L’Editoriale / Sul 2-2 Nicola ha scelto di mantenere un Toro iper offensivo con tre attaccanti più Verdi e Gojak: è stata la mossa vincente

Di scomodare il quarto d’ora granata, la tromba di Bolmida, le maniche alzate di Mazzola e tutto il resto, in un stagione in cui il Torino sta galleggiando tra la zona retrocessione e il quartultimo posto, non è affatto il caso. Però quel quarto d’ora finale della partita contro il Sassuolo è un qualcosa che va oltre ai semplici tre punti, non è neppure solamente un segnale forte che la squadra granata ha dato, dimostrando di essere viva e di aver imparato a non lasciarsi sopraffare dalle avversità. E’ qualcosa di più di tutto questo: è la trasposizione calcistica de L’Elogio alla Follia di Erasmo da Rotterdam.

Il Torino fino al 77′ era in B, con la terza sconfitta consecutiva che sembrava certa a causa anche di un Sirigu irriconoscibile, prima beffato da un tiro centrale poi da un pallone che gli è passato fra le gambe. Quando sembrava affondato, il Torino è riemerso con prepotenza, convinzione, carattere, cuore, testa e piedi. La testa di Sanabria, ad esempio, che ha servito al piede destro di Zaza il pallone dell’1-2. Poi la zampata di Mandragora, che ha segnato con la conclusione più goffa e sporca della sua partita, dopo che Consigli gli aveva parato tutte le precedenti, stilisticamente perfette. E poi Sirigu che è tornato il vero Sirigu con una parata incredibile al 90′ su Obiang, senza la quale adesso probabilmente non commenteremo una vittoria ma neppure un pareggio. Infine ancora Zaza, di testa, sul millesimo cross di Ansaldi della partita: 3-2 in quarto d’ora e il Torino dalla B è ribalzato rapidamente in A, ha superato il Cagliari, si è messo in scia di Benevento e Spezia.

Un’ultima considerazione la merita Nicola: se il Torino ha vinto contro il Sassuolo il merito è suo. Dopo il 2-2 di Mandragora, il tecnico avrebbe potuto togliere uno sfinito Belotti e inserire un centrocampista in più (c’era Linetty in panchina), considerato che in campo in quel momento c’erano altri due attaccanti, Zaza e Sanabria, oltre a due trequartisti come Verdi e Gojak. Ha invece voluto tenere il più in alto possibile il baricentro mandando in campo Bonazzoli, prendendosi qualche rischio ma lanciando un segnale importante a entrambe le squadre: non si è accontentava del pari, voleva vincere. E ha vinto.

Torino, esultanza
Torino, esultanza
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 18-03-2021


12 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Luca@iltorosonoanchio (ex granatapersempre)
Luca@iltorosonoanchio (ex granatapersempre) (@iltorosonoanchio)
8 mesi fa

Commentare le partite di quest’anno è impossibile… primo tempo con un centrocampo di una pochezza indicibile, Lukic completamente involuto, Rincon gagliardo ma impreciso, Mandragora (il meno peggio) ancora poco al centro della (non) manovra. Secondo tempo alla disperata, sbilanciati così tanto che qualunque squadra organizzata ci avrebbe punito, ma tant’è… Leggi il resto »

Alexander 84
Alexander 84 (@alexander-84)
8 mesi fa

Alcuni scrivono: “4 allenatori diversi e siamo sempre lì, non sarà sempre colpa dell’allenatore” purtroppo questa è una frase che per quanto nasconda un fondo di verità mi fa salire il sangue al cervello e vi spiego perché: è chiaro a tutti come ormai l’FC sia una società senza né… Leggi il resto »

madde71
madde71 (@madde71)
8 mesi fa
Reply to  Alexander 84

sacrosanto,scelte mai tecniche è derivante da magheggi o paciughi.
ho rivisto con calma le immagini,dare la colpa a sirigu è ridicolo,la parata decisiva mi ha ricordato gordon banks

odix77
odix77 (@odix77)
8 mesi fa
Reply to  Alexander 84

ùci sta , ma pensi che de zerbi da noi farebbe meglio? ho dei dubbi… e cmq il vero artefice dello sbando totale e dell’impoverimento di una buona rosa è stato mazzarri.. ha sostanzialmente silurato tutto ciò che era anche solo vicino alla qualità preferendo solo quantità e alla lunga… Leggi il resto »

Filippo Bull
Filippo Bull (@filippo-bull)
8 mesi fa

Come il Sassuolo poteva fare il3 gol è chiuderla noi potevamo segnare molto prima,le occasioni le abbiamo avute ma la smania della vittoria ed il loro portiere han fatto il resto. Quindi, giustamente,il Sassuolo è sceso in campo x giocarsela fino in fondo. Subito dopo il2-2 San Sirigu(in quella circostanza… Leggi il resto »

Toro, con l’Inter il coraggio: ma ora servono punti

Le altre compiono imprese: Toro, quando tocca a te?