La presentazione dell’avversaria / La Roma sarà il primo ostacolo del Toro: Di Francesco opta per 4-3-3. C’è attesa per i nuovi innesti

Tra pochi giorni arriveranno gli ultimi verdetti del calciomercato ma, soprattutto, arriveranno i primi verdetti del campionato 2018/2019 con il Torino subito alle prese con un avversario più che ostico: la Roma. I giallorossi di Di Francesco arrivano da una sessione estiva di mercato piuttosto movimentata con due cessioni di altissimo livello come quelle di Alisson e Nainggollan ma con ben 12 colpi in entrata di cui alcuni, Olsen, Bianda, Marcano, Coric, Zaniolo e Kluviert, al loro esordio in Serie A. E di certo alla prima uscita stagionale, in trasferta in casa del Toro di Mazzarri appunto, la curiosità nei confronti dei nuovi arrivati sarà altissima.

Roma, difesa confermata. A centrocampo sarà la prima di Pastore contro il Toro

In fatto di moduli e di tattica, Di Francesco sembra indirizzato verso un classico 4-3-3 nel quale l’unico reparto a non aver subito particolari stravolgimenti è quello difensivo. L’unica grande novità in questo senso è il cambio tra i pali: dopo la partenza di Alisson, infatti, a proteggere la porta giallorossa sarà Olsen. Davanti a lui, il tecnico giallorosso potrà contare ancora su Florenzi e Kolarov ma anche su giocatori esperti come Santon, Fazio e Manolas. A centrocampo, invece, inamovibile sarà ovviamente Capitan De Rossi ma non solo. La Roma potrà infatti contare ancora su Strootman e Gonbalons ma anche su due inserimenti di tutto livello come Cristante e Pastore. E la curiosità riguarda proprio il secondo. Il difensore ex Palermo conosce alla perfezione il campionato di Serie A ma quella di domenica sera potrebbe essere la prima volta da avversario del Torino. Nella sua militanza in Italia, infatti, Pastore non ha mai affrontato i granata, in quegli anni alle prese con il campionato di Serie B. Difficile, invece, vedere già in campo l’ultimo acquisto giallorosso N’Zonzi arrivato proprio nella giornata di ieri.

Roma, Dzeko confermato al centro del tridente. C’è attesa per Kluivert

Per quanto riguarda l’attacco, Di Francesco si affiderà senza dubbio a Dzeko, uno degli  uomini migliori della Roma dello scorso anno che avrà il compito di guidare i giallorossi verso il primo successo stagionale. Accanto a lui, i giallorossi potranno ancora contare su Perotti e Schick come su Under ed El Shaarawy, confermato e blindato nonostante le tantissime voci di mercato che hanno inseguito l’attaccante. Tanta curiosità, invece, verso l’unico acquisto fatto dalla Roma per il suo  reparto avanzato. Si tratta di Kluivert, giovane attaccante classe 1999 e figlio d’arte. Il padre, infatti, è Patrick Kluivert, vecchia conoscenza del calcio italiano e, in particolare, del Milan di Sacchi.


2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
michele-miva "mi sembrava il toro pauroso di ventura"
michele-miva "mi sembrava il toro pauroso di ventura"
3 anni fa

Domenica ci prendono a pallate senza se e senza ma…..

die granata
die granata
3 anni fa

Spero solo che petrachi si stanca a fare sto lavoro xche a mio parere lui va sl xtrattative facili…petrachi via

Disastro di Genova, la Serie A: minuto di silenzio e lutto al braccio

Torino-Roma: arbitra Di Bello. Massa al VAR