#JuveOut: spopola l’hashtag che chiede l’estromissione dei bianconeri dal campionato

di Andrea Piva - 18 Gennaio 2019

L’hashtag #JuveOut è nato dopo la finale di Supercoppa italiana e in poco tempo è entrato anche nei trend di Twitter, l’ideatore è un tifoso dell’Inter

Da alcuni giorni uno degli hashtag più in voga sui social network è #JuveOut, creato da un tifoso dell’Inter immediatamente dopo il triplice fischio di Banti nella finale di Supercoppa Italiani tra la Juventus e il Milan. Le decisioni arbitrali in favore dei bianconeri, che tanto hanno fatto infuriare anche Gattuso e i suoi giocatori, hanno fatto scatenare il popolo del web: tifosi di ogni squadra ben presto hanno fatto entrare #JuveOut anche nei trend di Twitter.

#JuveOut: su Twitter migliaia di post con l’hashtag contro la Juventus

Come si evince anche dalle parole scelte, l’obiettivo dell’hashtag è quello di chiedere l’esclusione della società bianconera dal campionato di serie A e dalle altre competizioni organizzate dalla Lega, considerati gli aiuti arbitrali di cui godrebbe e che gli permetterebbero di vincere con maggiore facilità le varie competizione. Questa è l’accusa mossa nelle decine di migliaia di post di tifosi di ogni squadra provenienti da tutta Italia che sui social stanno continuando a mandare chiaro e forte il loro messaggio.

più nuovi più vecchi
Notificami
Denis-Joe
Utente
Denis-Joe

pur essendo assolutamente antigobbo, ritengo che la responsabilità di queste ingiustizie siano principalmente degli arbitri e di chi li designa. Inizierei quindi a pretendere la radiazione degli arbitri palesemente faziosi e antisportivi. La radiazione della gobba ha poco senso e non ha nessuna possibilità di realizzo. Poi qualcuno mi dovrà… Leggi il resto »

Peterpann
Utente
Peterpann

Dio lo volesse….

T
Utente
T

La radiazione di quel club e il fallimento di quella famiglia mafiosa sono sogni che perdurano da decenni. E diventano sempre più sogni. Quasi utopie. Purtroppo però in questo mondo il male vince sempre e e le ingiustizie e iniquità si rafforzano sempre di più. Ma è giusto e doveroso… Leggi il resto »