17° turno dei Serie A, la Roma tenta l’attacco al vertice affrontando la Juventus, il Milan rincorre la vetta affrontando l’Atalanta

Saranno tre gli anticipi che, a partire da questo pomeriggio, apriranno la 17ª giornata di Serie A, penultimo appuntamento prima della pausa natalizia. Un turno che si prospetta fondamentale, soprattutto nella parte alta della classifica. Ma andiamo con ordine, la prima partita, quella delle 15, coinvolge la parte bassa della classifica dove si affronteranno Empoli e Cagliari. Alle 18, invece, sarà il turno del Milan che contro l’Atalanta si gioca il possibile aggancio al secondo gradino. Ma è alle 20:45 che va in scena l’incontro più caldo del weekend calcistico. Dopo la vittoria nel derby, infatti, la Juventus ospita al J-Stadium la Roma di Spalletti in un incontro che potrebbe rendere estremamente interessante la lotta scudetto. I giallorossi sono attualmente a meno 5 dalla vetta e una vittoria li riporterebbe a strettissimo contatto con la squadra di Allegri.

Spazio all’altra milanese nell’incontro delle 12:30 di domenica quando l’Inter affronterà in trasferta il Sassuolo. I neroazzurri continuano a manifestare serie difficoltà ma la vittoria contro il Genoa da sicuramente morale agli uomini di Pioli.

Nel pomeriggio, il Chievo, reduce dalla vittoria esterna contro il Palermo, ospita la Sampdoria mentre il Torino tenterà di ripartire dopo la sconfitta nella stracittadina affrontando il Napoli al San Paolo. In zona retrocessione, invece, il Pescara affronterà in casa il Bologna mentre il Crotone dovrà affrontare in trasferta l’Udinese.

A chiudere il 17° turno di campionato, infine, ci penseranno i due posticipi delle 20:45 tra Genoa e Palermo e tra Lazio e Fiorentina.


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
GlennGould
GlennGould(@glenngould)
5 anni fa

Scontro al vertice. Primo piano per Florenzi. Che non gioca dal 20 ottobre e che rientra a febbraio se va bene. Grazie di esistere, siete straordinari. Per toro Napoli potreste mettere una foto di Avelar.

Toro, spiega le vele anche in trasferta: è in attacco la differenza

Benassi: “Molto delusi dal risultato nel derby”