La prima avversaria del Torino nel 2023 sarà l’Hellas Verona, squadra che si trova attualmente all’ultimo posto in classifica

Finito l’impegno del Qatar, finite le amichevoli durante la sosta, è finalmente ora di campionato e fra due giorni, il 4 gennaio alle 14.30, per i granata è fissato il ritorno in campo. Appuntamento allo Stadio Grande Torino, dove il Toro affronterà il casa l’Hellas Verona. La squadra di Ivan Juric ha ben figurato in queste 4 amichevoli, dove ha attenuto 2 pareggi (1-1 con l’Almeria e 0-0 con la Cremonese), e 2 vittorie (1-0 con l’Espanyol e 4-1 con il Monza). Per adesso, la stagione dei veneti è stata un vero e proprio disastro. Ultima posizione in classifica con soli 5 punti, 15 in meno della scorsa stagione, dove ad allenare furono prima Di Francesco e poi Tudor.

La stagione dei rossoblù: da Cioffi a Bocchetti

Quest’anno è stato scelto Cioffi, ma è già stato sotituito da Bocchetti che ha collezionato 6 sconfitte di fila. Una sola vittoria, 2 pareggi e 12 sconfitte, con 12 gol fatti e 29 subiti. Anche il nuovo tecnico ha le ore contate, e quindi sarà fondamentale la partita contro il Toro, un motivo in più per alzare l’asticella dell’attenzione e non farsi sorprendere per i granata.

Da Juric a Verdi

Tanti bei ricordi per Juric al Verona, squadra da lui allenata per due anni con ottimi risultati e l’esplosione di talenti come Amrabat, Tameze, Rrhamani e Pessina. Per quanto riguarda i giocatori invece, ce n’è uno che vuole provare a rilanciarsi ed è Simone Verdi. Ancora di proprietà del Torino, dopo essere stato mandato in prestito alla Salernitana nella seconda parte della scorsa stagione, adesso si trova al Verona, per ritrovare minuti, forma e soprattutto le giocate che gli sono sempre mancate in granata. Mazzarri, Longo, Gianpaolo, Nicola e Juric: nessuno di questi è mai riuscito a tirare fuori il talento del giocatore pagato più caro nella storia del Torino, ma il futuro può rivelare sempre sorprese.

Simone Verdi
Simone Verdi
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 02-01-2023


11 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
markxxtoro
markxxtoro
25 giorni fa

Anche stavolta per digerire meglio la nostra opera buona di risvegliare i morti viventi di turno ci giochiamo un bel X2

eugenio morosini
eugenio morosini
25 giorni fa
Reply to  markxxtoro

Facendo li scongiuri, in considerazione della lunga sosta, i rapporti di forza potrebbero mutare per cui occorre tenere le antenne dritte per 95 minuti anche contro la squadra scaligera, ultima in classifica e reduce da dieci sconfitte consecutive.

Emil
Emil
26 giorni fa

Titolo peggiore non potevate fare….non riesco a smettere…sgrat sgrat sgrat 😀

ardi06
ardi06
26 giorni fa

Riusciremo a ridestare i morti viventi anche sta volta e anche grazie alle defezioni in attacco centrocampo ed esterni? Speriamo di no. In tacco me li tocco

eugenio morosini
eugenio morosini
26 giorni fa
Reply to  ardi06

Concordo assolutamente.

ardi06
ardi06
26 giorni fa

Al limite se perdiamo possiamo aiutare il verona a salvarsi ed a riscattare verdi per la felicità del ns filantropo carie

eugenio morosini
eugenio morosini
26 giorni fa
Reply to  ardi06

Effettivamente cinque milioni incassati per la cessione a titolo definitivo di Verdi al Verona costituiscono una parziale “boccata di ossigeno” per l’editore di Masio, il quale investì la cifra-monstre di 22 milioni per l’ingaggio dell’ambidestro “pupillo” dell’ex tecnico Mazzarri al termine del prestito dal Napoli con obbligo di riscatto datato… Leggi il resto »

ardi06
ardi06
25 giorni fa

Più che altro usa il diritto di non riscatto

Addio a Pelé, un minuto di silenzio nella prima giornata di Serie A del 2023

Serie A, le designazioni: Torino-Hellas Verona affidata a Dionisi, al Var c’è Banti