Serie A, ecco quanto guadagnano gli arbitri in campionato

3
The referee Ivan Pezzuto gestures during the Serie A football match between Torino FC and Frosinone Calcio.

Arbitri, ecco quanto guadagnano in Serie A: gettone di presenza e stipendio fisso. Per una gara di Serie A si arriva a 3.800 euro

Un mestiere, prima di tutto. Come i calciatori anche gli arbitri di Serie A sono professionisti, sebbene molti di loro siano impegnati anche in altre attività extra campo. E come i calciatori sono sotto contratto e percepiscono uno stipendio. Ma quanto guadagnano i direttori di gara della massima serie? Curiosità lecita. Che grazie ai dati pubblicati dalla Gazzetta dello Sport può trovare risposta. Partendo proprio dai vertici dell’AIA, si scopre che il designatore Nicola Rizzoli percepisce 200.000 euro annui, mentre i suoi vice Gava e Stefani 45.000 euro ciascuno.

Arbitri Serie A 2018/2019: ecco quanto guadagnano

Un primo arbitro di Serie A percepisce invece, per una partita di campionato, 3.800 euro, mentre gli assistenti possono arrivare ad un massimo di 1.000 euro. Il compenso del quarto uomo si assesta sui 500 euro, mentre quello del VAR sui 1.500 euro (700 per l’assistente). Ritocchi al ribasso, invece, per le sfide di Coppa Italia: 1.000 per i turni eliminatori, 1.500 per i quarti, 2.500 per le semifinali e 3.800, quanto per una normale partita di A, per la finale.

Daniele OrsatoArbitri in Serie A: lo stipendio fisso e il contratto

Gli introiti per gli arbitri non arrivano però solamente dal gettone di presenza, bensì anche da uno stipendio fisso stabilito in base all’esperienza e al livello dei singoli direttori di gara. 80.000 euro all’anno per gli arbitri internazionali, 72.000 per chi ha diretto più di 71 partite in carriera nel massimo campionato e così via fino ad arrivare ai 45.000 annui di coloro che hanno arbitrato da una a 25 partite. Il fisso, come si diceva in apertura, è stabilito da un contratto che di anno in anno viene sottoscritto tra i fischietti, la FIGC e l’AIA. Contratto che, per ciò che riguarda questa stagione, ancora non è stato ratificato dalle parti in causa.

Il motivo? Secondo quanto riporta il Corriere dello Sport, a mancare è ancora la firma dei vertici dell’Associazione Arbitri che nel contratto vorrebbero inserire una clausola che impedisca i ricorsi “alla Gavillucci” (escluso dal campionato 2018/2019 e ricorso alle vie legali per tentare di controvertire la decisione). Possibile che la situazione si sblocchi dopo l’elezione del presidente federale, dopo il 22 ottobre prossimo. Solo a quel punto potranno partire le prime buste paga.

più nuovi più vecchi
Notificami
T
Utente
T

Fonte dei dati: bilancio di esercizio Juventus Football Club S.p.A.

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
Utente
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)

3800….a partita……che vergogna…a un dipendente servono quasi 3 mesi a 40 ore settimanali….fate veramente vomitare….

GranataDentro
Utente
GranataDentro

e pensare che di tutte le storture che sono nel calcio non è neppure la peggiore. Se aggiungi che per dare 100 euro in piu al mio dipendente devo pagarne quasi il doppio causa tasse. Mi sono fin ingengnato dei bonus e dei servizi per fare arrivare a chi merita… Leggi il resto »