Domani, alle ore 15.00, il Collegio di Garanzia del Coni emetterà la sentenza definitiva su Atalanta-Torino. Granata fiduciosi

Epilogo ancora mancante per la vicenda di Atalanta-Torino. Il match, in programma per gennaio, è stato rinviato a causa di un focolaio riscontrato nel gruppo squadra granata messo in quarantena forzata dall’ASL competente, all’11 maggio. La data potrebbe variare in base al rendimento della Dea in Europa League, che nel frattempo è pronta a contrastare anche questa volta la decisione presa. Ha infatti scelto di appellarsi all’ultimo grado in giudizio facendo ricorso perché venga annullato il tutto.

Atalanta-Torino, verso la sentenza del Collegio di Garanzia del Coni

Il club bergamasco vorrebbe il 3-0 a tavolino senza dover scendere in campo. L’ultima parola spetta però al Collegio di Garanzia del Coni, che il 13 aprile 2022 emetterà la sentenza definitiva dopo la presa in esame del ricorso nerazzurro. L’avvocato granata Eduardo Chiacchio, legale di fiducia dei granata da ormai dodici anni e già operativo in occasione di Lazio-Torino nella scorsa stagione, non ha dubbi sul risultato: “Restiamo assolutamente fiduciosi di fare un nuovo en plein dopo quello della scorsa stagione. Il Torino ha rispettato tutte le disposizioni e le leggi ed è ciò che sta dimostrando dall’inizio. Con cinque sentenze a nostro favore, aspettiamo la sesta con assoluta fiducia“, ha dichiarato il legale in un’intervista a Tuttosport. Dopo aver vinto i primi nei primi due gradi, resta infatti solo l’ultimo.

L’avv. Chiacchio: “Ho richiamato nelle memorie i vari precedenti in materia”

Noi abbiamo innanzitutto eccepito l’inammissibilità sulla richiesta dell’Atalanta del terzo grado di merito sulla questione. Al terzo grado del Coni si riceve solo per motivi di legittimità e non per merito. Oltre a segnalare ciò, ho contestato gli assunti di parte avversa e ho richiamato nelle memorie i vari precedenti in materia. L’atto interdittivo della ASL per l’intero gruppo squadra costituisce il “factum principis” che vieta al soggetto destinatario del provvedimento sanitario di affrontare trasferte con violazione del diritto penale come conseguenza, quindi commettere un reato“, ha spiegato l’avvocato, dando un quadro generale della situazione.

Palomino e Belotti in Torino-Atalanta
Palomino e Belotti in Torino-Atalanta
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 12-04-2022


6 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Charlie66
Charlie66
1 mese fa

la cosa ridicola è che invece il napoli è stato deferito perchè con i gobbi alcuni giocatori hanno giocato violando la quarantena. (mentre per l’attaccante più forte del mondo che in quarantena va a torino per visite e firma… shhhhhhhh tutto ok)

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
1 mese fa
Reply to  Charlie66

avevi dubbi al riguardo?

BiriLLo
BiriLLo
1 mese fa

Se un’autorità, nel caso l’ASL constata la malattia e rischi di ulteriori contagi ti obbliga a rimanere nel territorio. Trovo stucchevole l’atteggiamento orobico quasi quanto quello laziale, se il primo è forse solo attuato per dare spazio all’impegno EL, il secondo condito pure dalla positività palese di Immobile, utilizzato, e… Leggi il resto »

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
1 mese fa

Per me , le partite dovrebbero avere il loro epilogo naturale sul campo.
Sempre.

Lazio-Torino: arbitra Prontera. Massa torna ad arbitrare in A

Juric squalificato: non sarà in panchina in Lazio-Torino