Ljajic, segnali al Toro: vuole chiarezza sul suo futuro

16
Ljajic Torino
Adem Ljajic of Torino FC in action during the friendly football match between Torino FC and OGC Nice.

Calciomercato / Il Torino e Ljajic continuano a distanza un discorso molto fumoso: i tifosi lo applaudono, per la dirigenza è cedibile. Galatasaray e Marsiglia alla finestra

Non è per nulla chiaro il futuro di Adem Ljajic al Toro. E sembra incredibile che un giocatore tra i più tecnicamente dotati dell’intera rosa non abbia ancora la certezza di restare in granata o meno. Per questo motivo, con il Torino, si sta parlando, e molto. Lo sta facendo l’agente di Ljajic, Ramadani, rassimilabile a Raiola in modus operandi e soprattutto potere di trattativa: contatti con la dirigenza granata per capire davvero quale sia l’intenzione del Torino a cinque giorni dalla fine del calciomercato. Mai come quest’anno così ingarbugliato.

Ljajic: il Torino non lo reputa incedibile

La verità è che per il Torino Adem Ljajic non è un giocatore incedibile. Che poi, a dire il vero, nel Toro nessuno lo è: solo che il fantasista serbo non sembra in questo momento storico appartenere alla categoria dei giocatori che potrebbero partire solo di fronte a un’offerta monstre, di quelle da capogiro, come per Belotti. No, Ljajic nel Torino è considerato più di un gregario ma meno di un titolare, sulla carta, fisso: Mazzarri, che pur lo stima e che ha appianato alcune divergenze emerse durante lo scorso campionato, sta puntando secco sul duo Belotti-Falque (che deve ancora imparare a interpretare il ruolo da seconda punta nel migliore dei modi), con Ljajic che tra infortuni, preparazione posticipata a causa del Mondiale, e appunto un discorso tecnico-tattico, parte più indietro nelle gerarchie. Ma questo al giocatore sta bene solo a metà, per questo sta chiedendo al Torino: cosa vogliamo fare? E le idee, in questo senso, non sembrano molto chiare.

Calciomercato Ljajic, il Toro riceve i sondaggi di Galatasaray e Marsiglia

Ecco perché lo stesso agente del giocatore si sta guardando intorno, alla ricerca della possibile offerta giusta. Ci hanno provato, ancora, il Galatasaray e il Marsiglia, ma senza tentare l’affondo giusto. Intanto, dopo aver raccolto gli applausi dello stadio, che si è così esposto circa una sua permanenza o addio, Ljajic al Filadelfia si allena a parte, per cercare di recuperare e tornare a disposizione già contro la partita con la Roma, un’altra squadra che era partita forte su di lui, per poi relegarlo in panchina. Un’altalena tra panchina e campo che in giallorosso ha tollerato poco, e che sembra non voler nemmeno accettare ora, in granata. Aria di divorzio turbolento? No, non sarebbe corretto dirlo. Ma che i rapporti siano in questo momento sotto osservazione è davanti agli occhi di tutti.

16
Lascia il tuo commento

Please Login to comment
12 Comment threads
4 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
11 Comment authors
PeterpannVegetaHalgranatadellabassapelogrigio Recent comment authors
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi
Notificami
Peterpann
Utente
Peterpann

Più che chiedere chiarezza al Toro, dovrebbe essere il Toro a chiedere chiarezza a Ljaic sul suo futuro per come intende contribuire alla causa. Diceva JFK: Non chiederti cosa può fare l’America per te, chiediti cosa puoi fare tu per l’America. Certi concetti non passano mai di moda.

Hal
Utente
Hal

È il migliore che abbiamo coi piedi. Punto. E ci ha levato le castagne dal fuoco l’anno scorso. Poi tutti d’accordo che sia ancora tatticamente indisciplinato. Ma il meglio lo abbiamo visto con loro tre davanti. Starebbe a un allenatore tatticamente lungimirante adattarsi a chi ha. Non il contrario

Vegeta
Utente
Vegeta

Il calcio è totale ed i giocatori che non lo capiscono rimangono incompiuti.
Questo è Ljajic….

granatadellabassa
Utente
granatadellabassa

@Vegeta
Hai ragione. Le big lo snobbano e/o lo guardano con sospetto per la sua fama di lavativo.
Mazzarri però lo può valorizzare se riesce a sfruttarlo da trequartista. Può essere un’occasione unica per esplodere.
Diversamente gli si aprono le porte del campionato turco o russo.