Bava e Comi liquidati con uno scarno comunicato: non c’è spazio per rispetto e gratitudine, solo il tentativo di prendersi meriti non propri

Appena sei righe: così il Torino Fc, in una scarna nota sul proprio sito ufficiale, ha salutato Massimo Bava dopo nove anni. E non è andata meglio ad Antonio Comi, che lascia la poltrona di direttore generale alla quale era arrivato dopo essere stato responsabile del vivaio. Due freddi comunicati, anche piuttosto sbrigativi, con i quali la società ha letteralmente liquidato due figure che fino a ieri occupavano altrettanti posti di rilievo in società. Non è casuale, evidentemente, nemmeno la scelta della parole di commiato. Nel caso di Bava, l’aver riportato uno scudetto Primavera dopo vent’anni – facendo mercato con un budget praticamente nullo se paragonato a quello delle rivali – oltre ad una Coppa Italia e a due Supercoppe, dando di nuovo lustro ad un Settore che negli anni d’oro era stato un vanto, non può essere definito semplicemente un “buon lavoro svolto”. Così come stride in una nota del genere leggere che i risultati sono stati raggiunti “grazie al contributo di tutti”.

Un comunicato stringato nel contenuto e distaccato nella forma, anche velenoso e polemico neppur velatamente, quello voluto dal presidente Cairo. “Nota della società”: nessun nome, nessun riferimento, al contrario della comunicazione, quella sì decisamente dettagliata, nella quale si salutava l’ingresso di Paolo Bellino, di cui è stato sviscerato perfino il curriculum. Solo ingratitudine e mancanza di rispetto: del resto lo stile non si compra, men che meno in prestito.

Urbano Cairo e Massimo Bava
Urbano Cairo e Massimo Bava
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 01-07-2021


33 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
3 mesi fa

Vedi che uc non è bugiardo? Aveva promesso a juric una rivoluzione entro l’inizio del ritiro e così è stato. Siamo noi e l’allenatore che abbiamo sbagliato pensando ad una rivoluzione dei brocchi in squadra da cambiare con giocatori di qualità, invece di questo. Povero urbano, tutto questo odio gratuito,… Leggi il resto »

mas63simo
mas63simo
3 mesi fa

Non rimane che lasciarlo solo col suo panino allo stadio.

10genà
10genà
3 mesi fa

no no siamo in perfetto Cairetto Style!
Viva Bellino, Viva la rivoluzione!

Toro, il caso Milinkovic-Savic è il paradosso del mercato

L’importanza di (non) avere un portiere