Il capitano della Roma in una lunga intervista: “Ormai i colleghi sono tutti nomadi. Sogno un campionato con non più di due stranieri per squadra”

Non ha mai avuto peli sulla lingua, Francesco Totti. E dall’alto della sua esperienza, tutta votata alla permanenza nella sua squadra del cuore, anche quando le offerte fioccavano e provenivano da ogni dove, si permette di tirare una stoccata non da poco ai colleghi che, a detta sua, “oggi sono un po’ come i nomadi. Seguono solo i soldi, e mai il cuore“. Lo dice senza nominare troppe volte Higuain o Pjanic, che hanno scelto la Juve salutando Napoli e Roma, piazze che stravedevano per loro.

Non sono tanti gli atleti che seguono il loro cuore” ha dichiarato in un’intervista per Gazzetta World, “molti scelgono di andare altrove per vincere e guadaganre di più. Se avessi pensato solo ai soldi, avrei salutato Roma 10 anni fa. Ma si trattava di passione, di sogni. Higuain? È normale che un giocatore straniero arrivi in Italia e cambi rapidamente squadra, avendo la possibilità di guadagnare più soldi. Ma non tutti sono come Maradona” chiosa amaramente.

Lasciando una considerazione amara anche sulla sua Roma: “Oramai parliamo praticamente solo in inglese. Compresi i massaggiatori. Mi piacerebbe un campionato dove non si troviano più di due stranieri per rosa. Sarebbe un ritorno al passato, vero. Ma era un passato che mi piaceva“.


62 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
filaforever
filaforever
6 anni fa

Chiedo scusa se non leggo subito i 57 commenti precedenti. Per me Totti non è un esempio. Avrei voluto vederlo a 900 mila euro più bonus fare la Bandiera alla Roma. Lui rientra nella mentalità del calcio moderno. Giusta o sbagliata non so, ma non mi piacciono gli ipocriti e… Leggi il resto »

LeovegildoJunior
LeovegildoJunior
6 anni fa
Reply to  filaforever

Diciamo che sono comunque un esempio per quelli come Immobile – e sono i più – che cambiano squadre come io mi cambio le mutande la mattina 😀 Poi è chiaro che se Totti fosse cresciuto al Toro, non ci sarebbe mai rimasto, ma è anche vero che per quanto… Leggi il resto »

filaforever
filaforever
6 anni fa

Ok, condivido nelle grandi linee. Però per me non è un esempio di Bandiera. I girnalisti romani ci sguazzano ma non è così. Per me, oggi, è più bandiera Di Natale. Totti cittadino è una brava persona, aiuta molto con la beneficenza vera ma non regala soldi dal balcone di… Leggi il resto »

Plasticone69
Plasticone69
6 anni fa
Reply to  filaforever

Mi dispiace ma parli di una realtà che non conosci….

Zappology
Zappology
6 anni fa
Reply to  filaforever

Io concordo con @Leo. Parliamo di Totti, mica di un Pellicori qualunque. Per almeno un decennio, diciamo dal ’98 fino al …mmhh.. 2007, secondo me è stato uno dei quattro/cinque calciatori più forti d’Europa. Ha avuto una continuità di rendimento assurda, ha segnato 248 goal in serie A senza praticamente… Leggi il resto »

thethaiman
thethaiman
6 anni fa

Fosse andato al Real a 27 anni avrebbe vinto tantissimo e guadagnato molto di più. Alcuni anni fa in una trasmissione in cui si parlava della Roma Agroppi affermò che se fosse andato in una grande squadra avrebbe vinto pure il pallone d’oro, io concordo, fuoriclasse assoluto. Se l’hanno vinto… Leggi il resto »

Plasticone69
Plasticone69
6 anni fa

Chi dice che Totti ha fatto una scelta facile.e di comodo non sa cosa dice… Purtroppo ci ha fatto godere più lui contro le merde bianconere che la.nostra squadra , ricordatevi i 4 schiaffi a Montero. Forse non un campione ma sicuramente nella sua semplicità una persona coerente e di… Leggi il resto »

Ventura: “Sfido chiunque a vincere titoli se non alleni una big”

Zappacosta testimonial per il Sora Volley