Lo spagnolo ha realizzato al “Grande Torino” sette dei nove gol totali: dopo la brutta prestazione di domenica il numero 14 è a caccia del riscatto

Un feeling particolare quello nato tra Iago Falque e lo stadio “Grande Torino”. Sette le reti messe a segno sul prato torinese, ovvero la stragrande maggioranza di quelle totali in campionato (lo spagnolo è a quota nove). La medicina dell’ex Olimpico potrebbe essere quella giusta per risollevarsi dopo la delusione di Empoli. Quel rigore tanto cercato, anche attraverso il diverbio con Belotti, e poi malamente sprecato ha segnato indelebilmente la prova del numero 14, per il resto contraddistinta da tanto anonimato. La rabbia al momento della sostituzione si è sfogata direttamente negli spogliatoi: lo spagnolo, infatti, non è rimasto in panchina a vedere gli ultimi minuti della sfida.

Una settimana per sbollire e incanalare l’amarezza in grinta per un pronto riscatto sembra sufficiente. La prossima sfida al Pescara, in programma domenica alle 15, arriva propizia. Di fronte Falque si troverà infatti la peggior difesa del torneo: cinquanta i gol incassati dagli abruzzesi, fanalino di coda del campionato. Lo spagnolo è pronto a riprendere il discorso da dove lo aveva interrotto, dall’esultanza per il momentaneo vantaggio contro l’Atalanta. Il decimo sigillo coronerebbe una stagione fin qui molto positiva, già ripagata dal recente riscatto, da parte granata, del suo intero cartellino.

I gol, certo, ma a Falque più che altro è richiesta una nuova prestazione di livello, dopo il nervosismo del “Castellani”. Mihajlovic si auspica che il suo numero 14 possa tornare ad essere quel motorino di fascia instancabile che tante gioie ha portato all’attacco granata. Ora il Toro ha bisogno di lui: Belotti non può caricarsi da solo sulle spalle tutto il peso offensivo, come fatto ad Empoli, ma ha bisogno di supporto efficace. Falque è chiamato a rialzare la testa e l’amico “Grande Torino” lo aspetta a braccia aperte.


12 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
keysersoze
keysersoze(@keysersoze)
4 anni fa

Qualcuno ha visto il filmato della punizione di Chiellini ribattuta su richiesta? Zingari e mafia sono dilettanti,cose da vomitare,da smetterla con il calcio…..

mas63simo
mas63simo(@mas63simo)
4 anni fa

Una partita in cui si ha solo da perdere : se vinci fai il tuo,se perdi o pareggi fai una figura di emme ! E comunque una partita inutile al fine della nostra classifica…arrivare 8○ o 16○ cambia poco !

marjanovic (presi dente cariato)
marjanovic (presi dente cariato)(@marjanovic)
4 anni fa

in casa è ottimo in trasferta fa a gara con Ljaijc a chi si nasconde meglio. E la vince. In trasferta comincerei a fare giocare boyé che almeno il piede lo mette per fare fallo. E visto come si è comportato con l’empoli io domenica giocherei con iturbe e boYé… Leggi il resto »

Torello77
Torello77(@torello77)
4 anni fa

Non farei troppi cambiamenti in una volta sola: valdi e baselli sono squalificati, dentro lukic e obi. Dietro rientrerà qualcuno (Rossettini? Zappacosta?). Davanti terrei Ljiajc e Belotti e butterei dentro Iago a gara in corso. Anche se il sostituto naturale è Iturbe, mi piacerebbe vedere Boyè, ma forse Iturbe è… Leggi il resto »

Torino, dopo la pausa si torna a lavorare: pomeriggio in Sisport

Rossettini, 7-10 giorni di lavoro personalizzato, Molinaro e Avelar in gruppo