Le parole di Gabriele Gravina, presidente della FIGC, sulla questione della ripresa del campionato e sui danni di un eventuale stop al calcio

Ancora diatribe sulla questione della ripresa del campionato. E Gabriele Gravina, presidente della FIGC ha le idee chiare a riguardo. “Non posso essere io il becchino del calcio italiano“. Affermazione eloquente, fatta a Che Tempo Che Fa e riportata da Gazzetta. “Fermarsi oggi sarebbe un disastro. Se il calcio non ripartisse, ci sarebbe un pesante impatto negativo sul settore ma anche sul Paese, visto che vengono movimentati circa 5 miliardi di euro. Lo scudetto? Andrà alla squadra che farà più punti perché sono convinto che continueremo a dare gioia e speranza agli italiani“.

Il presidente FIGC: “Ci sono due correnti di pensiero”

La speranza è quindi l’ultima a morire. Anche Gravina è convinto che sia possibile la ripartenza: Ci sono due correnti di pensiero: quella per la quale si dovrebbe chiudere tutta l’attività collegata al mondo dello sport e c’è una corrente che porto avanti che è quella di continuare. Spero comunque che l’Italia nel mese di giugno possa avere la possibilità di vivere un momento di sollievo diverso a quello che stiamo vivendo in questo momento.” Resta comunque ancora a perta la questione.

Il protocollo della FIGC è intato arrivato nelle mani del governo, che dovrà decidere il da farsi anche in base agli sviluppi dei prossimi giorni.

Gabriele Gravina, presidente della FIGC
Gabriele Gravina, presidente della FIGC
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 20-04-2020


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
1 anno fa

usar la parolabecchino in un contesto del genere è da veri schifosi. poteva usare altri termini.
ho ancora negli occhi l’immagine di camion pieni di bare, portate agli incneritori. lì la parola becchino, aveva e ha un senso compiuto.

che schfo schi schifo

Gravina: “Pronto il protocollo per la ripresa a maggio. Chi invoca lo stop non vuole bene agli italiani”

L’Aic: “Torniamo in campo ma niente corsie preferenziali per i controlli medici”