La lezione di Gasperini: ma il Toro l’Europa non l’ha persa a Bergamo

di Ivana Crocifisso - 23 Aprile 2018

La rincorsa è definitivamente conclusa: il solito Toro dei rimpianti ha perso la sua seconda occasione per sognare ancora

I conti non tornano ancora una volta e certamente rendono più amara la sconfitta del Toro a Bergamo: una sconfitta totale, come il calcio dell’Atalanta. Dal punto di vista del gioco, da quello fisico e pure atletico. Abbassare il tiro sarà doveroso: non è il Toro più forte degli ultimi 30-40 anni e nemmeno – come detto di recente dal presidente Cairo –  degli ultimi 26, se il riferimento è alla stagione 1992/1993. E rischia di non essere nemmeno il più forte da quando il Toro è tornato in Serie A, proprio con il patron granata. Ricorderemo questo Toro per la marea di occasioni buttate al vento in un campionato che anche ad aprile, quando sembrava chiuso ogni discorso per l’Europa, ha dato a tutte una seconda possibilità. A chi lotta per non retrocedere e a chi mira al sesto o settimo posto.

Il Toro non ha perso l’Europa a Bergamo ma non l’ha persa nemmeno ad inizio stagione, perché da allora squadra e società hanno avuto tutto il tempo per rimediare. Fino all’ultima settimana, quella che ha messo più di tutte in luce i difetti del Toro. A Verona contro il Chievo una prestazione incolore contro una squadra che nel girone di ritorno ha rimediato sonori schiaffi, contro il Milan la “grande partita” ha portato un punto contro l’avversario che poi è capitolato con il Benevento. Ieri non solo l’addio definitivo ma anche la sonora lezione di quello che una squadra dovrebbe fare per raggiungere un obiettivo: la lezione dell’Atalanta e di Gasperini, che ha rimarcato quanto sia stata  – e potrà essere – meravigliosa l’esperienza europea. Peccato che da queste parti qualcuno non ci abbia mai creduto abbastanza.

più nuovi più vecchi
Notificami
T
Utente
T

Per me si tratta di stagione abortita, morta ancora prima di cominciare. Una rosa senza senso, con tre mila ali, una sola punta, difensori e terzini che dovevano fare le riserve e hanno fatto i titolari, e un centrocampo incommentabile. Giocatori che avevano fatto bene in passato, ma da uno… Leggi il resto »

AT72
Utente
AT72

l’europa è stata persa a Bergamo, come con la Fiorentina, con il Chievo, con il Verona e in casa con il Milan.. la squadra ha sempre galleggiato a ridosso del 7mo posto per allontanarsi sistematicamente ogni volta che serviva metterci il cuore. Questo è mancato, in pochi l’hanno sempre messo:… Leggi il resto »

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Sinisa in tutto il girone di andata 4 sconfitte…
L’attuale maestro della tattica, delle porte sempre chiuse, delle spie a Maran già 6 e non è ancora finita.
Avanti con le supercazzxole cubiche della fase difensiva, dei movimenti che si insegnano (4 ultra trentenni dietro!), del reparto… ecc. A cazzari!