La situazione legata al terzino brasiliano non si sblocca: si cerca una cessione all’estero. Il giocatore non comunica quando arriverà a Bormio

Continua a tenere banco la questione legata a Bruno Peres. Il terzino brasiliano, non è un mistero (da diverso tempo), è sul mercato, ed è il maggiore indiziato, dopo Glik, a lasciare la maglia granata. Dopo due anni, di fatto, la sua esperienza all’ombra della Mole sembra essere giunta al capolinea, e a suffragare questa ipotesi è il fatto che l’ex Santos, dopo il “permesso speciale” che gli era stato accordato, non si è presentato nemmeno il primo giorno nel ritiro di Bormio.

Il Torino, per gettare acqua sul fuoco, aveva volutamente fatto più tardi il biglietto aereo per il giocatore (gli era stato inviato, precisamente, proprio il 10 luglio: data del raduno), convinto che la situazione, nel giro di poco, si sarebbe sbloccata. Non è così, anzi. Peres, di fatto, non ha ancora comunicato nulla circa il suo rientro in Italia, fatto che ulteriormente dimostra l’intenzione di provare una nuova esperienza altrove.

Il problema, per Peres, è che il Toro chiede non meno di 20 milioni per la cessione del suo funambolico terzino destro. Una cifra che con grande difficoltà può essere spesa nel calciomercato italiano. Per questo si aprono le porte estere, ma per ora ci si limita a parziali sondaggi, e non a trattative vere e proprie. Su tutte, la squadra più interessata al giocatore continua a restare il Wolfsburg, mentre più a distanza si trovano le altre possibilie pretendenti (dal Manchester City, al Bayer Leverkusen). Da Silva e Moggi sono al lavoro per trovare una soluzione che accontenti tutti: il giocatore e il Toro. La sensazione è che ci vorrà del tempo, tempo che il terzino non vorrebbe però perdere, rimanendo fermo senza allenarsi.

Per questo motivo, resta una grossa nebulosa intorno alla sua assenza. Il Toro aspetta risposte.

TAG:
peres

ultimo aggiornamento: 17-07-2016


195 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mas63simo
mas63simo(@mas63simo)
5 anni fa

Non abbiamo dato i soldi che meritavano ai nostri e diamo adesso a Lijaic 1mil. 600.000 a stagione a uno che non ha fatto vedere ancora niente x meritarli…. davvero rimango basito!

Peter-Noster
Peter-Noster(@dilling)
5 anni fa
Reply to  mas63simo

Questo porterà una “deflazione” in spogliatoio.

mas63simo
mas63simo(@mas63simo)
5 anni fa

Cerci e immobile non hanno fatto la differenza nelle squadre di più alto livello e su questo siamo tutti d’accordo pero’ si deve convenire che invece da noi l hanno fatta e alla grande quindi non vedo perché non avrebbero potuto farla anche l’anno dopo che ci giocavamo l’europa. Ci… Leggi il resto »

tore110
tore110(@tore110)
5 anni fa

Peter , va via solo per 20 cash ..

Peter-Noster
Peter-Noster(@dilling)
5 anni fa
Reply to  tore110

Se a Sinisa vuole Adem il pres si accontenta.

Peter-Noster
Peter-Noster(@dilling)
5 anni fa
Reply to  Peter-Noster

Comunque è un dilemma per il pres: o a rate oppure senza adem con cash in estero

Calciomercato: Bacca dice no al West Ham, l’Inter perde Joao Mario

Il tabellone del calciomercato del Torino