Un solo tempo per Belotti in Italia-Uruguay nel quale il Gallo non trova il gol. Oggi riflettori puntati su Zaccagno e l’Under 20

In attesa di scoprire quale sarà il suo futuro, Andrea Belotti, dopo una stagione eccezionale con la maglia del Toro, è impegnato in questi giorni, a fianco del compagno di gol Immobile, con la Nazionale di Ventura in vista dei Mondiali 2018. E proprio nell’attesa di vederli impegnati nella partita contro il Liechtenstein, valida per le qualificazioni mondiali, ieri sera gli Azzurri sono scesi in campo contro l’Uruguay in un match amichevole che rappresentava un test importante per la squadra e per il ranking. Il ct Azzurro ha potuto mettere alla prova il gruppo in vista del prossimo impegno ufficiale e, almeno nel primo tempo, non ha voluto privarsi della coppia Belotti-Immobile. L’Italia parte subito bene, passando in vantaggio dopo appena 7 minuti dall’inizio del match ed è proprio il Gallo a rendersi immediatamente protagonista. Lancio lungo per Belotti che stoppa alla perfezione e spaventa, letteralmente, il difensore uruguayano Gimenez che, nel tentativo di bloccarlo, lo anticipa e insacca il pallone alle spalle di Muslera. Autorete clamorosa e vantaggio azzurro. Belotti mette dunque le cose in chiaro fin da subito: è lui una delle armi più forti della Nazionale Italiana e gli avversari lo sanno. Le occasioni non finiscono qui, l’attaccante granata dimostra di essere un punto fermo per gli Azzurri e di avere una particolare intesa con Immobile. Gli manca solo il gol che, almeno questa volta, non arriverà. Nella ripresa, infatti, Giampiero Ventura decide che per il Gallo può bastare e manda in campo Eder: appuntamento con il gol rimandato, dunque, ma l’importanza dell’attaccante granata è fuori discussione. Arriveranno altri due gol, firmati proprio da Eder e De Rossi su rigore, e l’Italia può superare agilmente l’Uruguay per 3-0 nonostante una partita dai ritmi non forsennati.

E se il Gallo rimanda l’appuntamento con il gol alla prossima sfida, quella con il Liechtenstein, il portiere Zaccagno, protagonista dello scudetto Primavera e attualmente in prestito alla corte di Moreno Longo alla Provercelli, è atteso da un’altra grande prestazione con la Nazionale Under 20. Dopo aver brillato per tutto il Mondiale che si sta svolgendo in Corea del Sud, infatti, il portiere Azzurro ha letteralmente trascinato i compagni ad un traguardo storico. Contro lo Zambia, con un’Italia in 10 per oltre un tempo, Zaccagno diventa uno degli eroi dei quarti di finale di questo Mondiale: salva la porta a più riprese e blinda una semifinale che è già un risultato enorme. Quest’oggi, all’ora di pranzo, Zaccagno e compagni affronteranno dunque l’Inghilterra con l’obiettivo di centrare un altro sogno: la finale mondiale.


2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Mimashi
Mimashi
4 anni fa

Ma quali due partite?
Hanno giocato 3 partite di girone, ottavi contro la Francia, quarti contro lo Zambia e semifinali contro l’Inghilterra oggi.
Zaccagno sempre titolare e sempre benissimo a parte il terzo gol subito oggi

carbonaro doc
carbonaro doc
4 anni fa

dopo aver brillato per tutto il mondiale…

hanno giocato due partite

Moretti una sicurezza, Castan la delusione: i pagelloni 2016-2017 dei difensori centrali

Under 20: Zaccagno non salva l’Italia, azzurri fuori dalla finalissima