Daniele Baselli chiude la stagione regalando la vittoria al Toro, adesso testa alla Nazionale e alla conferma di Mazzarri

Dopo il gol di Pulici nel 1981, a distanza di 37 anni, il Torino torna a vincere in casa del Genoa grazie ad una doppietta siglata Iago Falque e Daniele Baselli. Una partita non esaltante quella dei granata che tuttavia è sufficiente per chiudere positivamente una stagione che non si può certo dire totalmente soddisfacente. Ma se la formazione di Mazzarri può festeggiare solo a metà, per alcuni dei singoli le gioie personali non sono mancate. Uno di questi è proprio Daniele Baselli che, seppur con qualche alto e basso stagionale, ha disputato un’annata più che positiva chiusa in bellezza contro il Genoa dove regala alla squadra il gol vittoria: “Sono contento per il gol, spero di fare meglio l’anno prossimo”. Al Toro il successo, a se stesso, invece, Baselli regala una probabile conferma e soprattutto la sua prima maglia Azzurra.

Baselli, crescita e motivazione: il suo futuro non sembra essere in dubbio

Trentuno presenze, a cui se ne aggiungono 2 in Coppa Italia, tre reti e due assist. Dopo il gol vittoria contro il Genoa, è questo il bilancio conclusivo di Daniele Baselli che, dopo aver regalato l’ultimo successo stagionale al Toro, attende di scoprire quale sarà il suo futuro e quello del prossimo Torino. Già, il futuro: il centrocampista non ha nessuna intenzione di abbandonare il Toro dove ha avuto modo di crescere e migliorare e se Mazzarri, come ha più volte dichiarato, vuole gente motivata, almeno da questo punto di vista Daniele Baselli non è di certo in discussione. Ed è lo stesso centrocampista a confermarlo: “Ho un contratto ancora lungo, sono motivato a restare anche perché devo tanto al Torino, ho firmato un contratto da poco e, a meno che non succedano cose eclatanti, non cambierò aria”.

Baselli e la Nazionale: con il Toro arriva la prima convocazione della carriera

Lo ha ammesso lui stesso, al Toro deve tanto e adesso dopo un impegno che, nonostante non abbia sempre portato in dote prestazioni ottimali, non è mai venuto meno, Baselli può finalmente festeggiare anche la prima convocazione in Nazionale.Aspettavo da tanto tempo la chiamata in Azzurro”, ha confermato nel postpartita il centrocampista granata che adesso avrà in tasca un’occasione ghiottissima. Il nuovo ciclo azzurro targato Mancini sta per prendere ufficialmente l’avvio e per Baselli, le due amichevoli in programma, rappresentano un trampolino importantissimo per guadagnarsi la fiducia del nuovo ct e confermare le sensazioni positive anche in casa in granata. Il suo futuro, si diceva, non sembra essere in discussione ma sarà proprio la sua prima convocazione in Nazionale a poter dare la spallata finale ad eventuali dubbi: mettersi in mostra sul palcoscenico internazionale, seppure solo in amichevole, sarà dunque lo step decisivo per strappare il sì di Mancini e, soprattutto, quello di Mazzarri.

 


14 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
McKenzie
McKenzie
3 anni fa

Ecco, chiude. Se magari avesse iniziato sarebbe stato meglio… 🙂

orso granata
orso granata
3 anni fa

Concordo con chi afferma che è il meno peggio tra i nostri centrocampisti. Non è un fenomeno ma è sicuramente un titolare per il prossimo anno. Bisogna vedere se gli affiancheranno i due elementi di cui abbiamo bisogno come il pane: un centrocampista con due piedi buoni e cervello veloce… Leggi il resto »

10genà
10genà
3 anni fa

Gol, Nazionale, #Motivazione e Blindamento contrattuale. Foto di una stagione alla Baselli. Quando il gioco si fa duro, non si parla di Lui.

carlo (Tifoso del Toro, quello che si chiamava Toro: non l'ex Toro di oggi, inneggiato dalla Redazione di poliestere di Agnelli & Cairo)
carlo (Tifoso del Toro, quello che si chiamava Toro: non l'ex Toro di oggi, inneggiato dalla Redazione di poliestere di Agnelli & Cairo)
3 anni fa
Reply to  10genà

hahaha

Milinkovic-Savic, l’esordio in A non convince: ora il mercato per rilanciarsi

Sirigu, finalmente la Nazionale. Due amichevoli per prendersi il futuro