Una squadra che ha qualità ma che rischia di restare l’eterna incompiuta: il club ha il dovere di intervenire nel mercato di gennaio

Quindici mesi di attesa per vedere finalmente una vittoria con una big. Il Toro ci era andato vicino in altre occasioni: a volte derubato, come con l’Inter l’anno scorso al Grande Torino, a volte incapace di reggere fino al triplice fischio nonostante una prestazione all’altezza. Come del resto quella di ieri sera, al cospetto di un Milan che non avrà fatto la sua migliore gara, certo, ma anche per meriti della squadra di Juric. La differenza la fanno sempre i giocatori di qualità, specie quando sono in serata, ancor meglio se contemporaneamente. Il Torino ne ha più di uno: in difesa Schuurs sembra un veterano e Djidji è diventato una certezza, in mezzo c’è un Ricci di cui non si può fare a meno e sulla trequarti due come Vlasic e Miranchuk garantiscono i guizzi (e i gol) di cui la squadra ha bisogno. Giocatori intorno ai quali Juric ha costruito e sta continuando a costruire un Torino che ha dovuto rimpiazzare i partenti (Bremer, Pobega, Belotti solo per citarne alcuni) sapendo di non avere la certezza assoluta di azzeccare ogni incastro. E in effetti qualche piccola miglioria ci vorrebbe: al di là del portiere – anche ieri protagonista di un’uscita infelice – Juric non disdegnerebbe un centrocampista e pure una punta da alternare a Pellegri. Rinforzi nel mercato di gennaio: non può anche stavolta il Toro restare un’eterna incompiuta.

L'esultanza del Torino
L’esultanza del Torino
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 31-10-2022


93 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
eugenio morosini
eugenio morosini
28 giorni fa

Anche in questa circostanza concordo assolutamente con l’editoriale della Direttrice di toro.it .

sirfabri
sirfabri
28 giorni fa

Il Toro meriterebbe anche qualche giornalista che capisca di calcio e ne sappia parlare con competenza ed onestà intellettuale

R2D2
R2D2
28 giorni fa

Stavolta è diverso. Mai accaduto che una squadra veramente incompiuta nel mercato di luglio dimostri ben prima del mercato di riparazione -in discreta posizione di classifica-c ome potrebbe affrontare il campionato avendo quei 3 giocatori fondamentali richiesti a giugno. Ad esempio potrebbe far rifiatare i soliti instancabili, potrebbe risolvere partite… Leggi il resto »

Pellegri si è sbloccato: ora merita il posto di Sanabria

Non è solo sfortuna: mancano obiettivi e programmazione