Al debutto in campionato, il Toro è fortemente danneggiato da un grave errore dell’arbitro Massa, che fischia in anticipo e non può avvalersi del Var

Var o no, l’arbitro Massa è la solita certezza. Con lui il Toro non è mai al sicuro, al contrario, è puntualmente danneggiato. Nel fine settimana che segna il debutto di un nuovo strumento tecnologico come il Var, il direttore di gara di Bologna-Torino riesce nella grande impresa di sbagliare due volte. Sbaglia, in collaborazione con il guardalinee, a considerare Belotti in fuorigioco (a lanciarlo è Destro, non Rincon) e sbaglia a fischiare immediatamente, annullando di fatto la possibilità di ricorrere al Var e di salvarsi in corner. Una serata disastrosa, tutta da dimenticare per il signor Massa, che al termine della prima di campionato risulta il peggior fischietto, l’unico a non essere salvato nemmeno dalla tecnologia. E il Toro? I granata di Mihajlovic arrancano, vanno sotto, poi riacciuffano il pareggio con Ljajic e si arrabbiano, certo che sì, per il torto subito a pochi minuti dalla fine del match. Tre punti che avrebbero dato slancio al Toro in una giornata in cui molte delle squadre in lizza per le prime posizioni hanno vinto e convinto, tre punti che in parte avrebbero coperto qualche difetto ancora da correggere. Avrebbero coperto la serata no di Belotti,per esempio: il Gallo non solo resta a secco ma non riesce nemmeno a lasciare la solita impronta sulla gara, da attaccante generoso.

L’errore arbitrale, tuttavia, non deve distrarre: questo Toro che ha faticato a Bologna, sul campo di una squadra costruita per altri obiettivi, ha certamente bisogno di qualche accorgimento per non ritrovarsi in preda ai rimorsi dal 1 settembre. “Il presidente sa cosa manca”: più chiaro di così Mihajlovic non poteva essere.


145 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
freddypaz
freddypaz
4 anni fa

Guarda che l’arbitro ha fischiato un secondo prima del tiro di Berenguer, non sul fuorigioco..

RiminiGranata
RiminiGranata
4 anni fa

La cosa non mi quadra molto.. La SPAL , che non parte certo per andare in E.L., parte con un attacco fatto da Paloschi, Floccari, Borriello, Antenucci.. Noi lasciamo tutto il peso dell’attacco a Belotti. Cairo ha preso Sadiq, che è arrivato certamente a gratis e che non fa ombra… Leggi il resto »

maximedv
maximedv
4 anni fa
Reply to  RiminiGranata

E cos’è che non ti quadra?

Gianluca
Gianluca
4 anni fa
Reply to  RiminiGranata

Perché fate passare Sadiq per un pirla qualunque, quando se avesse giocato un anno nella Primavera del Toro (invece lo prese la Roma) saremmo qui a idolatrarlo? Dov’è la coerenza, tenuto conto che criticare si può ed è doveroso? Capisco criticare un Iturbe, ma Sadiq è un prospetto simile a… Leggi il resto »

GrilloParlante
GrilloParlante
4 anni fa
Reply to  Gianluca

Non e’ che ti e’ sfuggito che la Roma ha il diritto di contro-riscatto??

guidone
guidone
4 anni fa
Reply to  Gianluca

Giusta analisi Gianluca,arriviamo al punto di invidiare l’attacco della spal,che novanta su cento andrà in B come un sasso,perché ha fatto un pareggio a Roma…

Massimo 1963 (lamaratona2.0)
Massimo 1963 (lamaratona2.0)
4 anni fa
Reply to  RiminiGranata

Sono d’accordo con Rimini.
Mercato incompleto. Una società che vuole davvero puntare alla EL NON PUÒ ARRIVARE A FINE AGOSTO E NON AVERE ANCORA LA ROSA COMPLETA IN RUOLI CHIAVE.

cuoretoro
cuoretoro
4 anni fa

Sono d’accordo con chi dice che il bastardo di massa (volutamente minuscolo perchè è un oggetto) ieri sera era in malafede; se guardate w ascoltate bene lui fischia non quando la palla arriva a belotti e neppure quando la riprende ma esattamente quando si accorge che Berenguer sta per tirare… Leggi il resto »

freddypaz
freddypaz
4 anni fa
Reply to  cuoretoro

Concordo pienamente, ottima analisi.

GrilloParlante
GrilloParlante
4 anni fa
Reply to  cuoretoro

episodio dubbio sicuramente, ma questo non cancella i problemi (grossi) di rosa e di gioco che abbiamo.

Un Toro “quasi” da Europa: Mihajlovic chiede l’ultimo sforzo sul mercato

È un Toro (quasi) perfetto: dal mercato ora il salto di qualità