Torino-Roma, tocca a Damato, il fischietto del gol annullato ad Arma

13

I precedenti / Damato torna a dirigere i granata dopo dieci mesi: in passato aveva già arbitrato un Torino-Roma, terminato 1-1

Non importa se da allora ha incrociato altre volte i granata: l’arbitro Damato resterà sempre quello del gol annullato ad Arma in quel Torino-Brescia, andata della finale playoff 2009-2010, che vide i granata perdere la possibilità di andare in Serie A. Una decisione sbagliata quella del direttore di gara, che torna a dirigere la squadra di Mihajlovic a dieci mesi di distanza dall’ultima volta. Il 29 gennaio scorso ha infatti arbitrato Torino-Atalanta, terminata 1-1, non incidendo nel risultato finale. Era la seconda direzione stagionale, visto che proprio Damato aveva inaugurato il campionato 2016-2017 del Toro di Mihajlovic, a San Siro: lui il fischietto del 3-2 in favore dei rossoneri, con tanto di penalty assegnato e sbagliato da Belotti nel finale per una trattenuta di Paletta ai danni del Gallo.

Andando a ritroso, nella stagione 2015-2016 Damato ha arbitrato il Toro proprio contro la Roma, stesso avversario di domenica. Anche in quel caso, il fischietto di Barletta aveva concesso un calcio di rigore al Toro di Ventura, trasformato da Maxi Lopez che aveva così risposto a Pjanic per l’1-1 finale. Stessa stagione, risultato diverso: Torino-Napoli, 2-1 per i partenopei, fu diretta ancora da lui. Nel 2013-2014 il Toro aveva incrociato Damato tre volte: è la stagione della qualificazione all’Europa dei granata dopo la vicenda Parma. Il fischietto fu protagonista proprio di Torino-Parma, una sorta di spareggio per l’Europa che vide due espulsi. Immobile, poi costretto a saltare Fiorentina-Torino, e Lucarelli. Non solo, perché venne anche concesso un calcio di rigore al Parma. Milan-Torino 1-1, con gol di Immobile e pareggio di Rami e Torino-Sampdoria 0-2, con gol in fuorigioco di Okaka convalidato, le altre due direzioni di quell’anno. Detto della gara contro il Brescia, la prima direzione in assoluto risale al 2008, Torino-Empoli 0-1. In totale Damato ha diretto il Toro diciotto volte: il bilancio è di quattro vittorie, sei pareggi e otto sconfitte.

Serie A, nona giornata: ecco le designazioni arbitrali

Sarà Damato di Barletta l’arbitro di Torino-Roma, la gara che vedrà giallorossi e granata di fronte per la nona giornata di campionato. Ecco tutte le designazioni arbitrali delle prossime sfide di serie A

ATALANTA – BOLOGNA
MARESCA
SCHENONE – GALETTO
IV: MARINELLI
VAR: DI BELLO
AVAR: PRETI

BENEVENTO – FIORENTINA
GAVILLUCCI
ALASSIO – ZAPPATORE
IV: DI PAOLO
VAR: MARIANI
AVAR: CARBONE

CHIEVO – H. VERONA h.12.30
ABISSO
LONGO – VIVENZI
IV: ROS
VAR: ORSATO
AVAR: PAGANESSI

LAZIO – CAGLIARI h.20.45
PAIRETTO
MONDIN – DE MEO
IV: GIUA
VAR: PASQUA
AVAR: BALICE

MILAN – GENOA
GIACOMELLI
POSADO – DI VUOLO
IV: LA PENNA
VAR: MAZZOLENI
AVAR: DOBOSZ

NAPOLI – INTER Sabato 21/10 h.20.45
BANTI
MELI – MANGANELLI
IV: IRRATI
VAR: ROCCHI
AVAR: PINZANI

SAMPDORIA – CROTONE Sabato 21/10 h.18.00
CALVARESE
BINDONI – PRENNA
IV: FOURNEAU
VAR: MANGANIELLO
AVAR: BARONI

SPAL – SASSUOLO
FABBRI
CRISPO – DI IORIO
IV: PICCININI
VAR: VALERI
AVAR: MINELLI

TORINO – ROMA
DAMATO
TEGONI – VALERIANI
IV: GHERSINI
VAR: GUIDA
AVAR: RAPUANO

UDINESE – JUVENTUS h.18.00
DOVERI
COSTANZO – PERETTI
IV: MARTINELLI
VAR: MASSA
AVAR: SACCHI

13 Commenti

  1. Io sono ancora convinto che fu una macchinazione di sky per non farci salire in A, poichè sarebbe stato più utile spartire i soldi dei diritti con le solite note. Del resto prima c’era stata la buffonata della bestemmia di Bianchi, con quell’imbecille di maifredi che da 100 metri di distanza riusciva a leggere il labiale, prova tv con specialista, dopodichè una partita arbitrata in modo indegno, con Bianchi costantemente massacrato e la perla finale del gol annullato ad Arma.

    • Me lo ricordo bene anch’io (vivo a Brescia, tra l’altro…). A velocità naturale ho cominciato ad inveire contro l’arbitro, quando hanno fatto vedere il replay ho cambiato idea ed ho cominciato ad inveire contro Arma. La maglia del difensore l’aveva tirata e il fallo c’era. Oltretutto del tutto inutile perché il goal l’avrebbe fatto anche senza quel fallo sciocco.