Un tempo remissivo, uno più convincente, troppo poco per dimostrare di credere davvero nel cambio di passo: è un Torino che ancora non assomiglia a Longo

Basterebbe, innanzitutto, capire di non essere più quelli dello scorso anno. Il primo passo per poter uscire da una crisi che rischia di diventare di proporzioni inimmaginabili (come se già non lo fosse abbastanza). Devono capirlo, i calciatori del Torino, che quella squadra capace di un gran girone di ritorno un anno fa, oggi è lontana anni luce. Devono capire, questi giocatori, che l’atteggiamento remissivo porterà solo ad altre sconfitte, ad altri passi falsi. E che le belle parole restano tali se prima di tutto in campo non si scende con l’intenzione di giocarsela, dall’inizio alla fine. Non è quello che ieri ha mosso la squadra a San Siro, almeno per i primi 45′: i primi a non crederci sembravano proprio loro. E dato che non è la filosofia dell’allenatore quella di mollare, quella di cercare alibi a tutti i costi, allora siano i calciatori a prendersi le proprie responsabilità. Via Mazzarri nel momento più basso di questa annata, ora tocca a loro dimostrare di valere qualcosa, dimostrare di non valere quei fischi di cui tanto si sono lamentati.

Dopo tre sconfitte consecutive hanno trovato 1000 persone al Fila e non uno li ha contestati. Al quarto ko, dopo Toro-Samp, ancora fiducia. Ci dicano quello che vogliono fare, o ben vengano gli Edera e i Millico. Almeno è qualcuno che ha un briciolo di voglia di dimostrare di valere qualcosa.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 18-02-2020


47 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
willy
willy
4 anni fa

Secondo me questo terremoto che ci è successo non è reale come non lo era il girone di ritorno l’anno scorso, penso che ci riprenderemo e salveremo poi fine anno si vedrà se cairo finalmente si toglie dai kogl..

Vegeta
Vegeta
4 anni fa

Longo sta lavorando molto bene nel ricucire con l’ambiente ma non deve cadere nella tentazione di compiacere la piazza… deve aiutare i ragazzi ad uscire da una caduta senza fine. Non si deve legittimare agli occhi dei tifosi parlando di valori etc, criticando la gestione precedente, parlando di lotta salvezza… Leggi il resto »

tore110
4 anni fa

Qui si buttano tutti contro Edera ma non capiscono che gli unici che possono toglierci dalla M sono proprio quelli che hanno più interesse a correre e a mettersi in mostra… lui , Millico , Lianco , Aina , Bremer , Lukic … la salvezza vuoi o non vuoi passa… Leggi il resto »

“Il Toro è una religione”. Non ci resta che un atto di fede

Non chiamiamolo Toro