“Ecco la mia principessa”. Niang presenta così la figlia: esperienza da neo papà per l’attaccante del Torino che aspetta ancora un’occasione da Walter Mazzarri

Non sta vivendo una stagione facile dal punto di vista calcistico M’Bayé Niang. Ma da quello umano, invece, la felicità è davvero alle stelle. L’attaccante del Torino è infatti diventato da poco papà, e sul suo canale Instagram si è fatto ritrarre mentre allatta la figlia, tenendola in braccio. “Eccola, la mia principessa” dice Niang, neo papà. Ora, il giocatore aspetta nuovamente la sua chance di scendere in campo, dopo alcune esclusioni (o per infortunio, o per questioni tecniche) che lo hanno portato a restare un po’ troppo fuori dai giochi.

Torino, Mazzarri aspetta Niang: contro la Lazio una chance?

Niang, neo papà, aspetta la sua occasione. Ma deve conquistare il posto da titolare, che aveva perso dopo la rinascita e la riscoperta di Ljajic da trequartista. Chissà se domenica prossima, in Torino-Lazio, l’attaccante senegalese, entrato nel giro della nazionale, non avrà nuovamente la possibilità di scendere in campo. Intanto, il giocatore riprenderà domani ad allenarsi con il resto dei compagni, con la speranza che la chiamata di Mazzarri possa arrivare presto. E soprattutto con la speranza di raddrizzare almeno parzialmente una stagione in chiaroscuro, sicuramente molto diversa rispetto a come si sarebbe immaginato.


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
GlennGould
GlennGould
3 anni fa

A lui gli auguri per la nascita di suo figlio, a noi l’augurio che vada fuori dai c…….

Pedric (Giorgia2004)
Pedric (Giorgia2004)
3 anni fa

Vattene! non sei mai servito a niente.

ale_maroon79
ale_maroon79
3 anni fa

Beh almeno Niang ha qualcosa da fare in questo periodo…il resto dei suoi compagni ha ormai come unica occupazione quella di sfogliare i cataloghi delle vacanze.
(P.S. felicitazioni ai neo-genitori).

Torino, la resa è dichiarata. Europa League addio, Ansaldi: “Persa più di una partita”

Torino, Cairo: “Belotti ci è mancato troppo. Ma il suo futuro è qui”