Atalanta-Torino, come di consueto il giorno dopo una partita del Toro ecco il punto sull’arbitro della partita di Carlo Quaranta

Nonostante il buon avvio di gara e sebbene abbia azzeccato la decisione nell’episodio clou del rigore che ha deciso il match, l’arbitro Maurizio Mariani ha lasciato alquanto a desiderare nella gestione complessiva e l’allontanamento per proteste dei due allenatori ne è stata la conseguenza.

Già al 3’ il direttore di gara di Aprilia interviene con il cartellino giallo per sanzionare un intervento da dietro di Bovo su Pinilla al limite dell’area granata: provvedimento giusto ancorché prematuro. La partita si rivela subito piuttosto spigolosa e Mariani è costretto ad interrompere frequentemente il gioco. Al 9’ Masiello commette un fallo su Martinez sulla trequarti, viene concessa la punizione ma poteva starci l’ammonizione anche in questo caso. Al 28’ Mariani cambia inspiegabilmente metro lasciando correre nonostante un evidente intervento falloso di Konko che ferma la ripartenza di Falque. Un minuto dopo, a causa delle temperature ancora troppo elevate, tutti fermi per rifocillarsi: time out di un paio di minuti. Alla ripresa del gioco Toloi trattiene Maxi Lopez che va via in ripartenza creando i presupposti per un’azione pericolosa ma per l’arbitro non c’è nemmeno fallo (da regolamento sarebbe stata anche ammonizione per l’atalantino). Per questo episodio s’infuria Mihajlovic il quale viene allontanato (32’) dopo la segnalazione del quarto uomo a causa della veemenza delle proteste. Al 35’ ammonizione a carico di Pinilla che cade a terra simulando un intervento falloso inesistente di Castan. Poi il direttore di gara commette errori nella valutazione del vantaggio non concedendolo né a Molinaro dopo un fallo su Martinez né a Gomez ostacolato da Valdifiori. Al 39’ rischia Martinez con un intervento a gamba tesa su Masiello ma anche in questo caso Mariani chiude un occhio. Al 42’ lo stesso Masiello entra in gioco pericoloso su Maxi Lopez.

Al 53’ ammonizione per Toloi per una presunta trattenuta al limite dell’area bergamasca su Maxi Lopez (dalle immagini non risulta così netta). Al 56’ è valido il pareggio di Masiello poiché Paloschi si trova in posizione di fuorigioco passivo. Al limite invece la segnalazione dell’offside nei confronti di D’Alessandro al 69’. All’81’ il direttore di gara giudica bene l’episodio che decide le sorti del match: in area granata Gomez supera De Silvestri il quale da terra allunga la gamba nel tentativo di colpire il pallone (?) trovando invece il piede dell’argentino. All’86’ viene allontanato dal campo per proteste anche l’allenatore bergamasco Gasperini; infine al 94’ sacrosanta ammonizione anche per il subentrato Acquah per un intervento duro su Kessie.

Seconda sconfitta per i granata con l’arbitro Mariani (dopo quella nella prima occasione nel 2012/13 contro il Parma), per il resto cinque vittorie ed un pareggio.


38 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
McKenzie
McKenzie
5 anni fa

Arbitro ininfluente sul risultato ma veramente mediocre, purtroppo come tanti degli arbitri che vediamo ogni partita

non-miva
non-miva
5 anni fa

Arbitro mediocre, ininfluente, inutile.

max69
max69
5 anni fa

Il fallo non fischiato su Falque mi ha fatto arrabbiare, ma onestamente molto di più mi ha fatto incazzare lo stesso Falque che si è fermato aspettando il fischio dell’arbitro.

Milan-Torino, il punto su Damato: l’arbitro non sbaglia niente

Torino-Empoli, Chiffi poteva fare meglio