Alle solite

di Franco Ossola - 27 Agosto 2019

Sta andando in scena per l’ennesima volta la sceneggiata dell’estate, ovvero il balletto dell’ultimo minuto. Il punto di vista di Franco Ossola

Non siamo neppure partiti e già siamo in acque agitate. Certo, la sonora – ché questo è stato – batosta a opera degli inglesi non ha giovato ad un morale che è stato elevato ad arte in modo fittizio (le due precedenti compagini incontrate e battute in Europa poco valevano) per tenere la situazione relativa al mercato in quiete e sotto controllo.

Come neppure una vittoria, che a me è parsa stentata, contro il Sassuolo ha dato una gran mano. Il campo dunque ha offerto le sue prime risposte e, onestamente, sarebbe impietoso iniziare con le giaculatorie, perché comunque la squadra ha del tono, ha una sua fisionomia, ha dei valori.

Tuttavia è su un altro piano, diverso da quello del gioco e del rendimento, essendo ogni giudizio  prematuro, che si comprende il lamento della tifoseria e di chi vuole bene al Torino.

Sta andando in scena per l’ennesima volta la sceneggiata dell’estate, ovvero il balletto dell’ultimo minuto.

In questo il presidente Cairo credo sia imbattibile, perché è una mimica che mette in atto da molti anni, senza rendersi conto come, gioco forza, ne venga fuori una sorta di provocazione, una palese insidia alla pazienza dei tifosi.

Quest’anno poi sembra voglia battere ogni precedente. Non solo ha volutamente atteso (e sta attendendo) l’esito della competizione europea, quasi a dire se si va avanti vedremo che fare, altrimenti stiamo come siamo; ma a fronte di reiterate promesse secondo le quali su una torta già di per sé ben farcita sarebbero arrivare più ciliegine non ha mosso un dito. Sembrano poi oltremodo stancanti i suoi richiami ad alcuni rientri (Bonifazi, Lyanco, Edera?) come se si trattasse di nuove acquisizioni, trattandosi per lo più di ritorni quasi d’obbligo, continuando, in aggiunta, a mancare invece alcuni precisi tasselli da innestare nell’organico.

Ne consegue, oltre la lecita impazienza dei sostenitori, che continua a restare misterioso l’atteggiamento del presidente che sembra contraddirsi nelle azioni e nelle parole.

Viene infatti da immaginare che l’intento di assemblare una squadra forte sia di per sé un valore assoluto e non dipendente o meno da un dato risultato (il prosieguo del cammino europeo, per esempio). Ci si danna tanto per farcela, per conquistare una postazione e poi ci si affida alla buona sorte senza aggiungere valore a un gruppo valido per renderlo ancora più importante di per sé.

Perché non arricchire la rosa per tempo, indipendentemente; perché arrivare sempre ultimi sul filo di lana della chiusura del mercato, perché ogni volta tirare una qualsivoglia trattativa così alle lunghe?

Atteggiamenti che stancano, sfiduciano, sfibrano, che suggeriscono mancanza di condivisione.

Ed è proprio qui che, alla fine, si riconduce tutto: all’amore (e non sto usando una termine eccessivo perché chi tifa ce lo mette). Un sentimento sul quale, al di là di modi, forme e apparenze, chi sostiene il Torino si interroga in merito al proprio presidente, che sarebbe bello vedere più impegnato in esercizi di affetto e passione oltre che soltanto chino nella valutazione di conti, bilanci e plusvalenze, per quanto indubbiamente utili.

più nuovi più vecchi
Notificami
pautanovic
Utente
pautanovic

IL PRESIDENTE CAIRO E’ UN EMERITO PAGLIACCIO COME TUTTI I LECCHINI CHE LO SOSTENGONO, TORONEWS IN PRIMIS. iO STO CON NKOULU, FA BENE AD ANDARSENE DA UNA SOCIETA’ SENZA DIGNITA’ ED AMBIZIONE

castellini70
Utente
castellini70

fa almeno piacere che qualcuno (della redazione) lo scriva a chiare lettere…
prima era solo il tonante lamento di chi frequenta questo sito per passione e non per mestiere (leggi pubblicisti mimmi&giggix).

bello anche rileggere Lovi… peccato per Mimashi… mi manca molto…

RiminiGranata
Utente
RiminiGranata

Se Questa volta parte N KOULOU la responsabilità è in gran parte Solo di CAIRO. Non vendere nessuno ed evitare di smobilitare reparti sono CONDIZIOINE NECESSARIA per dire che si vuole CRESCERE ma non sufficiente. Oltre a dire dei NO! Occorreva dare il segnale che si vuole CRESCERE come obbiettivi.… Leggi il resto »

Simone(Toroxever)dito su👆 per gli anonimi 🐰 🐰 🐰 68
Utente
Simone(Toroxever)dito su👆 per gli anonimi 🐰 🐰 🐰 68

Ma piantala….E’ SOLO di Cairo….