Il difensore della cantera granata ha dimostrato prontezza contro l’Inter. Ora Juric decide: Buongiorno o Rodriguez a Genova?

Partita di grande attenzione, contro l’Inter, per Alessandro Buongiorno. Per il difensore classe ’99, si trattava della sedicesima presenza della sua stagione. L’ultima da titolare risaliva al k.o. esterno di Udine quando, per l’assenza di Bremer, fu costretto a giocare centrale nella difesa a tre al fianco di Zima e Ricardo Rodriguez. Non veniva impiegato dal primo minuto da braccetto di sinistra, proprio dalla gara di andata contro i nerazzurri. In quell’occasione venne sostituito da Ricardo Rodriguez, così come è accaduto domenica scorsa.

Presente in tutte le zone del campo, Rodriguez non altrettanto…

Juric non può che essere soddisfatto della sua prestazione. Soprattutto per aver limitato Barella nella marcatura a uomo e per aver gestito con grande freddezza alcune situazioni che si prospettavano intricate. Atteggiamento che non può lasciare indifferente Juric per il prosieguo della stagione. Non si può dire lo stesso del suo sostituto, Rodriguez appunto, colpevole di aver abbandonato la marcatura su Sanchez per chiudere su Dzeko, in occasione del gol del pari nerazzurro. Ora non resta che scegliere chi, tra i due, giocherà a Genova, venerdì.

Alessandro Buongiorno
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 15-03-2022


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Andreas
Andreas
2 mesi fa

“Ora sfida Rodriguez!” 😊 Sono due anni che si sfidano e si alternano !!

maximedv
maximedv
2 mesi fa

Vabbè, Rodriguez non è di sicuro un fuoriclasse e ieri ha giocato meglio buongiorno, ma sul goal l’errore è di Bremer, come sul colpo di testa di Dzeko. Ma oggi sembra sia un peccato capitale dirlo. Bremer che tra l’altro ha fatto una grande partita, ma alla fine ha fatto… Leggi il resto »

granatadellabassa
granatadellabassa
2 mesi fa

Fatemi capire una cosa. Nel primo tempo Berisha ha fatto due grandi parate sugli sviluppi di un calcio piazzato. Nel secondo tempo Dzeko ha avuto sulla testa due palle gol sotto porta, una Vecino, mentre Dimarco si è presentato davanti a Berisha. Ma siccome non abbiamo preso gol è tutto… Leggi il resto »

Pobega, da trequartista convince Juric: “Continueremo così”

Izzo ripescato dopo 3 mesi: e per poco non è decisivo