Esclusiva / Intervista ad Andrea Mandorlini, tecnico che ha lanciato Iturbe nel calcio italiano: “Mi rivedo in Mihajlovic, Iturbe può tornare quello di Verona”

Mandorlini, Juan Manuel Iturbe si è ufficialmente un giocatore del Toro: quanto crescerà il potenziale offensivo della squadra di Mihajlovic?
Sono molto contento della scelta che ha fatto, conosco bene Juan e posso dire che si tratta di un ragazzo dolce e sensibile ma allo stesso tempo forte caratterialmente. Per la sua velocità a Verona tutti lo chiamavano il “motorino”.  Con un allenatore preparato e di temperamento come Mihajlovic, potrà tornare su quei livelli e dare un grosso contributo alla squadra, se lo merita.

Ritiene che nel tridente del Toro qualcuno ora debba temere di perdere la titolarità? L’attacco ora è ancora più ricco.
Dovrà conquistarsi il posto come chiunque altro, i tre attaccanti del Torino stanno facendo tutti bene e quindi la concorrenza sarà agguerrita. Sia Ljajic che Falque sono giocatori di alto livello che si stanno oltretutto esprimendo al meglio. Le capacità gestionali di Mihajlovic saranno importanti: in certe caratteristiche mi rivedo in lui, quindi anche per Iturbe questo sarà sicuramente un bene, ha bisogno di allenatori di questo tipo e di avvertire la fiducia.

Nella stagione 2013-2014 sotto la sua gestione l’Hellas Verona fece la bellezza di 54 punti: quanto fu importante il contributo di Iturbe in quella cavalcata?
Direi che fu determinante, con il nostro tipo di gioco fatto soprattutto di ripartenze Iturbe era semplicemente devastante: si muoveva bene anche nello stretto, ma negli spazi aperti era davvero incontenibile. Lo feci esordire a Torino in casa della Juventus. Il suo contributo aiutò molto anche Luca Toni, che in quella stagione segnò tantissimo. Erano una coppia che si completava a meraviglia e il campo lo ha dimostrato.

CAMPO, 4.1.17, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, amichevole, TORINO-MONZA, nella foto: Juan Manuel Iturbe

Poi il passaggio alla Roma, in cui non riuscì a ripetersi a quei livelli: si è chiesto il perché di questo calo così brusco nella qualità delle sue prestazioni?
Difficile trovare la spiegazione più giusta. Anche alla Roma ci sono state alcune prestazione all’altezza, ma la attese effettivamente erano maggiori. Potrebbe aver pesato la cifra altissima per cui si è trasferito nella capitale, oppure il fatto che il gioco di Garcia non sempre gli consentiva di esprimere al massimo le sue caratteristiche. Anche in Inghilterra le cose non sono andate per il meglio, Juan a mio avviso è capace di esprimersi anche negli spazi stretti, ma è chiaramente a campo aperto che può diventare devastante. Credo che il Toro sia la scelta più giusta che potesse compiere in questo momento della sua carriera.

Dopo i grandi traguardi raggiunti alla guida dell’Hellas Verona, che programmi si è posto? Allenare all’estero è un qualcosa che la intriga?
Non precludo nulla, anche con alcune società estere ci sono stati dei contatti che però non sono sfociati in nulla di più concreto. Mi rammarica il fatto che nonostante i tanti traguardi prestigiosi raggiunti in carriera sia necessario un anno sabbatico. Tornerei in pista subito, ma ci vuole la giusta opportunità. Mi auguro arrivi presto.


32 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
RDS TM
RDS TM
5 anni fa

Allora mettiamola così si è bruciato da solo metà Italia, al massimo può allenare da Roma in su’ e come si dice “chi è causa dei suoi mali pianga se stesso”, ora sta un po li e aspetta la prima società del centro-nord in difficoltà e se nel frattempo non… Leggi il resto »

rimbaud
rimbaud
5 anni fa

Ottimo allenatore secondo me, anche se non condivido le sue idee.
Inutile fare le monachelle e dire uno così non lo vorrei mai al Toro, perchè a ben vedere abbiamo di peggio in panchina.

Diablo
Diablo
5 anni fa

Tranquilli , basta che Mandorlini abbia Ancora un po’ di pazienza , e poi verrà assunto da Zamparini . Sono sicuro che a Palermo si troverà benissimo !!!

Pelide
Pelide
5 anni fa
Reply to  Diablo

???

Agroppi: “Per raggiungere l’Europa serve il vero Ljajic”

Rolando Bianchi: “Belotti eccezionale, contento che abbia la mia numero 9”