Le spaventa ma non le ammazza, queste big: il Toro si ferma sempre ad un passo e regala punti pure alla Lazio

Ci sono le ammazza-grandi e le spaventa-grandi. Ci sono le squadre capaci di fare qualche scherzetto a Inter, Milan, Juventus, Napoli e quelle che invece vanno vicino al risultato mancando il colpo del ko. Chi in questo non ha rivali è proprio il Toro, capace di spaventarle queste big, senza tuttavia portare a casa il massimo. Eppure ieri sera lo avrebbe meritato la squadra di Juric, tradita dai soliti minuti finali che ormai sono una costante. In un finale di stagione che non può regalare nulla di più di una corsa al decimo posto (e già questo fa sorridere) non sarebbe male almeno godere di qualche successo di peso, di quelli che fanno bene all’autostima, laddove non servono alla classifica. Quelle “imprese” che per esempio Juric con le sue ex squadre ha già firmato. Sfortuna o distrazione, non è questo il punto: è un dettaglio sul quale il Toro dovrà lavorare per colmare una distanza che altrimenti impedirà ai granata di ambire a qualcosa di diverso del limbo in cui si ritrova. Ha fatto meno peggio il Sassuolo, per citare la squadra che il Toro ha davanti, con le piccole? No, però la differenza di punti con i neroverdi (dominati dal Toro senza se e senza ma sia all’andata che al ritorno) la fanno quelle famose vittorie con le big, con la Juve, con l’inter, con il Milan. Ed è solo un esempio. I complimenti li ha raccolti, questa squadra, le critiche anche, i punti molto meno: e se non è solo sfortuna, come ha sottolineato Paro, se c’è dell’altro, allora lo staff risolva il problema o almeno lo metta in cima alla lista in vista della nuova stagione.

Andrea Belotti
Andrea Belotti
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 17-04-2022


52 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
eugenio morosini
eugenio morosini
1 mese fa

Condivido assolutamente l’opinione di alcuni lettori e pertanto a questo punto è auspicabile che Juric prenda in considerazione la candidatura del giovane Gemello a partire dalla prossima gara interna contro lo Spezia. Purtroppo é un dato oggettivo che durante l’attuale stagione l’avvicendamento di due “secondo portiere” quali in ordine cronologico… Leggi il resto »

giorgio
giorgio
1 mese fa

Vorrei che rivedeste bene il gol preso e vedrete che enuovamente un gol a responsabilita del portiere. Ho giocato 20 anni in porta e il mio allenatore mi diceva sempre che tutti i cross nella area piccola dovevano essere miei. Berisha ha calcolato male luscita e fa un passo avanti… Leggi il resto »

rotor
rotor
1 mese fa
Reply to  giorgio

Perfetta disamina Giorgio concordo in pieno con te e tanti auguri.

Marchese del Grillo
Marchese del Grillo
1 mese fa
Reply to  giorgio

Sono perfettamente d’accordo con te e francamente vorrei tanto sapere proprio perché Gemello dopo la Fiorentina sia sparito dai radar e non gli venga dato lo spazio che a questo punto stramerita per poter dimostrare di che pasta sia realmente fatto.

Trapano
Trapano
1 mese fa

Esatto Giorgio, come davo la colpa a Savic, stavolta do la colpa a Berisha, trovarsi nella terra di mezzo è imperdonabile, se un portiere decide di uscire deve farlo senza ripensamenti, altrimenti è gol nel 90 % dei casi

andrepinga
andrepinga
1 mese fa

non e’ colpa di juric se con inter e lazio sanabria e pellegri hanno regalato il pallone agli avversari.

La consacrazione di Bremer: l’assegno in bianco di Cairo

Lukic è come un nuovo acquisto: un’altra vittoria di Juric