Non c'è niente da festeggiare: è una salvezza che merita solo Longo - Toro.it

Non c’è niente da festeggiare: è una salvezza che merita solo Longo

di Ivana Crocifisso - 27 Luglio 2020

A due giornate dalla fine il Torino ottiene l’aritmetica salvezza ma non può dirsi soddisfatto di una stagione ricca di risultati umilianti

Non c’è niente da festeggiare. Il Torino è salvo ma non può dirsi felice. Nessuno può esserlo dopo un’annata tanto disgraziata. Nessuno ha il diritto di festeggiare, a parte l’allenatore: a febbraio Longo ha accettato una panchina rovente a cui mai avrebbe potuto dire di no visti i suoi trascorsi. E con in mezzo un lockdown e un campionato complicato come quello della ripartenza, ha saputo portare la nave in porto. Non sono mancate le difficoltà, né i momenti critici, però l’obiettivo salvezza, quello che aveva convinto Cairo ad interrompere i rapporti con Mazzarri e chiamare l’ex allenatore del Frosinone, è stato raggiunto. Si chiude così la stagione (mancano due gare che saranno però ininfluenti sul giudizio) che sarà ricordata per l’umiliante 7-0 casalingo subito dall’Atalanta, per il caso dell’ammutinamento di Nkoulou, per l’attesa esasperante di Verdi – sbocciato solo nelle battute finali – e per le continue giornate organizzate per manifestare contro il presidente Cairo. Il gradimento nei confronti del patron granata ha raggiunto i minimi storici, e non è colpa solo dei risultati di questo campionato.

Questa salvezza, insomma, la merita solo Longo. Un rischio per la sua stessa carriera l’aver accettato di guidare una squadra completamente in caduta libera. La pandemia lo ha messo in ulteriore difficoltà però l’allenatore è stato chirurgico nel suo percorso, specie dal 20 giugno in avanti. Battute le rivali per la salvezza, limitati i danni con le altre avversarie, ha fatto di necessità virtù. La rosa, numericamente limitata, ha perso una pedina importante come Baselli e Longo ha spesso dovuto fare i conti con le assenze. “Se ci fosse anche l’idea Longo è giusto che Longo metta sul piatto le sue idee perché conosce il gruppo, l’ambiente da tanto tempo e sotto questo aspetto ci dovrebbe essere un confronto. Poi in base al confronto si valuterà”. Vagnati, Cairo: fidatevi almeno dei consigli di chi il granata ce l’ha dentro.

30 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Terzino
Terzino
1 mese fa

La pessima stagione appena conclusa,a parer mio è dovuta all’inconsistenza della società. Per far rendere 4 ragazzotti ricchi e viziati ci va il pugno di ferro,una dirigenza che si faccia rispettare,se no non andrà mai da nessuna parte.

gabbo
gabbo
1 mese fa

il danno grosso l’ha fatto il pessimo mazzarri, longo però si è limitato al compitino senza far intuire nulla di più, al netto di una rosa imbarazzante. non è ancora pronto per la serie A.

odix77
odix77
1 mese fa
Reply to  gabbo

la rosa imbarazzante lo scorso anno nel girone di ritorno è arrivata credo 4 come punti fatti…. sia chiaro non sono fenomeni, da li a finire in zona retrocessione però… diciamo che è scoppiato qualcosa che non sappiamo con certezza… non si passa da sole 7 sconfitte e credo una… Leggi il resto »

LeovegildoJunior
LeovegildoJunior
1 mese fa

Direi che il titolo poteva fermarsi alla prima frase: non c’è nulla da festeggiare. Che ci saremmo salvati era scontato, lo sarebbe stato anche se avessimo perso ieri sera perché comunque a 38 punti il Lecce non ci arriva. 8 anni di parabola dalla B alla quasi B con in… Leggi il resto »

Last edited 1 mese fa by LeovegildoJunior