Sistemato l’attacco, ds e allenatore a Bormio fanno il punto della situazione per la linea mediana. Priorità al regista: seguito Valdifiori

Dopo la prima amichevole del nuovo Torino, è il momento delle prime valutazioni. Ed è per questo motivo che Petrachi e Mihajlovic, in quel di Bormio, faranno quest’oggi il punto della situazione sulla squadra e sull’avanzamento dei lavori in casa granata. Lo stanno già facendo, anzi. Il direttore sportivo è infatti salito in Valtellina, e questa sera a cena (e anche dopo) parlerà con il nuovo allenatore per capire il da farsi.

L’attacco, infatti, è praticamente sistemato, fatta anzi salva una possibile situazione di sovrannumero. Con Iago e Ljajic prossimi al trasferimento in granata, il Toro sembra effettivamente avere tutte le carte in regola per mettere in atto un (super) tridente. Sia nei suoi titolari, sia con i rincalzi. L’attenzione, ora, si sposta a centrocampo, dove emerge la necessità, già palesata dal tecnico da settimane, di avere un regista.

Baselli, infatti, potrà eventualmente giocarci. Ma in un futuro, nemmeno così vicino. Lui si sente mezzala, e con l’Olympic Morbegno il ruolo di playmaker è stato affidato prima a Vives e poi al riadattato Bovo. Troppo poco, perché possa bastare. Ecco la necessità di avere un uomo d’ordine a centrocampo: l’obiettivo principale è Valdifiori, che il Toro marca strettissimo e il Napoli è disposto a cedere. Ci saranno ulteriori aggiornamenti in settimana, dopo le firme, auspicate, dei due giocatori d’attacco dalla Roma.

Petrachi e Mihajlovic, intanto, dialogano e si confrontano. Il Toro, il nuovo Toro, sta prendendo poco per volta forma.

TAG:
ljajic Mihajlovic petrachi valdifiori

ultimo aggiornamento: 17-07-2016


80 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
flofloo
flofloo(@flofloo)
5 anni fa

Un buon low-cost è Marrone, un altro è Viviani, ma il mio preferito è Dioussè 1997 Empoli, se ne è già parlato.

madde71
madde71(@madde71)
5 anni fa

la pochissima dimestichezza col mercato estero di petrachi,e’francamente imbarazzante.se maxi non vien ceduto,ed e’ in buona forma,penso che la panca la veda poco,suppongo,e sarebbe un bel mischiar di carte.poi,per per cedere un broccaccio come padelli eun sempre scassato come obi,devi trovare degli autolesionisti doc..

superluke
superluke(@superluke)
5 anni fa

Anche a me Valdifiori non entusiasma, come Cigarini d’altronde. Il profilo adatto per il calcio aggressivo di Sinisa sarebbe Bradley. Ma temo sia over budget come ingaggio.

Il tabellone del calciomercato del Torino

Graziano resta al Renate: ufficiale il prestito