Dalla cessione di Peres si vogliono almeno 5 milioni immediati, e Maksimovic non si muove a meno di 25: il Toro ha la possibilità di rifare la squadra in due settimane

Di solito si parla di “tesoretto”. In questo caso, è più giusto il termine “patrimonio”. Potenzialmente, infatti, il Toro ha un’enorme quantità di denaro liquido da poter immediatamente reinvestire sul mercato, per acquistare quei giocatori che Mihajlovic ha richiesto per sistemare la rosa, a due settimane dal termine della campagna di compravendita estiva. Tutto passa dai big granata: Bruno Peres e Nikola Maksimovic.

Il primo è molto vicino alla Roma, ma non è ancora fatta: occorrerà trattare, e domani è previsto un importante incontro tra le parti, per cercare di colmare le distanze e arrivare alla fumata bianca. Difficile l’immediata cessione a titolo definitivo, probabile quella in prestito oneroso con diritto di riscatto, dal quale, subito, Cairo vorrebbe guadagnare circa 5 milioni (per un totale di quasi 20): soldi utili, che andrebbero ad aggiungersi a quelli già incassati per la cessione di Glik (circa 13), questi ultimi già però reinvestiti per l’acquisto di Ljajic e per l’operazione legata a Iago Falque.

Non era invece prevista la cessione del difensore serbo, ma la recente rottura ha fatto saltare il banco: ora, se arrivasse l’offerta giusta, il giocatore partirà, e per “offerta giusta” si intendono almeno 25 milioni, più qualche bonus, per far partire il dissidente classe ’91. E se con i soldi dell’ex Santos si potrà arrivare abbastanza agevolmente a De Silvestri (la Sampdoria vuole appunto circa 5 milioni), con gli altri Cairo potrà acquistare i due difensori centrali e almeno un centrocampista – se non due, come in realtà vorrebbe Mihajlovic – per rendere l’organico altamente competitivo. Il tutto senza andare a intaccare l’utile prodotto dalla gestione 2015, che andrà a coprire le varie spese legate a monte ingaggi e varie.

Insomma, a quindici giorni dal termine del mercato, il Toro si ritrova con un potenziale patrimonio in mano, e potrà arricchire il valore della squadra, senza stravolgerne gli equilibri. Un’occasione da non perdere anche per il direttore sportivo Petrachi, che dovrà trovare i sostituti all’altezza dei partenti e, soprattutto, i giocatori richiesti dal suo allenatore. Ci sarà molto lavoro da fare e davvero tanto denaro da investire. Un bell’esame per una dirigenza che vuole dimostrare di essere davvero cresciuta nel corso di questi anni.

TAG:
peres

ultimo aggiornamento: 15-08-2016


245 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Djordy64#RinconRegistaBelottiPortiere
Djordy64#RinconRegistaBelottiPortiere
6 anni fa

E da un po che non scrivo qui su questo forum. Ne bazzico altri 2 e questo mi faceva incazzare sia x i commenti allucinogeni dei soliti spalatori di m…sia xche mi innervosiva tutta la pubblicita ….Adesso che sivsta cedendo Peres dico che trovo questa cessione una grande cazzata della… Leggi il resto »

AndreaTORO
AndreaTORO
6 anni fa

Giusta programmazione , che progetto ! Tanto per l’inizio del campionato manca ancora molto , Mihajlovic avrà tutto il tempo per provare i nuovi arrivi , e poi a fine Agosto non rimangono gli scarti no no…complimenti. Non so quanta responsabilità abbiamo già Mihajlovic , Ventura voleva l’ossatura a Luglio… Leggi il resto »

Peter-Noster
Peter-Noster
6 anni fa

@pasqualebruno H 20.29 Le “scommesse” ci sono, ma mai ho detto BURP a nessuno, io lo vedo al campo, altri invece faceva i salti per Prcic. Io non lamento ne mi stracciano le vesti, ho solo detto di rinnovare a Glik a luglio con ingaggio come da Quaglierella, io non… Leggi il resto »

Il tabellone del calciomercato del Torino

Barreca, buona prova: cessione bloccata, ma Mihajlovic prende tempo