Il “no” alla Superlega è immediatamente arrivato dai tesserati delle big inglesi e spagnole, non da quelli delle italiane

“Non ci piace e non vogliamo che accada. Questa è la nostra posizione collettiva. Il nostro impegno per questo club e i suoi tifosi è assoluto e incondizionato. Non camminerai mai solo”. Questo è il comunicato a cui hanno aderito tutti i calciatori del Liverpool riguardo alla Superlega. Un messaggio breve ma allo stesso tempo una presa di posizione netta dei Reds nei confronti del torneo per i club più ricchi. “Come hanno reagito i calciatori bianconeri all’annuncio della Superlega? Mi hanno chiesto quando si comincia” questo è invece quanto ha dichiarato Andrea Agnelli riguardo alla posizione dei giocatori della sua Juventus di fronte all’iniziativa. Una posizione completamente differente.

Superlega: in Italia il silenzio dei calciatori delle big

Non sappiamo se davvero tutti i calciatori bianconeri fossero entusiasti dell’idea di giocare un torneo chiuso, riservato a un élite, nessuno di loro si è finora esposto, così come non lo hanno fatto i giocatori di Inter e Milan. Perché? Forse per un’incrollabile fiducia nei confronti dei propri dirigenti, forse per paura di ripercussioni nel caso in cui si fossero esposti, forse perché gli è stato chiedo di non dire nulla o magari per altri motivi ancora. Ma è curioso che solamente in Italia i giocatori delle big siano finora rimasti in silenzio di fronte a un progetto che avrebbe rivoluzionato il calcio, il mondo in cui più di ogni altri fanno parte.

Superlega: tutti i no dall’Inghilterra e dalla Spagna

In Inghilterra, prima del comunicato dei giocatori del Liverpool, erano arrivate le dichiarazioni contro la Superlega di Klopp e Guardiola, quelle del centrocampista del Liverpool Milner e, prima ancora, i post di sdegno su Instagram di Bruno Fernandes e Cancelo, centrocampista del Manchester United il primo, terzino del Manchester City il secondo. In Spagna c’è stata la netta presa di posizione di Piqué, simbolo del Barcellona, ma anche i “no” social di Modric e altri giocatori del Real Madrid. L’Atletico Madrid, nel comunicato con cui ha annunciato l’uscita dalla Superlega, ha spiegato che: “La rosa della prima squadra e il suo allenatore hanno mostrato la loro soddisfazione per la decisione del club, consapevoli che i meriti sportivi devono prevalere su ogni altro criterio”. E quelli citati sono solamente alcuni dei tanti esempi. I calciatori di Juventus, Inter e Milan, gli idoli di milioni di tifosi, al momento (ma speriamo che queste righe vengano smentite al più presto), tacciono. Avrebbero davvero voluto la Superlega? Se fosse stato per loro, probabilmente, la Superlega si sarebbe fatta.

Comunicato dei calciatori del Liverpool contro la Superlega
Comunicato dei calciatori del Liverpool contro la Superlega
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 21-04-2021


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Immer
Immer
7 mesi fa

È tutta una farsa questa superlega i lambs hanno colpito nuovamente, fossero andati li non avrebbero vinto una mazza, mentre faranno ls figura di tornare indietro e saranno degli eroi pronti a vincere come al solito. È tutto calcolato è una strategia

Guevara2019
Guevara2019
7 mesi fa

Qua sanno che affermando delle contrarietà ai potenti poi avrebbero problemi, meglio tenersi stretto il contratto e far finta di nulla, il conto in banca va foraggiato. Detto ciò, nonostante il fallimento degli ingordi, andranno avanti, vorranno più soldi per mantenere ingaggi e il fior fiore dei calciatori. Ad esempio… Leggi il resto »

extremoduro
extremoduro
7 mesi fa

c’è di mezzo la mafia, chi in italia ha il coraggio di andare contro certi poteri? l’omertà ce l’abbiamo nel sangue e purtroppo non avanzeremo mai, va tutto sempre bene

Charlie66
Charlie66
7 mesi fa
Reply to  extremoduro

ma i 90% di questi giocatorini sono stranieri, la mafia è soprattutto nella stanza dei bottoni.

Agnelli ieri diceva: “La Superlega ha il 100% di possibilità di successo. Cairo? Non ha voluto capire”

Il presidente del Barcellona: “La Superlega è una necessità”