Sei anni e altrettanti allenatori: per la prima volta da quando è al Toro Lukic è al centro di un progetto, quello di Juric

Lo ha pensato ancor prima di noi il presidente Cairo, che lo ha voluto fortemente e che per lui ha investito una cifra importante nel triennale che gli ha proposto. Ha pensato che al di là di gioco e risultati Juric potesse tornare a valorizzare certi calciatori, riuscendo così a rimettere in moto una macchina inceppata da un po’. A Verona ci è riuscito: Amrabat, Kumbulla e Rrahmani sono solo tre dei giocatori il cui valore è lievitato. A Torino si iniziano a vedere i frutti del suo lavoro in una stagione di alti e bassi dal punto di vista dei risultati ma di netta crescita rispetto a un anno fa. Lukic è certamente il giocatore che maggiormente ha beneficiato della cura Juric (non è l’unico, ma il suo caso è emblematico). La prima doppietta granata di ieri è solo la ciliegina di un’annata in cui finalmente il serbo ha smesso di vagare per il campo trovando una sua precisa collocazione.

Nessuno strano esperimento: né mezzala, né a ridosso della punta, a meno di esigenze dovute alle assenze. In mezzo al campo, al fianco di Mandragora o di Pobega e ultimamente di Ricci, il suo rendimento è sempre rimasto costante. Sei anni al Toro, di cui uno in prestito al Levante, altrettanti allenatori che hanno, chi più chi meno, creduto nelle sue capacità. Quando c’era Mihajlovic sulla panchina granata era ancora troppo acerbo (e per un anno è stato in prestito al Levante), per il gioco di Mazzarri era forse poco funzionale. Non ha aiutato la lotta per non retrocedere e il risultato ad ogni costo delle successive due stagioni fino a quando, finalmente, Lukic non ha trovato allenatore in grado di correggerne i difetti ed esaltarne le caratteristiche. Juric non gli ha messo alcuna pressione addosso, non più di quanto potesse metterne la maglia numero dieci scelta a inizio stagione. E pochi mesi dopo è come se ammirassimo un giocatore nuovo di zecca.

Sasa Lukic
Sasa Lukic
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 24-04-2022


9 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
27 giorni fa

In effetti ammetto che sia andato oltre le aspettative.
Se proprio devo trovare un buco nelle sue prestazioni, penso che 2 gol in un campionato ( o almeno finora) siano pochini.
Per Un centrocampista con la maglia numero 10.

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
28 giorni fa

Come già detto, per me lukic è sempre stato forte, semplicemente inserito in un contesto scarso a dir molto. Non è un modric in grado di prendere in mano una squadra da solo. O data l’età non era in grado di farlo. Ora è più maturo, ma soprattutto è cambiato… Leggi il resto »

Jones
Jones
28 giorni fa

Cup ha giustamente citato pure Rodriguez,ma io ci metto anche Djidji,dopo le due cavolate di inizio campionato si è ripreso alla grande,sbagliando grosso solo ieri dopo un lungo stop e non nella sua posizione classica

tric
tric
28 giorni fa
Reply to  Jones

Rodriguez non ha mai smesso di essere un nazionale svizzero. Quindi i nostri allenatori non erano propriamente vispi.

Non è solo sfortuna? Juric capisca cos’è e risolva il problema

Non togliete Praet a Ivan Juric