Il duello di Samp-Toro / Belotti è sempre più fondamentale negli equilibri della formazione di Mihajlovic, Quagliarella è l’uomo in più di Giampaolo

Dopo la parentesi di Coppa Italia, il Torino vola a Genova a casa della Sampdoria. Una partita non semplice, contro una squadra organizzata, ma fondamentale per continuare la corsa all’Europa, ormai ufficialmente l’obiettivo stagionale, e per affrontare la settimana che porterà al Derby in maniera serena. Dall’altra parte la Sampdoria vuole fare punti importanti per staccarsi dal gruppo di metà classifica. Insomma, un match che entrambe le formazioni vogliono a tutti i costi portare a casa e per farlo non possono non affidarsi alle loro punte di diamante, anche e soprattutto in attacco. Eco allora che, sfida dentro la sfida, sul campo di Marassi si troveranno di fronte due giocatori che alla maglia granata devo molto: da un lato Belotti, che con il Toro ha trovato se stesso e un rendimento spettacolare, dall’altro Quagliarella, cresciuto tra le fila granata e oggi avversario pericoloso.

Andrea Belotti. Sul Gallo è stato già detto praticamente tutto: l’attaccante è indispensabile al Toro di Mihajlovic. E non solo per i gol, 10 in 12 partite disputate, ma per grinta, tenacia, gioco e capacità di fare reparto alla perfezione con compagni del calibro di Ljajic e Iago Falque. È lui iil vero faro, il punto di riferimento della formazione granata, tanto che quando manca la sua assenza si ripercuote sul rendimento di tutto il gruppo. E lo sanno bene gli avversari, ormai concentrati a raddoppiare le marcature e ostacolare i movimenti del Gallo cercando di impedirgli di arrivare sotto rete dove la probabilità che vada a segno è altissima. Sarà così anche oggi pomeriggio, quando Belotti darà tutto per poter alzare la cresta anche contro una Sampdoria che, indubbiamente, avrà studiato alla perfezione le sue mosse. L’eventuale vittoria del Toro non potrà prescindere anche dalla prestazione del suo numero 9.

Fabio Quagliarella. Due esperienze con la maglia granata e, adesso, due anche in blucerchiato. Corsi e riscorsi storici per l’attaccante che al Toro è cresciuto, come giocatore e come persona, e che al Toro ha voluto ritornare nel 2014 per ritrovare uno spazio che da troppo tempo mancava. Nel gennaio scorso, poi, un nuovo approdo alla Sampdoria dove si è imposto come uno dei giocatori più importanti della formazione blucerchiata. Se Andrea Belotti potrà essere la pedina in grado di far pendere la bilancia a favore dei granata, Fabio Quagliarella sarà sicuramente quello in grado di trascinare i suoi compagni verso i tre punti. le doti tecniche e la capacità di risultare decisivo sotto porta sono caratteristiche ormai ben note a tutti, difesa granata compresa. Una difesa che dovrà essere attenta, in grado di bloccare le giocate di quello che rischia di essere l’uomo più pericoloso della squadra di Giampaolo, senza errori e sbavature. In caso contrario Quagliarella è di certo in grado di fare la differenza.


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Messicoenuvole
Messicoenuvole
5 anni fa

CAMPIONATO PRIMAVERA – AVELLINO-UDINESE 3-1. Sorpresissima in Irpinia nel posticipo del Girone B. Un baldanzoso Avellino, con una gara d’attacco e mai rinunciataria, sorprende i friulani, battendoli inesorabilmente. Anche sfortunati gli ospiti di Mattiussi, che collezionano ben 3 pali, un rigore sbagliato ed un’espulsione (Garmendia). L’Udinese resta ferma a 17… Leggi il resto »

Bacigalupo1967
Bacigalupo1967
5 anni fa

Oggi non si scanseranno….campionato falsato a favore delle merde tanto.per cambiare. In giuve samp. Gianpaolo.ex gobbo tenne a riposo quagliagobbo e muriel. Ma non vi era l’obbligo di schierare sempre la formazione migliore?? Fvcg

carbonaro doc
carbonaro doc
5 anni fa

SPACCHIAMO LA SAMP !!!

Cairo: “Mihajlovic? Da subito chiaro sull’Europa, mi è piaciuto”

Cairo annuncia: “Belotti fino al 2021, con clausola da 100 milioni!”