempo in cui un allenatore come Radice lo vedevi poco. Perche’ come tutti gli allenatori di allora stava seduto in panchina. Non faceva il teatrino nell’area designata e non diceva pezzo di merda al quarto uomo (che non c’era) senza essere mandato via. Semplicamente dirigeva la squadra con… Leggi il resto »

Lovi
Utente
Lovi

complimenti fratello!

farfalla_granata
Utente
farfalla_granata

AUGURI con un giorno di ritardo MISTER! Nel vedere le immagini mi prende un nodo alla gola e mi commovuo! Ho iniziato da piccolo ad andare allo stadio comunale quando il SUO TORO vinse lo scudetto nel 1976! Ho letto una dichiarazione del figlio che Gigi ha problemi di salute!… Leggi il resto »